Utente
Buonasera,
sono una ragazza di 23 anni ed è già il secondo anno consecutivo che verso il mese di maggio accuso il seguente problema: tutto inizia con una forte tensione addominale nel basso ventre, raramente con fitte fastidiose (ma non fortissime) sul fianco destro (per intenderci, circa all'altezza dell'ultima costola). La mattina la situazione è più che sostenibile, ma dopo il pranzo e soprattutto la cena,la pancia mi si gonfia molto(ho un fisico asciuto 55kg X 1,70m). Durante la notte poi, mi sveglio ogni tanto rendendomi conto di soffrire di flatulenza e la cosa mi imbarazza molto.
Non sono molto regolare, ma riesco quasi ogni giorno a scaricarmi almeno una volta,anche se con fatica.
Prendo da 3 anni la pillola anticoncezionale mercilon che mi è stata prescritta previa specifiche analisi del sangue, potrebbe essere quella la causa che appesantisce cosi il mio intestino/fegato/stomaco?
Da una settimana prendo 4 pastiglie di coligas al giorno... ma la situazione non sembra migliorare e la flatulenza e il gonfiore serale persistono!
Premetto che di solito mangio molti affettati, pane, pasta e poche verdure...ma siccome è da 10 giorni che sostengo una dieta ferrea a base di verdure, pane integrale, cibi leggeri, acqua liscia e niente latticini, ma non ho notato miglioramenti...CHE DEVO FARE? da cosa può dipendere tutto questo gas intestinale?
Vi ringrazio per la risposta
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
La pillola c'entra poco... Ed entro certi limiti e' normale che l'addome sia leggermente piu' gonfio dopo i pasti. Del resto il gas intestinale e' il risultato della fermentazione del contenuto enterico, quindi prima di utilizzare prodotti che possono diminuirlo e' consigliabile rivolgere la sua attenzione agli alimenti che ingerisce, magari con l'aiuto di un buon dietologo...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta....quindi lei crede che la mia non sia una patologia, ma un semplice problema di disordine alimentare?
Pensavo potesse essere colon irritabile, secondo lei può essere anche quello?
Sa dirmi qualche alimento adatto alla mia condizione, o almeno cosa dovrei rigorosamente evitare?
grazie
cordiali saluti

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
La IBS (Sindrome del Colon Irritabile) non e' una diagnosi, ma una serie di sintomi a causa multifattoriale che per brevita' vengono raccolti sotto questa definizione.
Non esiste una regola sugli alimenti adatti e su quelli non adatti, perche' ognuno puo' reagire in maniera differente. E' chiaro che bisogna prediligire cibi ben digeribili ed evitare quelli grassi. Cosi' come va evitato il fumo e l'alcool (e non solo per chi ha il Colon Irritabile...) e soprattutto cercare di regolarizzare tempi e modi dei pasti consumati. Nel suo caso pero' direi che tutto e' ancora da dimostrare... non vi sono gravi segni che portano a pensare sia presente una IBD: e' pertanto sensato sentire cosa ne pensa un dietologo e successivamente recarsi dal Medico nel caso il tentativo di "autoregolamentarsi" risulti vano.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio della risposta, sono già alcuni giorni che ho modificato le mie abitudini, seguendone di più sane e regolari e sto cominciando ad avere un significativo miglioramento, nel caso invece dovessi peggiorare, mi rivolgerò ad un dietologo. Grazie ancora per la disponibilità, cordiali saluti

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Quello che mi scrive mi fa molto piacere, perche' ci da una ulteriore prova (se ancora ce ne fosse bisogno!) che l'alimentazione e le abitudini di vita svolgono un ruolo fondamentale per la nostra salute ed in particolare per la IBS.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com