Attivo dal 2020 al 2021
Salve, stanotte sono stata veramente male.
Credo di aver avuto una congestione, dopo aver mangiato la verdesca con un pacco intero di insalata (contro voglia ma avevo fame e non avevo voglia di cucinare altro).
Subito dopo ho avuto due episodi di diarrea, mi sono addormentata e verso le 2 di notte mi sono svegliata con ansia, tachicardia, diarrea e vomito per 2 ore di fila.
Sono corsa al PS ma non sono riuscita a farmi controllare perché c'erano altre urgenze e io mi sentivo già meglio.
Ho smesso di vomitare e di avere la diarrea verso le 4:30 ma la tachicardia persisteva, non sono riuscita a dormire perché sono molto ansiosa e ipocondriaca di natura e ho la tendenza di pensare al peggio, avevo paura fosse un infarto visto che avevo anche brividi e un po' di sudore.
Oggi mi sento meglio, la tachicardia è quasi scomparsa, ritorna solo se comincio a fare dei pensieri paurosi (come quello dell'infarto), ho dei rumori strani nello stomaco come se fosse aria, pochissimo bruciore e nausea.
Non ho più vomitato ne avuto la diarrea.
Secondo lei ho avuto una congestione, o è un problema cardiaco visto la tachicardia?
Cosa mi consiglia di fare in ogni caso?
Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
È molto probabile sia un episodio irritativo acuto gastrointestinale. Generalmente la risoluzione è spontanea, non richiede dunque alcuna terapia.
In relazione alla tachicardia - probabilmente in relazione all'ansia - è utile una valutazione non urgente con elettrocardiogramma.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Attivo dal 2020 al 2021
Salve dottore, grazie per la risposta, mi ha tranquillizzata abbastanza. Oggi ho mangiato solo in bianco, ho bevuto tanti liquidi e mi sento molto meglio, niente diarrea, vomito e tachicardia. L'unica cosa che rimane sono certi rumori di stomaco, simili a quelli dell'aria sullo stomaco. Cosa possono essere?

[#3]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ancora un po' di disordine motorio, probabilmente in via di risoluzione.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#4] dopo  
Attivo dal 2020 al 2021
Dott.Scuotto grazie di nuovo per la sua risposta. Mi sento decisamente meglio. Ieri ho mangiato pochissimo tutto in bianco e oggi anche. I rumori dello stomaco sono quasi spariti. Ho solo eruttazioni e non ho tanta fame. È normale? Non sento nessun dolore nello stomaco, solo che non ho tanta voglia di mangiare. E poi, mi sa dire più o meno quanti giorni devo andare avanti a mangiare in bianco? In attesa di una sua risposta, cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Per pochissimo tempo.
Riprenda "gradualmente" una alimentazione varia.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#6] dopo  
Attivo dal 2020 al 2021
Grazie mille.

[#7] dopo  
Attivo dal 2020 al 2021
Dottore buongiorno. Ormai sto abbastanza bene, niente più episodi di vomito o diarrea solo che da quella sera che mi sono sentita male, mangio poco perché mi sento subito piena e non ho tanta fame. Se faccio colazione devo saltare il pranzo o viceversa. Ho tanti eruttazioni soprattutto dopo mangiato oppure nella fase digestiva. Lo stomaco non mi fa per niente male, le feci sono normali e se non ci fosse per questa mancanza di appetito, sazietà con poco cibo e le eruttazioni direi che sto bene. Può essere una cosa grave? Un tumore o ulcera? Lei mi consiglia di fare la gastroscopia o qualche esame?

[#8]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dopo un episodio acuto può persistere per qualche tempo un certo malessere intestinale del tipo sindrome dell'intestino irritabile.
Da quello che riferisce non sembrano necessarie al momento delle indagini strumentali; per eccesso di cautela può chiedere, se il suo medico curante è d'accordo, di praticare analisi su sangue per una valutazione generale (emocromo, sideremia, glicemia, ecc.).
Può essere di utilità assumere per qualche settimana un probiotico per riequilibrare la popolazione batterica gastrointestinale.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.