Utente 558XXX
Buonasera, ieri ho scoperto di essere intollerante al lattosio. Il risultato a 120 minuti del breath test è stato 120 ppm. È un’intolleranza grave? Purtroppo non ricordo i valori precedenti ma l’aumento dal primo soffio al 4’ È stato abbastanza xonsistente. Inoltre ieri dopo l’assunzione del lattosio per il test non ho avuto grandi problemi a parte un leggero gonfiore. Ma da stamattina la pancia ha iniziato a brontolare è un’ora fa diarrea. È possibile che il lattosio assunto ieri abbia fatto effetto oggi? Oltre a tutta questa situazione non molto piacevole, sabato è iniziata la mia prima cistite emorragica. L’urinocoltura effettuata lunedì è risultata positiva ad e. Coli dunque sto assumendo da ieri sera Ciproxin 500 ogni 12 ore e fermenti lattici (enterolactis plus) come terapia. Sono un po’ in dubbio se questi problemi di evacuazione siano causati dall’antibiotico o dal lattosio. Infine, in letteratura non ho trovato molto, ma è possibile esista una correlazione tra intolleranza al lattosio e frequenti INFEZIONI, oltre che infiammazioni, del tratto gastrointestinale e di conseguenza uro-genitale?

Ringrazio anticipatamente per la risposta.
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Un'intolleranza al lattosio potrebbe nel tempo comportare una disbiosi intestinale con alterata permeabilità intestinale. Da qui un passaggio di batteri anche a livello dell'apparato urinario.
In pratica dovrebbe effettuare l'analisi del suo Microbioma per valutare eventuali squilibri patologici all'interno della flora intestinale e procedere ad un trattamento mirato.

Ovviamente non può procedere da solo (messaggio anche all'utenza..) eseguendo il test in qualche laboratorio, ma deve rivolgersi ad un gastroenterologo esperto nel settore


Cordialmente


.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 558XXX

La ringrazio moltissimo per il suggerimento. Procedere con un test per valutare le condizioni del bioma era nelle mie intenzioni. Purtroppo in zona non ci sono specialisti nel settore delle Disbiosi, spero di venirne presto a capo perché sono condizioni delicate e molto complesse.
Ancora grazie per la risposta,
Cordiali saluti.