Utente 248XXX
carissimo dottore sono un ragazzo di 32 anni che soffre di ernia iatale conreflusso gastro oramai da anni pero il mio problema non e ne il mal di stomaco ne bruciori ne acidita, ma solo una fame d aria assurda tanto da sentirmi sempre male , affanno e dolore al petto e alla schiena. ogni respiro che provo a fare mi sento come se avessi un tappo e mi tira dietro la schiena mi sento di morire. ho fatto tante cure farmacologiche per l ernia iatale, ho fatto visite cardiologiche esami del sangue ma tutto bene. che dovrei pensare all operazione dell ernia e del reflusso per risolvere questa fame d aria assurda che ormai non mi fa piu vivere???? a volte mi sembra di non arrivare al giorno dopo. grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Si fermi ! La fame d'aria non la risolve con l'intervento chirurgico per l'ernia iatale. Ovviamente e importante avere eseguito correttamente la terapia antireflusso, poi consideri un problema .... ansiogeno.

Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 248XXX

Allora dottore le mando esami : Gastroscopia fatta il 18 08 2010
esofago normale per calibro, decorso e peristalsi. la mucosa del tratto precardiale si presenta iperemica ed e solcata da erosioni longitudinali, in parte a fondo deterso, in parte a fondo fibrinoso, tendenti a confluire. Linea Z a 36cm dall AD, cardias incontinente. Stomaco a pareti facilmente distensibili, rivestite da mucosa di aspetto normale a l fondo, corpo ed antro. Lago mucoso chiaro, peristalsi valida, angulus regolare, piloro pervio. In inversione si apprezza ernia iatale da scivolamento. Nulla da segnalare al bulbo ed al secondo duodeno esplorato.
Biopsia in antro per ricerca HP con test rapido dell ureasi NEGATIVA
Conclusioni: Ernia Iatale da scivolamento con esofagite di grado C sec LA


Manometria Esofagea fatta il 15 Novembre 2011 ( Le scrivo la conclusione)
Conclusione: Normotono basale dello sfintere esofageo inferiore con rilasciamenti postdeglutivi coordinati e completi. Peristalsi normotonica e regolarmente propagate.



PH-Impedenzometria gastro-esofagea delle 24 ore

Metodo: Sondino impedenzo-pHmetrico multicanale con due rilevatori pH-metrici in antimonio disposti rispettivamente a 5 cm al di sopra del LES e a 10 cm al di sotto del LES, e con 6 rilevatori impedenzometrici posizionati a 3,5,7,9,15,17 cm dal LES.
Conclusioni: Il quadro pH-impedenzometrico esofageo ha mostrato un esposizione acida dell esofago distale patologica ( % di tempo con pH <4/24h:7.7%;n.ro totale reflussi distali: 90/24 ore di cui 55 reflussi acidi e 35 reflussi non acidi:n.ro reflussi prossimali: 51 di cui 30 acidi e 21 non acidi). pH medio gastrico 1.32
Si conclude per un reflusso gastroesofageo patologico di natura prevalentemente acida e con significativa estensione prossimale.

questi sono i miei esami ho fatto tante cure anti reflusso con l ultima 45 giorni di pantorc levobren e noremifa ma nessun beneficio.

ho letto che l ernia iatale porta anche problemi respiratori molto gravi .
questo non potrebbe essere il mio caso????
lei non crede che operandomi potrebbe sparire questa mia fame assurda di aria e anche a volte asma????
Attendo un sua risposta
grazie

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Lo studio pH-impedenzometrico ha rilevato un reflusso gastroesofageo patologico di natura prevalentemente acida e con significativa estensione prossimale. Ciò significa che il reflusso potrebbe essere la causa dei disturbi respiratori. E' importante però che lo specialista pneumologo esluda altre possibilità di sua competenza. Ovviamente si può intraprende il trattamento con IPP a dose doppia giornaliera per almeno 60 giorni e valutare l'effetto. In pratica prima di decidere per la chirurgia bisogna avere idee chiare sulla responsabilità del reflusso nei sintomi respiratori.


Cordialmente



Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 248XXX

grazie della sua disponibilita dottore, quello che dico io e che se uno specialista pneumologo esclude sintomi di sua apartenenza cio vuol dire che il mio problema e dovuto solo ed esclusivamente al reflusso??? ripeto se non avessi questa fortissima fame d aria con dolori ad ogni respiro toracici e retrosternali sarei sanissimo non ho acidita ne mal di stomaco, ogni tanto qualche eruttazione interna ma potrei mangiare qualsiasi cosa senza aver mal di stomaco!!!! possibbile che questo reflusso mi porti questa terribbile mancanza d aria???? come faccio ad avere la sicurezza una volta escluso cause pneumologiche che il mio problema sia dovuto solo ed esclusivamente al reflusso????? (una volta ho fatto anche una visita spirometrica e tutto era nella norma pero senza altri esami). mi danno levobren per calmare la mia ansia ma io mi sento ansioso soprattutto per il mio male. mi conviene fare un altra gastroscopia per vedere la mia ernia come e progredita?? visto che non la faccio da quasi 2 anni??? mi scusi dottore se la procuro tanto fastidio ma non so proprio che strada scegliere visto che oguno dice una cosa diversa. grazie mille

[#5] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La gastroscopia non è necessario ripeterla, mentre è utile ciclo di terapia con antisecretivi a 40 mg x per 2.

