Utente 120XXX
Salve, sono a chiedervi un parere.
faccio parte di un forum relativo alla perdita di un figlio, e in tante abbiamo rilevato la costanza con la quale la gravidanza si interrompeva sempre su un determinato sesso del bambino (ad es. femmina) mentre siamo riuscite successivamente a diventare mamme di bambini del sesso oppposto (ad es. maschi); le gravidanze con esito sfavorevole hanno avuto dinamiche diverse, che vanno dall'aborto spontaneo a quello tardivo etc.
Il mio caso: ho avuto 2 gravidanze di figlie femmine terminate rispettivamente la prima a 20w (interruzione terapeutica causa grave malformazione congenita) la seconsa a 22w causa parto estremamente prematuro (la bambina e' vissuta qualche giorno). Oggi sono mamma di un maschietto, che adoro.

La cosa strana e' che mia nonna ha avuto 5 figli tutti maschi mentre ha perso e piu volte le figlie femmine, anche con dinamiche simili alla mia.
I figli di mia nonna, tutti maschi (quindi i miei zii) hanno avuto prevalentemente figli maschi sani,e poche figlie femmine, sane, ma che a loro volta hanno avuto problemi importanti con gravidanze relative a figlie femmine (anche mia cugina infatti ha avuto un maschio sano e una femmina con malformazione congenita, anche se diversa da quella della mia prima bambina). La mia prima bambina aveva una forma gravissima di focomelia, forma che ha anche mio zio dalla nascita ma nel suo caso in una forma molto meno invalidante. Proprio La figlia di questo zio ha avuto la bimba con malformazione congenita, della quale parlavo prima, risolta comunque con intervento qualche tempo dopo la nascita (la bimba ora sta bene ed e' splendida).
Mi chiedo: possibile che ci sia un problema genetico legato al sesso dei bimbi, viste anche le tante difficolta di mia nonna oltre che mie nelle gravidanze con figlie femmine?
Aggiungo che la mia e' piu che mai una curiosita che abbiamo in famiglia, considerate le vicende.
Ho chiesto di questa incompatibilita anche al centro ecografico molto rinomato che mi ha seguito in gravidanza e anche loro hanno riscontrato, in generale, questa tendenza in altre pazienti.
La mia domanda e': c'e' una interpretaziome medica a tutto cio, esiste un fondamento scientifico o sono solo coincidenze?
Grazie mille, buona giornata!

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
PERUGIA (PG)
ROMA (RM)
JESI (AN)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
possono essere coincidenze ma possono essere anche patologie legate al sesso del concepito, la numerosità degli eventi depone per la seconda ipotesi.
cordialmente
Dr Giulio Biagiotti
www.andrologiaonline.net
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 120XXX

La ringrazio tanto per la risposta.
Qual'e' la base scientifica, una incompatibilita' sanguigna? La bimba che e' vissuta pochi igorni aveva il gruppo sanguigno di mio marito, mentre il nsotro bambino ha il mio, ma non so se questo abbia un significato.
Come mai il corpo materno puo' non accettare un determinato sesso fetale? Per motivi genetici/ereditari?
se mai affrontero' unan uova gravidanza, devo dunque augurarmi che non sia femmina, altrimenti andro' incontro a nuove perdite? Parlavamo proprio in famiglia poco tempo fa del fatto che se mai dovessi avere un0altra gravidanza non vorrei sapere il sesso, perche se mi dicessero che e' femmina suonerebbe gia come un nuovo verdetto.
Grazie mille per la disponibilita' e per il servizio che offrite.

[#3] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
PERUGIA (PG)
ROMA (RM)
JESI (AN)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
salve.
è probabilmente un fatto genetico legato al cromosoma X che si estrinseca quando con quando le X sono due ( femmina ) e non si estrinseca o si estrinseca parzialmente quando la X è insieme al cromosoma Y ( maschio).
un esempio è la sindrome dell'X fragile.
l'incompatibilità materno fetale non è legata al sesso ma al fattore Rh.per esempio.
Prima di un'altra gravidanza le consiglierei di fare una consulenza genetica che può richiedere a Perugia in Pediatria o a Roma alla dottoressa Marina Baldi al consultorio di genetica via Po .
cordialmente
Dr Giulio Biagiotti
www.andrologiaonline.net
www.azoospermia.altervista.org

[#4] dopo  
Utente 120XXX

La ringrazio. Non so se puo essere di qualchei nteresse ma il cariotipo delle bimbe era normale, e il mio gruppo sanguigno e' 0 positivo.
La prima gravidanza fu archiviata come evento sfortunato in quanto, essendo la malformazione isolata e gli organi a posto, non si e' pensato a qualcosa di genetico, fu fatta autopsia e cariotipo con esito normale.
la seconda gravidanza fu spiegata come incontinenza del collo dell'utero (forse secondaria al precedente parto indotto) che si e' aperto in modo indolore (come accadde a mia nonna tanti anni fa) la bimba era sana e poi e' deceduta in tin in seguito a una infezione.
Per il mio bambino ho messo il cerchiaggio preventivo e sono stata a riposo, la gravidanza non ha dato alcun tipo di problema e il collo dell'utero e' rimasto buono fino alla fine.
la ringrazio, se e quando dovessi decidere di intraprendere una nuova gravidanza, mi informero' meglio, visto che finora mi e' sempre stato detto che i fatti erano fatti isolati con cause diverse (malformazione, e poi incontinenza del collo) mentre il dubbio a me e' sempre rimasto.
Grazie mille!