Utente
Buonasera Dottori,
È da un anno circa che soffro di disturbi dell'apparato digerente.
Tutto è iniziato con una cistite emorragica, che ho curato con un antibiotico.
A seguito di questo episodio ho iniziato ad avere delle coliche al fianco sinistro, all'altezza del girovita, e che corrisponde dietro la schiena e parte dell'addome.
Queste coliche si presentano quando devo andare di corpo.
Ho fatto una cura con lo spasmex, e sembrava tutto passato.
Poi ho iniziato ad avere dolori di pancia e stomaco che si irradiavano a tutta la schiena e al collo, di notte mi svegliavo con tachicardia e gonfiore addominale che mi impediva di fare dei respiri pieni e il gonfiore premeva al torace.
le coliche al fianco si sono ripresentate, però non frequenti.
Sono andata dal cardiologo ed è tutto apposto.
Inizio ad accorgermi che le feci non sono più formate, ma sono molto sottili e frastagliate.
Ho fatto le analisi delle feci ed è risultato tutto nella norma.
A dicembre sono andata al pronto soccorso, sempre per dolori addominali, a cui si era aggiunto mal di stomaco, come una forte pressione che risaliva verso l'esofago, nausea e sapore metallico/sapone/amaro in bocca.
Hanno fatto una tac ed è risultato un intestino pieno di feci.
Ho preso in movicol due bustine al giorno per 5 giorni.
Nessun risultato, sempre feci fine e frastagliate.
La sensazione di pressione allo stomaco c'è sempre, accompagnata da sapore metallico/amaro.
Se mangio questa sensazione scompare, ma quando finisco di mangiare rinizia.
Nn faccio altro che mangiare pur di non sentire piu questo sapore in bocca.
Tutte le mattine che vado di corpo mi prende la colica al fianco.
appena mi sará possibile prenoterò una visita dal gastroenterologo, ma spero in una vostra consulenza.
Ah un anno fa ho perso mio padre per un adenocarcinoma bilio-pancreatico, il tumore aveva invaso la cavitá peritoneale, aveva fatto gli esami delle feci con risultato negativo e un mese dopo è stato scoperto il tumore.

Grazie anticipatamente per la vostra disponibilità!
Francesca

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Il fatto che un semplice prodotto antispastico abbia eliminato i dolori è rassicurante. E anche il fatto che una TAC non abbia riscontrato patologie ci lascia tranquilli. Non dia troppa importanza alla forma delle feci. Per quanto riguarda lo stomaco, è probabile che lei abbia episodi di reflusso. Dovrebbe considerare con il suo medico di famiglia l' opportunità di eseguire una gastroscopia o di iniziare una terapia ad hoc.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille Professore! È stato gentilissimo e veloce