Utente

Egr. Dr., utente 75703. moglie di anni 60 , affetta da mixedema e gastrite atrofica (scoperta 12 anni fa senza sintomatologia) con valori crescenti di gastrina(nel 2002 era 1100 nel 2008 era 3000. Da allora non l’abbiamo più ripetuta. Mia moglie da 20 giorni soffre di orticaria diffusa. Il curante sospetta che sia dovuto ai FANS che ha preso. In passato nessuna allergica ai FANS. Nello stesso tempo il medico curante ci ha spiegato che potrebbe essere una coincidenza l’orticaria con l’assunzione dei FANS, ma potrebbe dipendere anche dalla gastrite atrofica e/o mixedema. Per cui ci ha consigliato visite specialistiche. In cura con antistaminico, solo un giorno ha preso una cp di cortisone, perche solo con l’antistaminico i ponfi e il prurito non andavano via. Quando prende l’antistaminico i ponfi si attenuano tantissimo, rimangono solo sottopelle e il prurito passa completamente. Se smette l’antistaminico dopo due giorni si ripresenta l’orticaria.

Il 14/06/2011 ha eseguito una gastroscopia: nulla a carico dell’esofago, linea zeta in sede, Cardias continente, nulla a carico del fondo, del corpo e dell’antro. Nulla a carico della prima e seconda porzione duodenale. Conclusioni: Aspetto della mucosa gastrica da definire istolog.
ESAME ISTOLOG. del 23/06/2011
Materiale in Esame:
1. Biopsia fondo
2. Biopsia corpo
3. Biopsia antro


Gastrite cronica atrofica
Diagnosi:
1. Due frammenti di mucosa gastrica del fondo, caratterizzati da atrofia di grado severo delle ghiandole oxintiche sedi di metaplasia pseudopilorica ed intestinale completa e incompleta a carico dei colletti ghiandolari; corion sede di flogosi cronica aspecifica con segni di attività.
Iperplasia delle cellule endocrine ECL lineare e micronodulare, occasionalmente di tipo microadenomatoide, valutazione effettuata all'indagine immunoistochimica con siero anticromogranina.
Negativa la ricerca dell'Helicobacter like-organisms
2. Due frammenti di mucosa gastrica del corpo, caratterizzati da atrofia di grado severo delle ghiandole oxintiche, sedi di metaplasia pseudopilorica a carico dei colletti ghiandolari, da flogosi cronica aspecifica del corion.
Iperplasia delle cellule endocrine ECL lineare e micronodulare, occasionalemte di tipo microadenomatoide, valutazione effettuata all'indagine immunoistochimica con siero anticromogranina.
Negativa la ricerca dell'Helicobacter like-organisms
3. Due frammenti di mucosa gastrica dell'antro, caratterizzati da focali aree di infarcimento emorragico recente a localizzazione superficiale, e di lieve flogosi cronica aspecifica.
Iperplasia delle cellule G diffusa di grado moderato e severo, valutazione effettuata all'indagine immunoistochimica con siero antigastrina. Negativa la ricerca dell'Helicobacter like-organisms

I tempi per prenotare sono lunghissimi e noi viviamo con ansia questa situazione, per cui vi chiedo:
- che esami potremmo fare o come comportarci per arrivare ad una diagnosi per l’orticaria.
Cordialmente

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
L'associazione con l'orticaria, in alcuni pazienti, è legata alla presenza dell'Helicobacter Pylori, nel vostro caso però è negativo.
Avete consultato uno specialista dermatologo?

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Chiedo scusa Dr. Quatraro se non ho risposto prima per ringraziarlo, ma stavamo fuori sede. Il Dermatologo e stato consultato e ha consigliato a mia moglie di continuare la cura con antistaminico Kestine (2cp al dì) e un quarto di diflucan al giormo Ma nonostante la cura, l'orticaria non va via ompletamente, la maggior parte dei ponfi si attenuano, rimanendo però sotto pelle, mentre alcuni non vanno proprio via. Mentre il prurito si attenua moltissimo e in molte occasioni sparisce completamente. Inoltre, in considerazione che mia moglie soffre da anni di gastrite atrofica con metaplasia diffusa e mixedema come ho spiegato nel post precedente, il dermatologo ci ha consigliato di condultare specialisti gastroenterologi ed endocrinologi.
Il dermatologo è in ferie, per cui non è raggiungibile per chiedere ulteriori chiarimenti, i tempi per le visite sono lunghissimi, per cui vorrei chiederle:
- In considerazione che sono ormai più di dieci giorni di cura e non ha preso nessun FANS che secondo il dermatologo potevano essere la causa , come spiegato nel post precedente, deve continuare la cura?
- deve sostituire l'antistaminico, aumentare il cortisone, deve sospendere il cortisone
- E' possibile che nonostante la cura e l'eliminazione dei fans(sospetta causa)
l'orticaria ancora non va via.
- Può l'orticaria essere legata alle patologie sopraesposte, anche se ne soffre da moltissimo tempo.
- Può l'orticaria essere legata all'aggravarsi delle sopraesposte patologie
- Deve andare al pronto soccorso per accellerare i tempi

Vivo in ansia per questa orticaria che non va via e penso a brutte patologie.

