Utente 574XXX
A seguito di controlli di routine effettuati a causa del reflusso grastroesofageo la calprotectina nelle feci è risultata di 480, sangue occulto negativo.

Sintomi all'intestino non ne ho, al bagno vado regolarmente tutti i giorni e non ho notato segni significativi se non qualche volta la presenza di un po' di muco.

L'unica cosa è che da circa 10 giorni ho fastidio all'ano, ed a volte dei piccoli dolori tipo fitte ed un po' di prurito, alcune volte sulla carta igienica quando mi pulisco delle piccole traccia di sangue.

Toccando la zona ho sentito delle piccole escrescenze, credo siano emorroidi, anche perché mi è capitato di soffrirci anche in passato.

Ora però mentalmente ho ricollegato il valore della Calprotectina a questo sintomo e leggendo in rete ho visto che un valore così alto può essere un segnale di tumore del colon.

Quando ho fatto gli esami ero in terapia per il reflusso, prendo esomeprazolo 20mg ai cambi di stagione.

Altri farmaci non ne prendo se non integratori naturali.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
L'esomeprazolo fa aumentare i valori di calprotectina.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 574XXX

E' consigliabile ripetere l'esame visto il valore alto o posso stare tranquilla?
La mia paura è quella di avere qualcosa di brutto anche perché mia nonna purtroppo è morta a causa di un tumore partito proprio dal colon.
Ma gli inibitori di pompa possono aumentare in maniera così significativi il risultato?

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
ripeta l'esame dopo 2 o 3 settimane senza inibitore
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 574XXX

Se ripetendo l'esame il valore dovesse rimanere invariato o quasi è una sentinella di allarme di un processo neoplastico in corso?
Considerando anche il mio fastidio a livello anale che ho da quasi due settimane?
Sento come una continua pressione ed ho attribuito il sintomo ad eventuali emorroidi considerando che mi è già capitato in passato un paio di volte, solo che è curioso l'associazione in questo periodo con la calprotectina.
Per quanto riguarda l'aumento del valore della calprotectina a causa dell'assunzione dell'esomeprazolo mi ha rassicurata, ma mi è capitato di leggere risposte date da altri dottori dove invece dicono che non esiste tale relazione e sinceramente ciò mi confonde.
Lei ne è certo per esperienze di suoi pazienti e ci sono studi che lo provano?
Grazie e mi scusi se insisto sull'argomento.

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
La calprotectina è legata a processi infiammatori.
Se non crede a quanto le dico, perché continua a scrivere?
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente 574XXX

No dottore le credo, anzi mi ha rassicurata molto e la ringrazio, solo mi hanno confuso navigando in rete opinioni discordanti riguardo questo argomento su risposte date da altri medici.