Utente
Buongiorno,
da circa un paio di mesi soffro di uno strano disturbo: mentre sono a letto, prima di dormire la sera, comincio ad avvertire gonfiore all'addome e lo stomaco o l'intestino emettono gorgoglii continui, come se la digestione fosse in atto. Succede la stessa cosa al mattino, appena mi sveglio.
E' un disturbo che mi colpisce solo quando sono disteso a letto, durante la giornata se sono in piedi e impegnato a fare altro il fenomeno si attenua.
Anche adesso che sto scrivendo questa domanda ho sentito un rumore tipico della peristalsi, udibile anche da chi si trova vicino a me.

Ne ho parlato una settimana fa con il medico di famiglia, mi ha prescritto Lactibiane da assumere per un mese. Sono passati 10 giorni dall'assunzione ma non ho notato miglioramenti.

Per quanto riguarda la funzionalità dell'intestino direi che va abbastanza bene, la consistenza delle feci tende ad essere molle e di un colore tendendo al marrone scuro. Ho contratto quest'estate l'Helicobacter Pylori ma è stato eradicato, non so se le cose sono collegate.

Chiedo gentilmente se sulla base di quello che ho descritto posso stare tranquillo o se conviene rivolgersi a uno specialista.

Distinti saluti.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Certo che può stare tranquillo. D' accordo sui probiotici, ma forse ha bisogno anche di qualche preparato a base di simeticone per ridurre le fermentazioni intestinali.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Egr. Dott. Tutto Ello,
La ringrazio per il riscontro.

Il preparato da lei citato è reperibile in farmacia senza ricetta medica, basta quindi parlare col farmacista del disturbo oppure è necessario parlarne con il medico di base e farsi suggerire un farmaco in particolare?

Distinti saluti.

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Si faccia dare dal farmacista le compresse da 120 milligrammi.
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno,
La situazione non sta migliorando e neanche peggiorando.

Uno specialista mi ha prescritto 2 farmaci : uno per migliorare la peristalsi intestinale e un altro che agisce leggermente sul sistema nervoso, una sorta di calmante, in modo da sentire meno gli effetti dovuti all ansia e che potrebbero avere effetto sull'intestino.

Purtroppo ho sempre un senso di pesantezza / dolore a livello addominale basso, succede quasi sempre quando sono sdraiato a letto, difficilmente quando sono in piedi o seduto.

Esistono delle teorie per cui il mal di intestino debba verificarsi solamente in determinate situazioni? Non capisco perché i disturbi strani debbano venire sempre a me. Mi si presentasse a tutte le ore del giorno magari sarebbe più semplice individuare quale malattia mi provoca questi disturbi...
Quello che è certo è il fatto che non sto più vivendo bene le mie giornate e a volte ho un po paura di mangiare più del dovuto per evitare di avere dolori.

[#5]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Il suo intestino non è malato. Solo, si muove in maniera un po' tumultuosa, ma questa non è una patologia e non vale la pena prendere farmaci per questo. Solo prodotti contro il meteorismo. Credo che la prescrizione dello specialista sia corretta, anche se non mi dice di quali prodotti si tratta. Non si preoccupi e viva tranquillo.
Prof. alberto tittobello

[#6] dopo  
Utente
Egr. Dott. Tittobello,
La ringrazio per la premura e per la precisione nelle Sue risposte. Le faccio ancora una domanda :

Ho 32 anni e non ho mai avuto problemi intestinali prima d'ora. Come mai la funzionalità intestinale subisce variazioni nel corso della vita?
Non avendo vizi o cattive abitudini speravo di mantenere una buona funzionalità, non solo dell'intestino ma della mia salute in generale.

La ringrazio per l'attenzione.

Cordiali saluti.

[#7]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Non si tratta di vizi, nè di cattive abitudini, ma il nostro intestino è strettamente collegato al nostro cervello, lavorano insieme e si scaricano a vicenda eventuali problemi.
Prof. alberto tittobello