Utente
Gentillissimi Dottori,
sono un ragazzo di 30 anni in buona forma fisica che pratica sport (palestra) 3-4 volte alla settimana.

Circa 6 anni fa, in seguito a una forte gastrite, mi vennero prescritti IPP (pantoprazolo). Venne fatta una gastroscopia ed escluso HP.
Da 10 anni prendo psicofarmaci, seppur a dosaggio minimo. Prima efexor e lyrica, indicati dai dottori come ponteziali fattori scatenanti del disturbo. Li ho sostituiti con Cipralex (10mg/die, che ora sto scalando e sono 8) e Depakin (600mg/die, in scalo).

Due settimane fa, spaventato dalla recenti pubblicazioni sugli effetti a lungo termine dei PPI, ho sospeso pantecta (20mg/die) dopo sei anni di assunzione. Ovviamente un disastro.

Iper acidità, dolori allo stomaco. Tampono con ranitidina 600 mg/die e riopan al bisogno. Sono passate due settimane e sto bene solo se faccio una dieta quasi ospedaliera (pasta in bianco, carni bianche, ecc). Appena bevo un bicchiere di vino la sera sono dolori (e io ero abituato a berne almeno un paio a cena).

Le domande sono le seguenti:
1) è un normale effetto rebound, o ormai ho "scompensato" irrimediabilmente le mie ghiandole dello stomaco? sperando non sia così, quanto ci vorrà per tornare "normale"?
2) ho 30 anni e vorrei avere la libertà di andare a fare un aperitivo o bere vino al ristorante senza stare male. Secondo voi sarà possibile?
3) le medicine che attualmente assumo (cipralex e depakin) possono incidere sul disturbo?

Grazie mille

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Le medicine che assume possono influire sul reflusso. Per il resto continui senza IPP ancora per altri 15 giorni per capire se realmente ha necessità di continuare con tali farmaci. Presumo comunque che se ne possa liberare.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per il consulto Dott. Cosentino.

Secondo lei dunque in un mese dalla sospensione la situazione si dovrebbe normalizzare?

Sono molto in apprensione per questa situazione, che incide anche sul mio umore e sulla mia vita sociale.
Ieri, per esempio, ho azzardato una pizza margherita e una birra piccola. Oggi mi fa molto male la bocca stomaco, sopratutto dopo aver pranzato. Ma l'acidità non è esagerata.

Non vorrei prendere IPP a vita, visti i possibili effetti collaterali importanti che ne possono derivare.

Grazie

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Comprendo ma credo che lentamente possa liberarsene o fare solo dei cicli saltuari.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio nuovamente,
ho prenotato una visita tra due settimane da un gastroentrologo della mia zona, che dicono sia molto bravo, il dott. Solmi.

Speriamo che nel frattempo la situazione si normalizzi.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Bene, mi aggiorni.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it