Utente 573XXX
Buongiorno,
Ho 24 anni e da quando ne ho 18 soffro di forti dolori allo stomaco che solitamente si verificano dopo giornate particolarmente stressanti o dove ho sofferto di ansia.
In passato ho anche avuto svariati attacchi di panico che fortunatamente si verificano molto raramente.

Ho fatto una gastroscopia circa 4/5 anni fa.
Il risultato era una leggera forma di gastrite, mi è stata prescritta una cura per 20 giorni (ora non ricordo il farmaco) che avrebbe dovuto eliminare un virus (purtroppo non ricordo benissimo).
Ma la situazione non è mai cambiata.
Puntualmente almeno una volta al mese mi ritrovo con forti dolori di stomaco che non riesco a farmi passare in alcun modo, ho provato anche diversi farmaci ma niente.
Il dolore inizia non appena mangio qualcosa (per esempio il giorno dopo un esame universitario, dove ho sofferto di tanta ansia e stress) ed è un dolore continuo che dura per ore e ore, non mi fa dormire la notte e ovviamente peggiora se mi azzardo a ingerire qualsiasi cosa.
L'unico modo di avere pace è quello di auto indursi il vomito e quindi eliminare tutto quello che è rimasto nello stomaco.
Più tempo passa da quando è iniziato il dolore a quando vomito è peggio perchè in tal caso vomito solo acido.
Una volta che ho vomitato, nella maggior parte dei casi il dolore passa subito.
Purtroppo però capita che il giorno dopo non posso mangiare assolutamente nulla altrimenti il dolore si ripresenta di nuovo.
Sicuramente dovrei impegnarmi a condurre uno stile di vita più sano, bevendo meno caffè, non mangiando cibi fritti e non fumare.
Ma io mi chiedo... non esiste altro modo di farsi passare questo dolore (che può durare fino a due tre giorni continuamente) se non quello di dover vomitare?
E' una brutta sensazione, ho paura di provocare danni permanenti allo stomaco e la cosa mi preoccupa perchè ho solo 24 anni!

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Certo.che esiste ma prima deve sottoporsi a visita gastroenterologica.
A distanza non si danno terapie.
Ovviamente inizi a seguire una alimentazione rigorosa senza eccessi.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia