Utente 689XXX
Buonasera!
Mi presento: ho 32 anni e con mio marito (35 anni) siamo alla ricerca di un bimbo da un anno o poco più. Al primo mese di ricerca sono subito rimasta incinta, ma poi ho scoperto che in realtà era un uovo bianco (raschiamento giugno 2007 alla settimana 9+4). Poi più nulla fino a gennaio (microaborto) e aprile (altro microaborto). Allora mi sono decisa ad andare dalla mia ginecologa per investigare sulle cause e lei mi ha prescritto una serie di esami, tutti risultati negativi. I valori che mi hanno più colpita e su cui l'ho subito informata sono i seguenti:

**mutazione G20210A del gene della Protrombina (Fattore II)
PRESENTE ALLO STATO ETEROZIGOTE

**mutazione A1298C del gene della MTHFR (Metab. Omocisteina)
PRESENTE ALLO STATO ETEROZIGOTE

Poi ci sono due che non riesco a interpretare:

**Polimorfismo HPA-1 del gene della GPIIIa (antigene piastrinico)
HPA 1a

** OMOCISTEINA plasmatica 12,2 mcmol/L (valori normali tra 5 e 13,9)

La ginecologa mi ha detto che la mutazione del fattore II potrebbe essere la causa dei miei aborti e mi ha consigliato di andare da un ematologo specialista delle malattie della coagulazione. Ho fissato la visita per il 18 giugno. Il 10 giugno invece dovrò andare con mio marito a fare la visita per la mappa cromosomica.

Le cose che vorrei chiedere a voi sono tre:

1) come influisce il fattore II nell'istaurarsi di una gravidanza? e nel suo procedere?
2) c'è la possibiltà di risolvere attraverso una cura farmacologica i problemi derivanti da queste mutazioni?
3) come devo comportarmi nel caso in cui una gravidanza si istaurasse prima del 18 giugno? ci sono controindicazioni o pericolosità da tenere presenti?

Premesso che so che il vostro sarà solo un parere generale e non perfettamente adattabile alla mia situazione, dato il contesto in cui lo ricevo, spero fortemente di avere una vostra opinione medica per alleggerire l'ansia dell'attesa.

Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
carissima Signora,
mi pare che deve parlare con il suo ginecologo in maniera piu' approfondita, i dati che ci fornisce sono validi ma vanno interpretati alla luce della storia clinica e di una serie di parametri che emergono durante un ' approfondita anamnesi e la obiettivita' clinica...
deve tornare dal suo medico e farsi speagare tutto bene e con calma...
in bocca al lupo
suo DOC
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333