Utente
Ho consumato uno sgombro affumicato di sera e mi sono svegliato di notte con debolezza diffusa, ronzio in testa e paura di aver preso il covid, a cui sono poi risultato negativo.

Dopo un paio di giorni di debolezza e malessere i sintomi hanno iniziato a calare, aumentavano e continuano ad aumentare una mezz'ora dopo i pasti.

La debolezza, accompagnata a qualche dolorino muscolare o osseo, è passata gradualmente ma restano dopo due settimane il ronzio in testa che soprattutto di notte diventa fastidioso, e a cui si aggiunge ultimamente persino una sensazione estemporanea di formicolio all'interno delle orecchie.
Ha forse anche a che fare coi nervi perché aumentata negli ultimi giorni in cui ho ripreso a bere qualche caffè.
Digrigno spesso i molari e mandibole come una specie di tic nervoso.
Mangio leggero, sebbene esagero con olio di oliva e pane, ed assumo una capsula di probiotici al giorno e delle vitamine/minerali.
Non avendo avuto vomito, ma solo leggeri disturbi allo stomaco e una lievissima nausea consistente in una titubanza a bere acqua, mi chiedo cosa possa essere, se un problema di intossicazione alimentare oppure neurologico o cardiovascolare.
Non ho misurato la pressione ma la mia è generalmente bassa tanto più che a volte rialzandomi da accovacciato mi viene il capogiro, ed ho avuto un acuirsi di questo problema in questi giorni, svanito dopo che ho ricominciato a salare gli alimenti.
Qualcuno può darmi una chiave di lettura di quello che mi è successo?
Ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Sono disturbi aspecifici, non di allarme e non da intossicazione. Probabile virosi intestinale e/o somatizzazione d'ansia

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Molte grazie dott. Cosentino, trovandomi all'estero, vivendo solo e non avendo un medico curante, probabilmente l'ansia è un fattore che può aver aggravato i sintomi. Purtroppo continuo ad avere fame ma quando mangio, soprattutto la sera, la digestione dura troppo ed è accompagnata da una pressione in testa che cresce proporzionalmente in base alla pesantezza del pasto. Ci sono delle regole universalmente valide per combattere virus intestinali?

Un cordiale saluto

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Solo sintomatici e per favorire la digestione può assumere dei procinetici (domperidome, ecc).
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it