Utente 371XXX
Salve,
vi scrivo in merito ad un problema che ho da un pò di tempo....tutto è iniziato a dicembre, accusavo bruciori/pesantezza di stomaco e se stavo seduto o in posizione un pò ricurva sentivo come una oppressione sul torace con una sensazione strana come se il cuore accelerasse un pò.....premessa ho un'ernia iatale e infatti all'inizio ho attribuito tutti questi sintomi a lei...una sera mentre andavo in palestra, di nuovo sensazione strana tra stomaco e torace, accompagnata però da una improvvisa botta di debolezza alle gambe....spaventato ho effettuato una visita cardiologica con ECG, la cardiologa non ha trovato nulla, tranne la pressione un pò alta (140/90) e mi ha detto di monitorarla....pochi giorni dopo sono finito al pronto soccorso, dolore forte come se avessi un chiodo tra sterno e stomaco, alla bocca dello stomaco per capirci, sudorazione fredda,battito accelerato, vertigini e tutto quello che porta ovviamente il panico della situazione....in ambulanza mi hanno fatto subito l'ECG proprio mentre avevo il dolore ed hanno escluso che si trattasse di un attacco di cuore, anche loro hanno trovato la pressione un pò alta (130/85)....poi mi hanno fatto tutte le analisi:
-Analisi del sangue piu enzimi (Got,gpt,Ldh,CPK,CPK MB,MIOGLOBINA SIERO,TROPONINA I, COLINESTERASI,FOSFATASI ALCALINA,GAMMA GT,AMILASI, LIPASI, TEMPO DI PROTROMBINA, D-DIMERO, PROTEINA C REATTIVA, TSH REFLEX,)
-lastra torace ( per controllare polmoni e se il cuore fosse ingrandito)
-Tac cervello (avevo emicrania)
-Ecografia addome completo
-un altro ECG
tutto risultava nella norma e mi hanno consigliato una gastroscopia.

Premesso che sono in attesa di fare una visita dal gastroenterologo, volevo gentilmente chiedervi se sia possibile che quando sto seduto e comprimo un po lo stomaco, quindi una posizione ricurva, il cuore palpiti un pò?!?!...gli accertamenti fatti, anche in urgenza, escludono il cuore...io so che l'ernia può dare problemi sternali e retrosternali...ma non immaginavo che se mi incurvavo e facevo pressione, ciò potesse anche farmi accelerare un pò il cuore....è possibile o è solo una mia impressione? cioè io sento veramente il cuore che accelera un pò, non una tachicardia vera e propria, ma un battito un pò piu veloce per qualche secondo lo avverto...vi ringrazio per le eventuali risposte.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente,
in effetti l' ernia jatale in quanto responsabilità del reflusso gastro esofageo potrebbe darle questi sintomi, soprattutto la aritmia.
cordiali saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#2] dopo  
Utente 371XXX

Salve Dottore,
la ringrazio per la risposta. Ho effettuato la visita dal gastroenterologo, che visitandomi non ha ritenuto necessario procedere con gastroscopia. Mi ha dato Gardoff da assumere dopo i pasti, poi dopo aver effettuato il test per l'Helicobacter dovrò assumere per 8 settimane Esopral da 40mg.
Secondo lui ho avuto un attacco di esofagite che ha sintomi simili a problemi al cuore.
Il fatto è che io continuo ad avere problemi retrosternali, soprattutto parte sinistra, con spalla, braccio.....un pò mi preoccupa la situazione. In piu mi è capitato negli ultimi 3 giorni di tossire e fare (anche se pochissimo) sangue nella saliva...non è sistematica come cosa, ossia non è che ogni volta che tossisco c'è un pò di sangue, magari faccio 10 colpi di tosse e all'undicesimo c'è leggero sangue e dopo risparisce di nuovo...ho pensato a qualche capillare rotto per tranquillizzarmi da solo, ma non so....l'esofagite può fare questi effetti? ripeto il gastroenterologo non ha ritenuto procedere con gastroscopia...
La ringrazio per l'eventuale risposta

[#3] dopo  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
potrebbe essere il reflusso.
esegua allora la terapia come consigliato
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica