Utente
Salve,

Vi scrivo perché ho una diarrea anche con scariche forti fino a 10 volte al giorno (altre volte piu tranquilla dipende dai momenti) circa 3/4 settimane. Dopo 2 settimane e mezzo chiedo un consulto specialistico e il medico mi prescrive FASIGYN 500mg (4 compresse in un giorno solo). Lo prendo lunedì sera. E da martedì la diarrea si inizia a placare e inizio a vedere che finalmente le feci si iniziano a formare, da molli e informi diventa entrano lentamente formate e aumentano di dimensione finché il tutto sembra ristabilirsi con feci normali per due giorni tra giovedì e venerdì. Ma già sabato sento un leggero mal di pancia tornare durante la notte e domenica torna la diarrea. Mi sorge il dubbio che abbia assunto l'antibiotico per troppo poco tempo (4 compresse in un giorno solo) e che il possibile batterio o parassita non sia stato eliminato completamente. I crampi addominali non sono molti o particolarmente forti se non giusto prima dell'evacuazione. Mi domando se possa anche essere in qualche modo legato ad una patologia più seria (un tumore) visto che molti anni mi avevano operato per dei condilomi anali (dovuti a papilloma virus). E come mai con l'antibiotico fosse finalmente passato il sintomo e ora ricomparso.
Grazie

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Nessun tumore, ma la durata della terapia di un giorno è inconsueta per i problemi intestinali. È la terapia per le infezioni urogenitali (x entrambi i sessi) da trichomonas .
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta dr. Cosentino,

Ho in seguito visitato ancora una volta sia il mio medico di base che un altro gastroenterologo. Mi han detto che potrebbe essere che a seguito di una forte gastroenterite il mio intestino sia ancora irritato e questa sia la ragione per il mancato ripristino di una normale attività intestinale. Il gastroenterologo mi ha consigliato di prendere Carbobel, carbone in compresse, ad ogni pasto nel frattempo e di aspettare. Mentre il medico di base mi ha suggerito di riprendere una cura antibiotica piu lunga che consiste di:Flagyl 20×500mg (3 compresse per giorno fino ad esaurimento confezione) e subito dopo 2 confezioni di Gabbroral (16×250mg, 2 compresse al giorno). Ed eventualmente di riprendere ancora dei campioni di feci per analizzare (anche se ho assunto l'antibiotico già settimana scorsa e potrebbe essere inutile). Ora sono un pò confuso e stressato perché non mi rendo conto se la mia attività intestinale si è ripristinata oppure no. Se le feci non sono completamente dure e formate, ma sono facili da evacuare e somigliano ad una poltiglia qualche volta informe altre volte piu formate ma sempre soffici e non dure si può considerare normale? Ogni tanto vi sono come dei semini o pezzettini più scuri, non sempre, che dipenda da qualcosa che ho mangiato (marmellata di mirtilli per esempio?). Avevo fatto un esame delle feci (ma non hanno cercato sangue occulto, solo genericamente batteri e parassiti) ed era negativo. Non so se ripeterlo per fare esami un pò più specifici. Non ho dolori addominali e non sento più urgenza di evacuare come sentivo prima dell'antibiotico. Ora vado in bagno tra le 3-4 volte al giorno, a volte mi sforzo perché voglio controllare se le feci sono tornate normali. È molto difficile descrivere i miei sintomi i maniera oggettiva ora perché temo il peggio, e mi domando se ci possano essere degli indizi tra quelli che ho descritto che possano portare alla diagnosi di qualcosa di più serio. Penso che una colonscopia mi rassicurerebbe ma sembra che nessuno me la voglia far fare. Mi scuso per la lunghezza della riposta e grazie per il suo gentile interessamento.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Mi scuso del ritardo...
Spero tutto risolto, ad ogni modo la colonscopia non è di utilità.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Nel frattempo mi son fatto rifare un esame delle feci più approfondito. E hanno trovato un batterio, campylobacter. Tuttavia prima di ottenere i risultati degli esami delle feci, ero già andato in pronto soccorso perché in panico dopo aver notato una mattina che vi era un pò di sangue rosso vivo nelle mie feci. Mi hanno proposto una colonscopia. Anche se il test delle feci è risultato positivo per il campylobacter nei giorni successivi, ho pensato di eseguire lo stesso la colonscopia, visto che la diarrea persiste da praticamente un mese.
Giovedì sera ho assunto azitromycine 500mg (per il campylobacter) e ho continuato così per tre giorni fino a sabato della settimana scorsa.
Oggi, lunedì, mi son sottoposto a colonscopia. E hanno riscontrato un tratto dell'intestino che era irritato. Mi han detto che dovrebbe essere dovuto proprio al batterio. Hanno fatto una biopsia dei tessuti di quel tratto, i cui risultati mi saranno forniti tra un paio di settimane. Devo stare tranquillo? Mi domando come mai un batterio come il campylobacter che dovrebbe sparire da solo o perdurare per massimo due settimane, nel mio caso mi abbia causato problemi per un mese intero? Che possa essere qualcosa d'altro associato a questo? Il fatto che ho un tratto di intestino irritato potrebbe essere dovuto ad altro?
La ringrazio per la sua cortese attenzione,