Cordialmente

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non è sempre semplice risalire alle cause di un'orticaria.
Mi sentirei di escludere sia neoplasie (se a queste lei alludeva),
ed anche cause gastroenterologiche (non ne ravvedo elementi probanti).

Le linee guida del sito non consentono indicazioni terapeutiche, in quanto esse sono il risultato di una visita medica.
Mi permetto di consigliare a sua moglie una visita specialistica immuno-allergologica.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie del consiglio e un grazie per la sua disponibilità Dr. Quatraro, Ho prenotato la visita dall'allergologo.

Cordialmente

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ci mancherebbe.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Chiedo scusa Dr. Quatraro se insisto sull'argomento. Ho preso atto che le linee guida del sito non consentono indicazioni terapeutiche. Ho prenotato dietro suo consiglio la visita specialistica, ma i tempi sono lunghi (fine agosto). IL medico curante è in ferie e il suo sostituto, senza visitarla, da ieri, le ha cambiato l'antistaminico prima prendeva Kestine(2cp al dì) adesso il Robilas 2cp al dì) e ha incominciato a scalarle il cortisone (ha preso per quindici giorni un quarto di daflon 30mg. Da ieri ha preso un quarto di Deltacortene 25mg. Stamattina si è svegliata tutta piena di ponfi anche su zone dove prima l'orticaria non era mai uscita. Ho telefonato al medico e mi ha risposto, anche in modo scarbato di andare al pronto soccorso.
Non so più a chi chiedere consiglio. Se devo riprendere la vecchia cura (kestine+ un quarto di daflon, scalare il cortisone , nonostante la non remissione dell'orticaria, prendere solo l'antistaminico (toglie il prurito ma non i ponfi), andare al pronto soccorso. MI scuso ancora per l'insistenza

Cordialmente

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
I due antiistaminici sono assai simili.

<<il suo sostituto, senza visitarla>>,

qui sorge il problema,
le opzioni terapeutiche non possono essere,
come ben comprenderà,
consigliate online,
ovvero senza visita,
occorre l'assuzione diretta di responsabilità di un medico che visiti sua moglie.


Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente
Grazie comunque Dr. Quatraro per la disponibilità e la pazienza di aver letto i miei post
Cordialmente

[#9]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Di nulla.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#10] dopo  
Utente
Egr. Dr. Quatraro, a mia moglie l'orticaria dopo 40 giorni di cura con antistaminici e 15 giorni di cura con cortisone a basso dosaggio non va via. Ieri ha eseguito la gastroscopia di controllo per la gastrite atrofica con relative biopsie di cui le invio il referto:
esofago normale e cardias incontinente. Il cavo gastrico si presenta ben distendibile all'insufflazione gassosa. A livello del corpo-fondo il rilievo plicale appare poco rappresentato ed il rivestimento mucoso si presenta assottigliato con disegno vascolare ben evidente; nel corpo presenza di rilevatezza mucosale sessile iperemica, delle dimensioni di circa 3mm, che si bioptizza. A livello antrale la mucosa si presenta lievemente congesta ed iperemica. Il piloro in asse, normoconformato e pervio al passaggio dello strumento. Negativa l'esporazione della prima e seconda porxione duodenale. Sono state eseguite biopsie antro-corpo e fondo. Per la rilevatezza mucosale sessile è stato chiesto di studiarla istologicamente con il seguente quesito: atrofia o una displasia?. Egr. Dr. Quatraro vorrei chiederle:
- dopo aver fatto la gastroscopia con relative biopsie, durante la notte e stamattina sono aumentati i ponfi dell'orticaria e il prurito. Può esserci un nesso tra gastroscopia con relative biopsie e l'aggravarsi dei sintomi dell'orticaria?
- Cosa significa: presenza di rilevatezza mucosale sessile iperemica, delle dimensioni di circa 3mm,
- In caso fosse displasia qual è la gravità?

Cordialmente

[#11]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
<<Può esserci un nesso tra gastroscopia con relative biopsie e l'aggravarsi dei sintomi dell'orticaria?>>

No


<<Cosa significa: presenza di rilevatezza mucosale sessile iperemica, delle dimensioni di circa 3mm,
- In caso fosse displasia qual è la gravità?>>,

è davvero arduo fare una biopsia su una lesione di 3 mm. poichè , con tali minime dimensioni, di fatto viene asportata (come sarebbe in effetti da fare)!