Cordiali saluti







Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente 248XXX

dottore quindi non potrebbe essere che la mia ernia sia cresciuta e sia salita su nel torace opprimendo le vie respiratorie???? cioe per capirci il mio problema non sarebbe dovuto all ernia ma solo ed esclusivamente al reflusso???? nonostante io non abbia ne acidita ne vomito ne altri sintomi acidi?? solo eruttazioni interne (quando immetto aria mi sento come se avessi una pressa che mi comprime schiena torace impedendomi di respirare)
ho fatto una terapia di 45 giorni con mattina pantorc 40 e poi a cena una levobren e noremifa 2 dopo i pasti ma senza nessun beneficio. ora il mio dottore mi ha aggiunto KAVANS 2 mi sembra un integratore perche crede che la mia mancanza d aria potrebbe essere un fatto ansioso, ma io non credo perche possibbile che io stia cosi 24 ore al giorno anche nei momenti felici stia male????? vado a dormire che sto male e mi sveglio peggio.Lei che mi consiglia di continuare questa cura che non mi sta facendo nessun effetto?????
la ringrazio ancora della sua infinita disponibilita

[#7] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
L'ernia non progredisce in modo smisurato in poco tempo. Quindi escludo tale problematica. La spirometria ha escluso problemi respiratori per cui credo utile continuare con la terapia in atto e pensare se realmente di fondo non ci sia anche una problematica ansiogena.

Cordialmente


Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#8] dopo  
Utente 248XXX

dottore quindi e inutile prenotare una visita da un pneumologo privato? potrei avere un allergia a qualche alimento? visto che a stomaco vuoto mi sento meglio e come mi siedo a tavola e mangio qualsiasi cosa mi viene subito questa mancanza d aria e dolore assurdo alla schiena e al torace ( faccio pressione al torace e mi tira dietro ). non credo che questi dolori siano dolori mentali o ansiosi

[#9] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Mi sembrava che lo specialista pneumologo avesse escluso problemi polmonari. Ad ogni modo ne parli con un gastroenterologo per valutare la possibilità di rifare l'esame gastroscopico.

Cordiali saluti

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#10] dopo  
Utente 248XXX

dottore mi scusi ma l esame gastroenterologico e in grado di vedere se la mia ernia sia troppo grande (lultimo gastroenterologo mi disse che con la gastroscopia non si e in grado di stabilire la grandezza dell ernia) e che sia proprio la mia ernia a procurarmi questi problemi respiratori come un tappo???? e non il reflusso???
grazie tante

[#11] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Solo con la gastroscopia si può valutare l'ernia che non penso sia la causa dei suoi disturbi.

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#12] dopo  
Utente 248XXX

Gent. Dottor Cosentino a distanza di 3 mesi ho fatto cura con pantorc 40 e levobren 25 mg senza ottenere risultati. Continuo ad avere una fame assurda d aria con dolori fortissimi alla schiena e fitte al torace. Ogni respiro che provo a fare e come se avessi un peso che non mi permette di farlo e mi fa diventare matto. Non riesco più neanche ad uscire per fare 2 passi , devo stare disteso perché in piedi ho mal di schiena e solo così riesco a respirare. Ho rifatto la gastro per capire se il mio problema fosse la mia ernia le mando i risultati.

AGEVOLE INTRODUZIONE DELLO STRUMENTO IN ESOFAGO CHE APPARE CON CALIBRO E DECORSO NELLA NORMA . A LIVELLO DEL TERZO INFERIORE SI APPREZZA RISALITA DELLA Z LINE CON ACCENTUAZIONE DEI VASI A PALIZZATA COME DA LIEVE ESOFAGITE. STIMACO DI NORMALE FORMA E VOLUME CON PARETI NORMODISTENSIBILI ALL'INSUFFLAZIONE. LAGO MUCOSO CHIARO. LIBERO IL FONDO. ALLA MANOVRA DI RETROVERSIONE SI RISCONTRA SEGNO DEL BATACCHIO DI CAMPANA ( GEFV GRADO 3 SEC. HILL ) PILORO EUCENTRICO PERVIO. INDENNE IL DUODENO FINO A DII

DIAGNOSI ENDOSCOPICA: ESOFAGITE LIEVE ED ERNIA IATALE DA SCIVOLAMENTO

QUESTA E LA GASTROSCOPIA, MI HANNO DETTO CHE LA CAUSA DELLA MIA MANCANZA D ARIA POTREBBE ESSERE LA MIA ERNIA CHE RISALE VERSO IL TORACE PROVOCANDOMI QUESTA FAME D ARIA MA CHE NON E SICURO!!!!
Lei CHE PENSA DOTTORE?
GRAZIE MILLE

[#13] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
E' difficile mettere in relazione il suo disturbo con l'ernia iatale anche se non è da escludere. Per uno studio ottimale dovrebbe eseguire uno studio con bario (tubo digerente). In tal modo si hanno idee più chiare sulle dimensioni dell'ernia e l'esame potrebbe servire ai fini di una eventuale valutazione chirurgica.

Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it