Sospetto celiachia

Buonasera,
Sono mamma di un bambino di 3 anni che ha il padre affetto da celiachia (diagnosticata circa 7 anni fa).

Premetto che da diverso tempo il mio bambino ha problemi nello scaricarsi in quanto continua a lamentare che la cacca è dura e scaricarsi gli fa paura.
Lo scorso anno ha sofferto di ragadi e da quel momento è iniziato il calvario.

Ho consultato diverse il pediatra che mi ha prescritto il Macrogol o, in caso di estrema necessità, mi ha consigliato di utilizzare i microclismi.

Essendo il padre celiaco ho chiesto più volte di approfondire la questione per verificare che il problema che lamenta possa essere associato al morbo celiaco, ma il pediatra sostiene sia ancora troppo presto e, visitando il bambino, allo stato attuale non ritiene sia celiaco.
Mi ha motivato dicendomi che cresce bene, che non è anemico e che generalmente la celiachia da il sintomo opposto (ossia dissenteria).

Privatamente ho deciso di effettuare gli esami genetici e questo è il risultato:

Nella ricerca di predisposizione di malattia celiaca
Il test ha evidenziato gli alleli
HLA-DQA1 02
HLA-DQB1 02
HLA-DRB1 07
Conclusione:
Presenza della sola catena beta dell’eterodimero DQ2.data la condizione allelica del paziente non è possibile determinare lo stato di omozigosi del DQ2.

Genotipo: DR7-DQ2.


Potete cortesemente tradurmi tale esito?

Sono un po’ preoccupata, so che la predisposizione non implica necessariamente lo sviluppo della malattia, ma mi dispiacerebbe se fosse celiaco già cosi piccolo...
Inoltre non so come gestire questo problema della stitichezza (se cosi si può definire), preciso che con il macrogol si scarica 1/2 volte al giorno regolarmente ma non penso sia giusto e consigliato proseguire sempre con questa terapia per evitargli traumi al momento dell evacuazione.
(non so se sia importante precisarlo ma nonostante da ormai un anno abbiamo tolto il pannolino, per la cacca non c’è verso di liberarsene...).


Mi scuso se mi sono dilungata e ringrazio anticipatamente chi vorrà aiutarmi.


Grazie.
[#1]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,2k 204
Non si è mai troppo lunghi nel descrivere i sintomi. Il suo pediatra ha ragione : non ci sono sintomi relativi ad una celiachia e anche gli esami lo confermerebbero.

Prof. alberto tittobello

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille!
[#3]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,2k 204
Prego.

Prof. alberto tittobello

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa