Utente 566XXX
Salve premetto che è il mio primo consulto e vi ringrazio anticipatamente a chi mi risponderà. Sono un ragazzo di 29 anni, leggermente sovrappeso 175 per 91kg ma che comunque conduce una vita abbastanza dinamica faccio sport regolarmente, poco alcol durante la settimana Giusto nel weekend, fumatore moderato di sigaretta elettronica e vengo da un periodo abbastanza stressante dal punto di vista lavorativo che mi ha portato a sfogarmi sul cibo soprattutto nei mesi di Agosto/settembre, Ho sempre sofferto di piccoli problemini intestinali e di stomaco fin da piccolino (come se fosse una mia parte sensibile) ma non ho mai dato peso fino ad ora a questi piccoli problemini (diarrea di tanto in tanto, fitte addominali e reflussi) poiché i sintomi svanivano nel giro di poco tempo. Fino ad un mese fa quando ho iniziato ad avvertire uno strano mal di gola con annessa infiammazione che ostinava a non andersene con le cure anti influenzali. allorché allarmato mi sono rivolto ad un orl che tramite una fibrolaringoscopia mi ha diagnosticato infiammazione compatibile con probabile reflusso e mi ha prescritto una cura a base di IPP e antiacidi. La cosa strana è che qualche giorno dopo dalla visita orl mi sono svegliato nel cuore della notte in preda a intenso dolore e fitte addominali, allarmato e andato al PS dopo avermi fatto analisi del sangue e ecografia addome completo dove viene rinvenuto un po' di fango biliare nella cistifellea, mi refertano anche loro con diagnosi di reflusso/gastrite e mi hanno prescritto una gastroscopia da fare per accertare lo stagnare dell'helicobater pilory che farò domani. In questi giorni però ho notato anche digestione lenta, feci alternate da dure a diarrea, eruttazioni meteorismo abbondante e gonfiore addominale. Effettuata anche un visita da un gastroenterologo si rifà anche lui alla diagnosi di reflusso più colon irritabile. E qui giungo alla mia domanda: è possibile l'acutizzarsi di sintomatiche di colon irritabile e reflusso avvengano contemporaneamente dopo un periodo di stress e di eccessi a tavola essendo comunque due patologie diverse e scollegate? C'è un fattore che può far insorgere tutte e due le problematiche? Il fango biliare può essere elemento di collegamento o bisogna considerarlo un fattore a parte? Grazie mille.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Reflusso ed intestino irritabile sono due patologie funzionali che molto spesso "viaggiano" insieme!
Il fango biliare è un fattore separato.
Tutte tre le patologie si giovano di dieta leggera e di calo ponderale.
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 566XXX

Fatta la gastro, diagnosi: ernia iatale e reflusso. Mi è stata data una cura con IPP, e antiacidi e una dieta con alimenti da evitare prescritta dal mio gastroenterologo. Continuo però ad avere dubbi riguardanti i miei sintomi che non sono proprio da ernia iatale ovvero bruciore retrosternale e bruciore di stomaco. Ma più da pesantezza sul basso addome destro ed eccessivo meteorismo con aria nell'intestino soprattutto di notte e da un paio di giorni diarrea semiliquida. Da soggetto ansioso Prima di insistere con il mio gastroenterologo ad orientarsi su questi sintomi vorrei sentire il vostro parere se effettivamente curando la mia ernia iatale e il mio reflusso si placheranno anche i sintomi di aria, gas e diarrea. Tengo a precisare che questi sintomi gastrointestinali si sono palesati solo da un paio di settimane e in questo periodo non ho mai avuto ne sangue nelle feci, ne vomito e ne febbre.