Utente 148XXX
Nel 2008 ho avuto l' intervento DCP dovuto a displasia severa, senza fortunatamente fare neppure chemioterapia... Nel 2013 a seguito di colangite con severa sepsi e stenosi cicatriziale delle vie biliari, mi è stato eseguito il riconfezionamento.
dell' anastomosi bilio digestiva.
Come conseguenza ne è nata una sindrome aderenziale in pacchetto di anse intestinali, con crampi e dolori via via aggravati nel tempo, perdita di peso, forte astenia, ecc...Ho letto che -con le dovute accortezze- si può intervenire almeno parzialmente su queste aderenze in modo di migliorare almeno un pò sia l' assimilazione del cibo che la disgestione e la qualità della vita, riducendo le serie complicazioni della situazione.
Grato di una adeguata risposta.
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Si può intervenire solo chirurgicamente e solo se estremamente necessario.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 148XXX

Grazie per la celere risposta, Dr. Cosentino.
Speravo che in via laparoscopica ci fosse una possibilità di intervenire per sezionare o tagliare almeno in parte le aderenze, per evitare che influenzino in maniera così marcata il passaggio del cibo e producano la serie continua di crampi. Nemmeno questo è fattibile, quindi ?
Cordiali saluti..

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
In effetti ho indicato la via chirurgica (laparoscopica o laparotomica)
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it