Utente
Salve, in seguito a continui problemi di nausea, gonfiore addominale, senso di pienezza, debolezza e qualche episodio di vomito, il medico mi ha consigliato un' ecografia addominale completa, di seguito riporto il referto:

"Fegato, a margini regolari e con dimensioni nella norma, ad ecostruttura addensata e con livello di ecogenicità diffusamente e modicamente aumentato come da steatosi di grado lieve-medio, esente da lesioni focali con caratteristiche sospette nelle sedi esplorate.
Colecisti distesa, alitiasica.
Non dilatate le vie biliari intra ed extraepatiche.

Milza nei limiti.

Pancreas esente da significative alterazioni ecostrutturali nelle sedi esplorate (testa e parte del corpo).

Reni in sede, di forma e dimensioni nella norma, con conservata differenziazione cortico-midollare e spessore corticale.
Non si documenta idronefrosi bilateralmente.

Vescica ben distesa, a pareti regolari, senza immagini litiasiche endoluminali, a contenuto omogeneo.

Prostata nei limiti (DT 35 mm).

Assente versamento libero nei recessi addominali.
"

In seguito ho informato telefonicamente il medico che mi ha detto di evitare di mangiare cibo spazzatura, ma nella fretta della chiamata non ho potuto chiarire alcuni dubbi:

1) Si tratta quindi di steatosi epatica o serve fare qualche altro esame per poterlo affermare con certezza?


2) A causa di un disturbo d' ansia generalizzato negli ultimi anni ho assunto diversi farmaci e combinazioni, in accordo con lo psichiatra (principalmente ssri e benzodiazepine, ma anche neurolettici seppur passato più di un anno dall'ultima assunzione di questi ultimi), da qualche settimana non assumo più farmaci a parte il rivoltril, che assumo al bisogno da 3 anni ormai.
Può l'assunzione continua di questi farmaci essere causa di questa condizione?


3) La steatosi epatica è una condizione reversibile?
O progressiva nel lungo periodo?


4) Negli ultimi 2 mesi, causa anche lockdown, ho fatto un' alimentazione squilibrata e fatto poco movimento, ho fatto spesso uso del rivoltril e qualche volta a distanza di poche ore dall' assunzione di tachipirina od oki per il mal di testa, prima di questi mesi avevo un'alimentazione normale, in genere non consumo alcool se non raramente, è possibile che siano questi 2 mesi ad aver determinato questa condizione?
O ha una componente genetica?


Grazie in anticipo a chi risponderà ai miei dubbi, scusate il papiro

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) per maggiore precisione diagnostica DEVE fare un prelievo per transaminasi, GGT e fosfatasi alcalina.
2) i farmaci potrebbero aver contribuito
3) è, molto spesso, reversibile.(occorrono mesi)
4) non credo che solo 2 mesi siano sufficienti.
Segua una alimentazione rigorosa e pratichi attività fisica.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Gentile dott. Bacosi, la ringrazio per la risposta esaustiva, ho fatto le analisi (anche se manca la fosfatasi alcalina e la ggt (?)) che a breve farò vedere al medico curante, sembra tutto nella norma a parte il colesterolo HDL che è risultato basso, riporto alcuni valori di seguito:

GLICEMIA 90 mg/dl 60-110 mg/dl
SIDEREMIA 155 65-175
TRANSAMINASI GOT/AST( 37 C). 32 U/l 10 - 37 U/l
TRANSAMINASI GPT/ALT (37 C). 39 6 - 40
GAMMAGLUTAMILTRANSPEPTIDASI (yGT) 18 0- 73

COLESTEROLO TOT 148 mg % sino 200 mg %
HDL COLESTEROLO *FN 32 >35
TRIGLICERIDI(Met.enzimatico) 124 30 - 170

Le urine sono chiare, limpide e non risultano componenti patologici né depositi presenti.

Mi chiedo se un basso valore di HDL associato ad una presunta steatosi sia motivo di approfondimento, o se dai valori riportati si possa confermare una steatosi o comunque escludere altre patologie?

Grazie per il tempo dedicatomi

[#3] dopo  
Utente
Up

[#4] dopo  
Utente
Se non si sà rispondere al quesito sarebbe educato scriverlo anziché lasciare in tredici le persone, la serietà di una persona (prima che medico) si vede anche da questo

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile amico, invece di offendere poteva gentilmente richiedere una risposta nuovamente, le avrei risposto volentieri.
Le spiego come funziona: quando.lei manda un consulto od una risposta, il sistema invia al medico che ha risposto una e-mail di avviso.
A volte capita di ricevere 10 o 20 e-mail al giorno (più le e-mail personali).
Può capitare che una di queste possa sfuggire.
Siccome sono serio, educato e presto questo servizio in modo volontario e non retribuito, non credo di meritare il suo modo di rivolgersi.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
Credo sarebbe meglio non prestare un servizio volontario se la cosa dovesse risultare stressante e portare a lasciare un consulto a metà. Nessuno prega nessuno, si richiede solo un minimo di professionalità e serietà, senza sfociare nella presunzione.

Saluti e buon lavoro.