Utente 424XXX
Gentili dottori volevo chiedervi un chiarimento che stenta ad arrivare da molti medici consultati, mia nonna dovrebbe iniziare fine novembre la cura per il virus dell epatite c, essendo cardiopatica, avendo avuto ictus nel 2009 è un IMA nel 2017 e’in terapia fissa con cardioaspirina e xarelto (visto che è afflitta da fibrillazione atriale parossistica) ora i medici riferivano che doveva sospendere l acido acetilsalicilico per evitare danni, ora giustamente nn vorremmo aggiustare una cosa ma peggiorarne un altra, per qst abbiamo molta confusione, in attesa di delucidazioni cordiali saluti

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non ci dice quale farmaco verrà utilizzato.....
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 424XXX

Il sofosbuvir egregio dottore

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non mi risulta che il sofusbovir interagisca con l'aspirina.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 424XXX

Mi informerò meglio e qualora sareste disponibili tornerò a postare la domanda con più informazioni Sempre grazie per il vostro servizio

[#5] dopo  
Utente 424XXX

Buongiorno egregi dottori torno per dare maggiori informazioni in merito all terapia eradicante dell epatite c, i dottori dicevamo che per prendere il farmaco lo xarelto non è compatibile con la pillola antivirale che dovrebbe prendere mia nonna, perciò sempre loro sostengono che tornando a prendere il coumadin nn ci sarebbe compatibilità con L acido acetilsalicilico che dovrebbe quindi interrompere, ma mia nonna affetta da cardiopatia ischemica lo prende fisso da quando ha avuto L ima, in più la dottoressa ha esclamato quanto segue: se durante la terapia dovesse sopraggiungere un evento ischemico non vogliamo responsabilità , cioè dico io così facendo nn solo alimentano paura ma mettono una gran confusione, prima dicono che nn si sarebbero effetti indesiderati e poi parlano di ciò che ho appena scritto sopra,aggiungo che mia nonna ha 79 anni e dall ultimi esami e gastroscopia la situazione è buona che dobbiamo fare vorrei un parere da voi esperti nel campo, in attesa di risposta cordialità