Utente
Egregio Dottore ho effettuato i miei semestrali analisi ematochimici - che in passato sono stati sempre nella norma - ed ho riscontrato queste anomalie: Beta 2 globuline 6,9 (2.6-5.8), Amilasemia 188 (fino a 110), Alfa amilasi 188 (minore di 110), Amilasi pancreatica 95 (minore di 53), Amilasi salivare 93 (minore di 90),Lipasi 72 (8-78) ma in passato avevo 32, Gamma-G.T. 84 (12-64), V.E.S. 10 (minore di 6), Prolattina 40,78 (3,46-19,40), Gastrina 10,00 (13-115). Premetto che non avverto nessun dolore e nel contempo sono costretto ad assumere giornalmente questi farmaci: Rytmonorm 225 mg.,Plavix 75 1 cp.,EN2 3 mg., Frontal 2 mg., Solian 150 mg. Consapevole di avere un calcolo alla colecisti ho effettuato l'ECOGRAFIA ADDOME SUPERIORE: Fegato normale per forma di dimensioni lievemente aumentate (DL grande ala 165 mm) Margine Antero-inferiore regolare. Ecotessitura parenchimale disomogenea per la presenza di una formazione cistica al II segmento con dimensioni di 11 mm. Asse spleno portale pervio, a decorso regolare, non dilatato. Non v'è dilatazione delle vie biliari intraepatiche ed all'ilo. Colecisti in sede, distesa, a pareti regolari con grossolano calcolo a livello del corpo di 22 mm e minima quota di fango biliare. Pancrea normale per dimensioni ed ecostruttura. Wirsung non ectasico. Milza normale per forma e dimensioni. Vena splenica all'ilo non dilatata. Reni in sede, normali per forma e dimensioni; margini regolari. Normale spessore della corticale e regolare distribuzione degli echi pielici. Non si evidenziano calcoli nelle cavità renali. Vie escretrici calico pieliche non dilatate. Presenza di meteorismo intestinale. Aorta addominale di calibro lievemente aumentato (26 mm) con ateromasia calcifica delle pareti. Ispessimento delle pareti gastriche in regione antrale e del colon discendente/sigma. Precisando che sono affetto da una importante sindrome aderenziale per una laparotomia esplorativa e da una vasculopatia cerebrale cronica - ho già avuto due TIA -, i disturbi che avverto sono una certa astenia, mancanza assoluta dello stimolo della fame (mangio perché mi devo nutrire) e un forte senso di stanchezza/spossatezza, il tutto da oltre un anno. Vorrei sapere, per cortesia, che diavolo stà succedendo (ovviamente nei limiti che un consulto scritto può dare). La ringrazio per l'eventuale risposta.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
<<certa astenia, mancanza assoluta dello stimolo della fame (mangio perché mi devo nutrire) e un forte senso di stanchezza/spossatezza, il tutto da oltre un anno>>

... si tratta di sintomi del tutto aspecifici,
non necessariamente addebitabili al tubo digerente.
Potrebbero anche essere correlati a fattori psicogeni.


<<Ispessimento delle pareti gastriche in regione antrale e del colon discendente/sigma.>>
... approfondirei meglio il riscontro,
pertanto le consiglio una valutazione gastroenterologica.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Mi scusi Dottore e per quanto riguarda le varie Amilasi che sono il doppio dei valori di riferimento e la Gastrina che è al di sotto del valore minimo, che ne pensa ?
Grazie.

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il valore della gastrina non mi sembra clinicamente rilevante.

L'aumento dell'alfa-amilasi (non eccessivo) non è un indicatore specifico di malattia pancreatica (l'enzima è prodotto anche dalle ghiandole salivari, dalla mucosa dell'intestino tenue, dal fegato e nel sesso femminile anche dalle tube, dalle ovaie e dalla placenta).

Confermo l'utilità di una valutazione gastroenterologica diretta.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta e La saluto cordialmente.

[#5] dopo  
Utente
Gentile Dottore, il 10/12/2015 ho ripetuto le analisi che avevo effettuato il 24/1172015 e purtroppo i valori sono i seguenti: Amilasemia da 188 è salita a 226; l'Alfa amilasi da 188 è salita a 226; l'Amilasi pancreatica da 95 è salita a 131; l'Amilasi salivare da 93 è salita a 95 ma cosa ancora più importante la Lipasi da 72 è salita a ben 156. Ho interpellato come da Lei suggerito il Gastroenterologo che in un addome trattabile ha riscontrato solo un forte meteorismo, con il consiglio di ripetere di nuovo le analisi tra 6 giorni. Sono estremamente impaurito! Lei cosa ne pensa di questa situazione ? Grazie anticipatamente per la risposta.

[#6]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Che va, senza fasciarsi prima la testa,
adeguatamente monitorata dallo specialista
così come lei sta facendo.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#7] dopo  
Utente
Mi perdoni Dottore ma l'ansia mi stà letteralmente divorando, anche perché sono affetto da una grave depressione maggiore e da importante sindrome ansiosa che nonostante i farmaci antidepressivi e i neurolettici non si riesce a dominare. A tal proposito il gastroenterologo sospetta una interazione (non riportata sui bugiardini) che potrebbe influire sul pancreas. I miei timori sono quelli che potrebbe trattarsi di una pancreatite (asintomatica?) scatenata da questi ultimi - anche se li prendo da anni - o addirittura di una patologia neoplastica, visto che anche se molto lentamente perdo peso e sono sempre più stanco. I farmaci che assumo sono Plavix 75, amisulpride, delorazepan e alprazolam. In attesa che mercoledì ripeta le analisi, può cortesemente esprimere un Suo parere in merito ? La ringrazio.

[#8] dopo  
Utente
Ho dimenticato che assumo anche il Rytmonorm tre volte al giorno (con scarsi risultati). Grazie.

[#9]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ritengo che non vi siano gli estremi per pensare ad una neoplasia pancreatica.
Come le ho scritto deve semplicemente continuare a monitorare la situazione.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#10] dopo  
Utente
Dottore, ci sono novità. A distanza di solo sette giorni dalle precedenti analisi alterate, ho ripetuto gli esami. Premetto che lo stesso analista che li ha effettuati mi confessava che non si capacitava (è un mio amico) e le ha ripetute quattro volte. Questi sono i valori: AMILASEMIA 82 (fino a 110), Alfa amilasi 82 (< 110), Amilasi pancreatica 38 (< 53) Amilasi salivare 44 (< 90), Lipasi 52 (8 - 78), Amilasuria 290 (fino a 490), le Gamma G.T. da 84 sono calate a 67 (12 - 64) e la V.E.S. da 10 è calata a 3 (< 6 ). Non avendo variato niente nella mia parca alimentazione secondo Lei cosa stà accadendo ? La ringrazio per l'eventuale risposta.

[#11]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Anche se il suo amico non si capacita
la realtà è che questi valori rimarcano una assoluta normalità.

Ad ogni modo per ogni scrupolo
"deve semplicemente continuare a monitorare la situazione."
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#12] dopo  
Utente
Mi auguro che non mi dica di ripetere le analisi ogni 6 giorni..........insomma mi consigli Lei.
Poi Le vorrei porre una domanda che ha ottenuto risposte opposte da due diversi gastroenterologi: mi conviene sottopormi ad una colecistectomia tenendo conto che apparentemente il calcolo è del tutto asintomatico ?
Grazie.
.

[#13]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Se il calcolo è asintomatico in genere non si consiglia l'opzione chirurgica.
Un paio di controlli sierologici trimestrali non sarebbero fuor di luogo.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it