La gravità (o meno) si desumerà dal responso istologico.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#12] dopo  
Utente
Grazie Dr. Quatraro per la disponibilità e per la risposta immediata. Quando Lei mi riscrive << Cosa significa : presenza di rilevatezza mucosale sessile iperemica , delle dimensioni di circa 3mm>> vuole intendere che è una dicitura inesatta? Non esaustiva? Forse è il caso di contattare il gastroenterologo che ha eseguito la gastroscopia per chiedere maggiori delucidazioni? Chiedere anche se questa rilevatezza è stata tolta o solo bioptizzata?
Conclusioni del referto: Gastropatia diffusa in corso di definizione istologica, cardias incontinente.
Cordialmente

[#13]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
E' sempre utile chiedere delucidazioni.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#14] dopo  
Utente
Egr. Dr, Quatraro, ho cercato di mettermi in contatto con il gastroenterologo che ha eseguito la gastroscopia per chiedergli se la formazione sessile di 3 millimetri come spiegato nei post precedenti sia stata tolta. Purtroppo il gastroenterologo è in ferie e torna a fine mese. Abbiamo avuto il referto istologico che riporto fedelmente:
IRCCS - CASA SOLLIEVO DELLA SOFFERENZA í
OPERA S.PIO da PIETRELCINA
U.O.C. di ANATOMIA PATOLOGICA
71013 S. Giovanni Rotondo (FG) - Viale Cappuccini - tel. 0882.410365; 0882.410370 Fas 0882.410411
Provenienza: AMBULATORIALE Medico Richiedente: D. S.

Accettazione informatica: GC
ESAME ISTOLOGiCO
Materiale in Esame:
1. Antro
2. Corpo-fondo
3. Rilevatezza corpo
Notizie Cliniche
Gastropatia atrofica Rilevatezza sessile
Quesito clinico
Gastrite atrofica? Atrofia? Displasia?
Codice Tecnico: MG Diagnosi:
1 Frammenti di mucosa gastrica di tipo antrale sedi di lieve flogosi cronica aspecifica.
Focale iperplasia lineare delle cellule G, valutazione effettuata all'indagine immunoistochimica con siero antigastrina.
2 Frammenti di mucosa gastrica di tipo corpo-fundico, caratterizzati da atrofia di grado severo delle ghiandole oxintiche, sedi di metaplasia pseudopilorica dei colletti ghiandolari e di flogosi cronica del corion.
Iperplasia lineare e micronodulare delle cellule endocrine ECL, valutazione effettuata all'indagine immunoistochimica con siero anticromogranina.
Negativa la ricerca deü'Helicobacter üke-organisms
3 Frammenti superficiali di mucosa gastrica caratterizzati da iperplasia foveolare e sedi di tumore neuroendocrino, con pattern di crescita di tipo adenoideo, ulcerato.
Microfocolaio di metaplasia intestinale
Indice mitotico= 1M:17HPF
Indice di proliferazione MIB1 (Ki67) = </= 2% NETG1 sec. WHO 2010
Vorrei chiederLe:
- se l’orticaria che continua ad avere da tre mesi può dipendere dal tumore neuroendocrino, anche se ipotizziamo che le sia stato tolto;
- se ci possono essere altri tumori neuroendocrini da qualche parte e quindi chiedere un ricovero o aspettare gli esami ematochimici di routine + cromogranina A e acido 5 idrossi indolacetico e riprenotare una visita gastroenterologia.
- Se l’orticaria può dipendere dalla gastrite atrofica o dal mixedema che nel tempo sono peggiorate.
- Se possiamo fare le cose con calma o c’è urgenza (penso che la visita prima di due mesi sia impossibile)

Cordialmente

[#15]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
... circa la
<<rilevatezza mucosale sessile iperemica, delle dimensioni di circa 3mm, che si bioptizza>>
ovvero il tumore neuroendocrino
(che può essere ipoteticamente responsabile delle manifestazioni orticarioidi)
non penso sia possibile affermare <<ipotizziamo che le sia stato tolto>>,
visto che l'atto bioptico, in genere, non asporta completamente una lesione,
nè è possibile, in assoluto, escludere che
<<ci possono essere altri tumori neuroendocrini da qualche parte>>.

Ritengo sia ragionevole porre il sospetto di una gastrite atrofica su base autoimmunitaria.

Il quadro sarà utile definirlo con completezza, considerando che sua moglie continua ad essere sintomatica, e con sollecitudine.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#16] dopo  
Utente
Grazie Dr. Quartraro per la sua disponibilità e per i suoi consigli.
Cordialmente.

[#17]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Si figuri.

Saluti cordiali
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it