Utente
[02: 26, 28/3/2020] F: Salve,
Sono un uomo di 44 anni in buona forma fisica.

Soffrendo da mesi di dolori allo stomaco (non bruciori come leggo in casi simili, ma piu simili a crampi. Esordio mesi fa con sporadici gonfiori di pancia gola e lingua irritata fastidio alle orecchie. quanto sopra appunto sporadico e sopportabile fino a due mesi fa, in cui ho cominciato ad avere episodi quotidiani e molto dolorosi e insopportabili. In genere la mattina appena alzato per circa 1 ora, ma ultimamente anche la sera. durante il giorno "fortunatamente" sento solo fastidio poco doloroso.
Dopo recente gastroscopia la prognosi è stata:
"Ernia jatale da scivolamento del fondo gastrico con esofagite di grado A, gastrite antrale iperemico-erosiva
(distanza della giunzione squamo-colonnare degli incisivi cm 43 con impronta dei pilastri diaframmatrici a 45 cm. linea z di aspetto con piccola erosione - mucosa antrale iperemica con microerosione. in retrovisione ernia jatale da scivolamento del fondo gastrico) "
Fatto dunque analisi feci x l.
helycobacter pilori... presente.

Vista la quarantena ho sentito il mio medico di famiglia x cura il quale ha ammesso di non essere un grande esperto in materia.
Dunque mi sono documentato ed ho trovato un farmaco da farmi prescrivere (trovato con molta difficoltà dopo 14 farmacie e so che è attualmente non in produzione almeno in italia).
La vecchia cura di antibiotici prevedeva 3 tipi di antibiotici, ma ho letto che ultimamente in molti casi non dava risultati apprezzabili, dunque ho letto appunto di questo farmaco.

Si chiama PYLERA insieme ad omeprazolo x 10 gg.
4 volte x 3 compresse PYLERA + 2 omeprazolo... iniziato stasera 28. 3. 2020.

Mi domandavo...
1.
È azzeccata la cura per il mio caso?

2.
Antibiotici cosi pesanti, in questa quarantena, potrebbero abbassare le mie difese immunitarie (vedi corona) e dunque dovrei assumere qualche vitamine?
se si, quali?

3.
Non si può assumere latte neanche senza lattosio?
(Il calcio dunque non fa bene) o comunque yogurt?
da un anno circa sto evitando piu possibile il lattosio con prodotti privi di questo, giacchè lattte appunto yogourt formaggi sono presenti in alte quantità nella mia alimentazione.

4.
posso fare attività sportiva durante la cura o è meglio evitare di sudare e faticare?


ringraziando in anticipo, cordiali saluti
#andratuttobene

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La cura con Pylera è quella attualmente più efficace. Si tratta però di una terapia "pesante" che a volte potrebbe dare effetti collaterali. Mi chiedo quindi la necessità di farla in questo periodo anche perché l'helicobacter con è implicato nel reflusso...

Può assumere prodotti senza lattosio (ce ne sono tanti.....) o anche assumere prima di una pasto con lattosio degli integratori con enzima lattasi.

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
grazie per la celere risposta.
la necessità di fare la cura, è dato dal fatto che i dolori sono veramente invalidanti e quotidiani.
pensavo ignorantemente che l'helycobacter influisse o fosse causa di alcune delle diagnosi ipervenute dallo gastroscopia. sulla diagnosi infatti mi consigliava il gastroenterologo dell'ospedale di fare analisi feci proprio x verificare la presenza di h.b. e dunque scegliere quale tipo di cura. antibiotici appunto nel caso di presenza dello stesso.
giacchè mi conferma che è invalidante questa cura, mi consiglierebbe delle vitamine?
comunque stamani ho preso la quarta dose (16 compresse) e devo dire che noto seppur piccoli miglioramenti. sopratutto stamani il dolore sembrava essersi dimezzato...
per i latticini, il foglietto del pylera.. parla di calcio, non di lattosio... sono la stessa cosa?
grazie ancora

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Calcio e lattosio sono cose diverse..

A questo punto può continuare con la terapia.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
allora deve scusarmi... ma che latticini esistono senza calcio?
perchè ripeto sul foglietto del farmaco parla di non assumere calcio.
Il lattosio sono io che lo evito. Infatti le chiedevo se posso mangiare latticini privi di lattosio ma che comunque conterrebbero il calcio.
per fare un esempio... latte senza lattosio o parmigiano naturalmente senza lattosio... contengono comunque calcio... quindi non potrei assumerli con questo antibiotico mi pare di aver capito...
grazie ancora

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Non esistono latticini senza calcio per cui durante la terapia deve eliminarli, unitamente ad antiacidi con calcio e alcolici.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente
Ok. Dunque il messaggio in cui mi diceva CHE POSSO ASSUMERE PRODOTTI SENZA LATTOSIO... o addirittura assumere enzimi lattasi... non era corretto o molto fraintendibile!! mi permetta! Infatti stavo assumendoli! Mi stoppo subito . Spero di non avere sgradite conseguenze perché fin'ora ho continuato ad assumere prodotti senza lattosio!
Fortuna che sono puntiglioso capisco sia gratuito e ringrazio questo sito ma magari un po piu di attenzione/ precisione , altrimenti piuttosto meglio non rispondere che si rischia di far peggio.
Cordiali saluti

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Un momento.

All'inizio le avevo detto che in questo periodo non vedevo necessità di affrontare il trattamento con Pylera in quanto si trattata di una terapia pesante e che poteva dare effetti collaterali

Il concetto del lattosio lo avevo distaccato dalla terapia con Pylera e le davo indicazioni su come assumere latticini essendo intollerante al lattosio.

Tutto qui.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#8] dopo  
Utente
Diciamo che non ci eravamo capiti. Anche se....... io ero stato piuttosto chiaro. essendo questo post relativo ad intolleranze con pylera e che dell.intolleranza al lattosio sapevo e stavo GIA prendendo prodotti privi di lattosio ( punto 3 prima domanda ). Non le ho fatto domande sulla mia intolleranza al lattosio perche l.argomento lo conosco. Avevo infatti chiesto del calcio... incompatibile con pylera. A sto punto la risposta corretta a mio avviso era semplice: No non può assumere assumere latticini neanche privi di lattosio con pylera.
E le ho chiesto poi vista " la nostra incomprensione" quanto influiranno sulla cura questi giorni di calcio... ma lei mi permetta mi é sembrato un bel po sbrigativo sia a leggere che a rispondere. Ringrazio per il TEMPO, il sito fatto bene ma sentirò un altro professionista piu attento e preciso. Prossimamente una visita reale da un gastroenterologo competente
Cordiali saluti.
E ragazzi se non è chiaro... con pylera niente calcio dunque niente latticini (anche se privi di lattosio!!!)

[#9] dopo  
Utente
Purtroppo dopo i primi giorni che la cura mi aveva fatto scomparire del tutto i dolori... al settimo giorno di cura circa i dolori sono tornati. Anche stamani (ottavo giorno) dopo 5 ore di sonno, costretto ad alzarmi x andare in bagno. Le feci che erano diventate abbondanti e meno frequenti sono tornate ad essere minime.
Ormai la cura la finisco. Ma TEMO NON ABBIA FUNZIONATO.
Sono disperato.
Crampi dal torace/stomaco fino alla pancia. Pancia si gonfia come un pallone... Già qualcosina di dolori anche alla schiena. In pratica come prima della cura (meno forti x ora ma temo aumenteranno di giorno in giorno come fecero gia)
Che altre analisi devo fare? Quale cura? Sarei disposto anche a un'operazione pur di evitare questi dolori invalidanti. Davvero demoralizzato