H pylori e calprotectina alta

Buonasera,

Scrivo per avere un parere da uno specialista italiano poiché mi trovo all’estero e al momento i tempi di attesa per un consulto da un gastroenterologo sono piuttosto lunghi.
Da circa sei mesi ho dolori allo stomaco ricorrenti, sotto le costole (soprattutto destra) o altezza bocca stomaco.
Ho pensato ad un episodio di reflusso così ho preso del gaviscon e i sintomi si sono alleviati.
Dopo un mese circa sono ripresi sintomi più forti i.
e. sensazione di nausea al mattino o a stomaco vuoto, gas, dolore alla bocca stomaco come se mi avessero dato un pugno.
Ho deciso di andare dal medico che ha riscontrato tramite esami feci la presenza di H pylori.
Ho fatto la terapia eradicante con Lansoprazolo, amoxicillina e claritromicina per una settimana.
Al termine della settimana i sintomi erano sempre gli stessi, anzi ho avuto degli attacchi di crampi molto forti, nausea costante e rumore di succhi nello stomaco.
Dopo 4 giorni dalla fine della terapia antibiotica ho avuto febbre a 38 per 24 ore seguita da 3 giorni di feci irregolari, molto molto molli non acquose, e ripetute almeno 3 volte nell’arco della mattinata.
Dopo questi episodi ho effettivamente iniziato a sentirmi meglio, meno dolore, nausea passata e le feci sono tornate normali più o meno anche se frequenti dopo i pasti.
Il medico nel frattempo ha ritenuto opportuno fare esami per clostridium difficile, calprotectina fecale e analisi del sangue.
Tutte le analisi sono risultate negative tranne anemia e livelli di calprotectina alti: 333.
Continuo a prendere lansoprazolo dalla fine della cura eradicante, ma non prendo nessun altro farmaco.
Il medico di base ha fatto un referral per una visita presso un gastroenterologo ma non so quando sarà.
Alla luce di questi dati, essendo consapevole dell’impossibilità e dannosità di fare speculazioni su possibili diagnosi a distanza, a cosa potrebbe essere legata la calprotectina così alta?
Bisogna considerarla una spia di allarme e si ritiene utile una gastroscopia + colonscopia?
Il sistema sanitario inglese è molto diverso, quindi un parere italiano sarebbe molto utile e gradito.

Aggiungo inoltre, che all’inizio dei sintomi avevo fatto un’ecografia all’addome che ovviamente non aveva evidenziato anomalie e un test immunochemical (FIT) che non aveva riscontrato presenza di sangue nelle feci.

Attendendo un vostro riscontro,
Cordiali Saluti
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 24k 938 12
Gli inibitori di pompa protonica innalzano la calprotectina.
Ripeta l'esame dopo 2 o 3 settimane dal termine del Lansoprazolo.
Cordiali saluti.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio