Utente 414XXX
Gentili dottori, siccome sono sottopeso e ho difficoltà a mettere su chili nonostante segua una dieta molto abbondante (prescritta dal nutrizionista), e siccome ho notato che ci sono periodi in cui ho crampi fortissimi alla pancia con diverse scariche diarroiche al giorno (sono periodi rari - tuttavia - la maggior parte delle volte ho solo crampi e stitichezza), due settimane fa ho deciso di dosare la Calprotectina fecale sotto consiglio del nutrizionista, prima di procedere con esami più invasivi come la colonscopia. Il problema è che quando ho inviato il campione di feci era un periodo totalmente “asintomatico”, le feci erano normalissime e non avevo avuto nessun male alla pancia di recente. Invece da 3 giorni mi sto contorcendo dal dolore. Ora la mia domanda è: avrei dovuto fare l’esame nel periodo critico? se ci fosse, ad esempio, un morbo di chron, la calprotectina risulterebbe *sempre* più elevata della norma, oppure solo nelle fasi acute? Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
La calprotectina da sola significa poco.
Si affidi ad un gastroenterologo (il nutrizionista spesso non è un medico) per una visita ed eventuali esami.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 414XXX

La ringrazio, mi rivolgerò ad un gastroenterologo! Dunque la calprotectina potrebbe risultare nella norma nei periodi “non critici” di una potenziale malattia infiammatoria? Oppure, al contrario, può risultare alterata senza necessariamente assumere significato patologico?

[#3] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Entrambe le cose.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 414XXX

ah, capisco... Avrei solo un’ultima domanda... Posso chiederle se, in presenza di una sintomatologia specifica, per individuare una eventuale malattia infiammatoria intestinale bisogna per forza fare una colonscopia come primo esame? Cioè, intendo dire, siccome la calprotectina da sola è irrilevante, esiste un altro esame meno invasivo (magari tac, risonanza) per deporre almeno un sospetto clinico più fondato? Grazie infinite

[#5] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Entero-RMN
Ecografia delle anse intestinali con metodo SICUS
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia