Utente 383XXX
1) Ho letto la tabella che spiega le percentuali con cui il figlio avrà un determinato colore degli occhi in base a quello dei genitori.
MARRONE e MARRONE sarà 75% MARRONE, 20% BLU, 5% VERDE
MARRONE e VERDE sarà 50% MARRONE 40% VERDE 10% BLU
Mi sorge un dubbio (a puro scopo informativo). Io ho gli occhi o castano chiaro con sfumature verdi o verdi scuro (non l'ho mai capito, ma un oculista mi ha detto che li ho verde scuro), la mia ragazza marroni. Il figlio rientra nel MARRONE e MARRONE o nel MARRONE e VERDE? (Come percentuali)

2) Le percentuali per il colore dei capelli quali sono? Visto che su internet non ho trovato nulla. Preciso che io sono nato biondo, divenuto castano col tempo mentre lei è bionda scuro.

3) Esistono test per valutare le percentuali con cui potrebbero manifestarsi problemi al feto, valutare se siamo portatori sani di qualcosa e via dicendo? Se si Lo può fare chiunque a pagamento (anche sotto i 33 anni) o solo dopo una certa età? Non dico solo dell'esame amniocentesi, ma se ne esiste uno meno invasivo (anche se meno affidabile)

4) Esistono modi per avere qualche probabilità in più di avere un figlio maschio? Avevo sentito del metodo shettles. Se è casuale non capisco perché a volte ci sono genitori con 3 figli maschi, altri con 3 figlie femmine e via dicendo. Può dipende da una "debolezza" di Y?

Grazie, e preciso che faccio queste domande a puro scopo informativo, non per creare il "figlio robot" o altro.

[#1] dopo  
Dr.ssa Stefania Zampatti

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
12% socialità
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
Caro utente,

a priori è estremamente difficile prevedere il colore degli occhi ed il colore dei capelli dei nascituri, i geni che regolano questi fattori infatti sono moltissimi e la loro trasmissione (ed espressione) non è prevedibile. Relativamente ai test su eventuali problemi al feto, ne esistono di diversi, è sicuramente possibile effettuare su di lei e sulla sua compagna analisi volte a verificare se siete o meno portatori sani di alcune malattie. Vi consiglio a tal proposito di contattare un genetista e richiedere una consulenza genetica, lui valuterà la vostra storia familiare e vi saprà suggerire i test cui eventualmente sottoporvi. I test per determinare se siete o meno portatori sani di qualcosa si possono eseguire a qualunque età. Relativamente ai "metodi" per incentivare il concepimento di un maschio, non si tratta di metodi scientifici e, dal mio punto di vista, hanno scarsa attendibilità.

cordiali saluti
Dr.ssa Stefania Zampatti
-
I consulti online forniscono soltanto indicazioni, non sono sostitutivi della consulenza genetica

[#2] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
So che non è la discussione esatta forse, ma volevo chiederle comunque qui.

Premetto che è a puro scopo informativo.

Io sono nato biondo e a tre anni circa sono diventato castano, ho gli occhi verdi con sfumature castane.

Lato materno:
MADRE: castana occhi come i miei; NONNA: NERA occhi castani; NONNO: uguale alla nonna; ZIO: Castano scurissimo e occhi castani; ZIA: Nera e occhi castani. Ho poi nonni e zii di mia madre castani con occhi verdi.

PADRE: nero come il carbone e occhi castani; ZIA: biondissima e occhi castani; nonni: neri e occhi castani. Alla lontana ci sono zii di mio padre biondi.

Chiedo: alla base di ciò è possibile IPOTIZZARE per il colore dei capelli quale allele ho dominante e quale recessivo? A logica direi che ho un gene dominante castano e uno biondo recessivo (scusi, allele portatore del colore..). Sarebbe impossibile essere portatore di un allele recessivo del colore nero, giusto? (essendo dominante sul biondo e sul castano). Oppure si può avere lo stesso un allele nero, uno biondo/castano e manifestarsi lo stesso il biondo?

[#3] dopo  
Dr.ssa Stefania Zampatti

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
12% socialità
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
Come dicevo la trasmissione non è prevedibile.
Dr.ssa Stefania Zampatti
-
I consulti online forniscono soltanto indicazioni, non sono sostitutivi della consulenza genetica