Utente cancellato
Gentili medici,

ho 23 anni e da 2 giorni ho dolore al colon ascendente. Solo dolore, fastidio e mi e capitato di sentire anche dolore in qualche movimento.
Ho fatto una cura con Debridat qualche mese fa ma adesso il dolore è tornato.
Può essere l'uso di peperoncino? Dopo la prima cura non ne ho fatto più uso ma 3 giorni fa ho mangiato un piatto di pasta molto abbondante di peperoncino.

Ho solo sintomo di dolore e nessun problema di defecazione, colite o altri sintomi da colon irritabile.

Devo per forza fare una cura o posso soltanto evita cibi speziati, bibite gassate e caffè?

Grazie e un cordiale saluto

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
per esprimere un parere è utile sapere che tipo di dolore avverte in fianco destro: sordo, trafittivo, intermittente, tensivo, crampiforme?
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
223527

dal 2011
Gentilissimo Dr. Scuotto,
la ringrazio per la celere risposta. Il mio è un dolore a fitte ogni tanto o quando faccio qualche movimento ( per esempio mi sono "tuffata" nel letto per sedermi e ho sentito una fitta), sopportabilissimo ma che ovviamente da fastidio sentirlo.

Attendo una sua risposta e la ringrazio nuovamente

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
le fitte in fianco destro possono essere attribuite a spasmi del colon o delle vie urinarie: la visita medica è in grado di stabilire la differenza.
Nel caso di spasmi del colon, e in assenza di altri sintomi, è possibile che siano riflessi per occasionale distensione gassosa.
Se i disturbi arrecano solo "fastidio" può darle giovamento l'assunzione temporanea di carminativi naturali (tisana ai semi di finocchio) o di tensioattivi (simeticone).
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.