Utente
Salve,

avrei bisogno di alcuni consigli. Ho effettuato una settimana fa una gastroscopia motivata dai seguenti disturbi molto frequenti da un mese, se non costanti : dolori al torace, al collo, alle cervicali e alle scapole, bruciore e fastidio durante la deglutizione del cibo, laringospamo durante le ore notturne e insorgenza di una faringite curata con Ciproxin, bentalan e aerosol (Clenil + Fluibron).

Riporto il referto della gastroscopia : "ESOFAGO : Normale il calibro del viscere. Linea "Z" a 40 cm dall'arcata dentaria superiore con cardias incontinente ed iperemia della mucosa pre-giunzionale. Al momento non segni di esofagite. STOMACO : Ristagno gastrico limpido. Non lesioni della mucosa del fondo e del corpo. Presenza di gastrite antrale di tipo cronico caratterizzata da assottigliamento della superficie mucosa; si esegue test rapido all'Ureasi per la ricerca dell'H. Pylori, con prelievi a livello del fondo e dell'antro, che risulta negativo. Piloro normoconformato. DUODENO : Nulla di patologico fino alla seconda porzione. CONCLUSIONI : Incontinenza cardiale, gastrite antrale".

La cura prescritta è la seguente : Esomeprazolo da 20 mg. da prendere 30 minuti prima di pranzo e cena e RefluWard da prendere dopo i pasti + elimazione di cibi grassi e con con ph acido.

Ho iniziato la cura, ma i sintomi elencati sopra persistono, ad eccezione della faringite. In compenso, da qualche giorno si è infiammata la laringe (almeno credo, visto che il senso di ostruzione è grosso modo all'altezza del pomo d'Adamo) che risulta altamente invalidante e mi crea ansia. Il mio medico di base è in vacanza e il sostituto non ha l'aria di conoscere il fatto suo.

Pertanto, ecco i miei interrogativi :

1) Per eliminare il gonfiore/infiammazione con senso di ostruzione nella gola, cosa devo fare ? Non credo che la cura per il reflusso agisca su quel sintomo. Di nuovo antibiotici e bentalan ?
2) Come eliminare il laringospamo ?
3) La terapia per il reflusso è corretta ? Va integrata ?
4) Essendo il referto della gastroscopia non corredato da immagini, è il caso che rifaccia questo esame per poter documentare meglio la patologia ?
5) Mi consiglia di approfondire l'incontinenza cardiale con una manometria esofagea e una phimpedenziometria ?

Mi scuso per la lunghezza del testo, ma il problema è articolato. In ogni caso, ringrazio in anticipo lo specialista che mi potrà consigliare nel mese di agosto, quando gli specialisti scarseggiano.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
È importante fare una corretta diagnosi mediante la ph-impedenzometria esofagea. Prima però eseguirei la titolazione della gastrinemia (prelievo di sangue) per capire se gli IPP sono efficaci su di lei. Le altre questioni poste non hanno razionale.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Gent.mo Dott.,

la ringrazio molto per la pronta risposta e per i consigli. Riguardo alle infiammazioni, prima della faringe, poi ora della laringe, come devo procedere ? Ogni volta devo riprendere antibiotici e cortisonici, con il rischio di peggiorare le mie condizioni di salute ? Significa che finché avrò il reflusso insorgeranno queste ostruzioni nella gola molto fastidiose ? Le chiedo questo perché dopo due settimane dalla guarigione della faringite (documentata tramite fibrolaringoscopia) è comparsa quello che io credo sia una laringite.

Grazie in anticipo.

Distinti saluti.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Come dicevo bisogna prima fare diagnosi di reflusso ( e delle sue caratteristiche) e capire se in farmaci antisecretivi funzionano. Altrimenti non se ne esce.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Gent.mo Dott.,

grazie ancora per la pronta risposta. Un'ultima questione. Per eseguire la gastrinemia, devo interrompere i farmaci IPP. Se sì, quanti giorni prima dell'esame ?

Distinti saluti.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La gastrinemia va eseguita proprio sotto terapia con gli IPP altrimenti è un esame non valido.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente
Grazie mille dottore.

Distinti saluti.