Utente 128XXX
Gentili medici,
sono una ragazza di 24 anni e all'improvviso, 4 giorni fa, mi sono svegliata con un fortissimo prurito nella zona del clitoride e piccole labbra associato a evidente rossore (a volte sono violacea), dolore al tatto, bruciore, gonfiore e secchezza. Non ho fatto assolutamente nulla di strano o diverso dal solito in questo periodo, non ho mai avuto sintomi simili prima e non ho rapporti sessuali di nessun tipo da quasi 2 mesi. Da 2 giorni ho inoltre notato perdite bianche un po' più abbondanti del solito e un fenomeno strano, è come se le piccole labbra fossero "contratte" su se stesse. Ho quindi chiamato la mia ginecologa ma devo aspettare 3 settimane per una visita a pagamento, ho chiamato tutti i ginecologi a pagamento della mia città ma è impossibile avere una visita prima di tre settimane, ho provato con la mutua e devo aspettare quasi tre mesi!Per questo mi rivolgo a voi, spero di poter avere qualche indicazione utile. Ho tanta paura di avere la candida e la sola idea mi terrorizza perché da quanto mi è stato raccontato da amiche e da quel che ho letto su Internet è praticamente impossibile debellarla e può portare a problemi intestinali e del sangue, malnutrizione, può attaccare altre zone del corpo, inoltre rende i rapporti sessuali dolorosi.Una mia amica aveva sempre la diarrea ed era sempre gonfia...ho molta paura e tre settimane mi sembrano eterne. Meno di un mese fa ho fatto delle analisi completissime del sangue ed erano perfette tranne per il ph delle urine che era un po' troppo basso ( mi sembra che il range fosse da 5 a 8 e che io avessi 4.5). Vi prego datemi un parere e qualche indicazione utile perché con questo prurito e bruciore e con il terrore di avere la candida 3 settimane mi sembrano una vita. Grazie mille a tutti coloro che vorranno rispondermi.

[#1] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent.sig.na, avere la Candida non e' un fatto cosi' drammatico, e' curabilissima se ben curata (puo' prescriverle la cura anche il suo medico). Per fare una autovalutazione dei sintomi la invito a consultare su questo sito il mio articolo su “Vulvovaginiti da Candida” nello spazio Minforma sezione Ginecologia e porre quindi eventuali altre domande.
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#2] dopo  
Utente 128XXX

Grazie mille dottore, leggo subito l'articolo.

[#3] dopo  
Utente 128XXX

Gentile dottore,
ho letto con attenzione e più volte il suo articolo e credo proprio di avere la candida e ne sono terrorizzata. Come malattia di base ho un oligo-Lupus eritematoso sistemico che non mi ha mai dato problemi e per il quale faccio la completissime analisi di cui le parlavo ogni 6 mesi. Quel che non riesco a capire è come mi sia potuta venire la candida, come le dicevo non è cambiato nulla nella mia vita, l'unica banalissima cosa che mi è venuta in mente leggendo l'articolo è che per motivi di lavoro sono stata 3 giorni sempre seduta con pantaloni elasticizzati stretti e spesso tendo a tenere le gambe accavallate...ma può bastare così poco a provocare la candida? Che cosa posso fare in attesa della visita? Devo continuare ad astenermi dai rapporti anche se usiamo sempre e comunque per nostra abitudine il preservativo? Ho prurito giorno e notte e dopo soli 4 giorni non ce la faccio più. Grazie mille di cuore.

[#4] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Se non ha assunto antibiotici, potrebbe essere legato all'abbigliamento (puo' succedere). Puo' utilizzare ovuli di fenticonazolo e lavande di econazolo che potrà prescriverle il suo medico.
Questo consulto non costituisce in alcun modo una prescrizione medica, per la quale si rimanda al curante.
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#5] dopo  
Utente 128XXX

Grazie di cuore dottore e mi scusi se la disturbo ancora, ma lei crede che si possa trattare davvero di candida? Alternativamente che cosa potrebbe essere? Devo astenermi dai rapporti? E' possibile che mentre aspetto la visita il disturbo scompaia spontaneamente (3 settimane mi sembrano una vita)? Grazie mille.

[#6] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Se i suoi sintomi sono quelli riscontrati leggendo l'articolo (bruciore, perdite bianche dense non maleodoranti) puo' trattarsi di candida (difficilmente passa da sola), e' bene avere rapporti protetti
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#7] dopo  
Utente 128XXX

Gentile dottore,
mi scusi se la disturbo ancora, ma mi sono sorte alcune domande e le sarei grata se potesse rispondermi.E' possibile che io trasmetta la malattia al mio ragazzo pur avendo rapporti protetti? Sono riuscita a fissare una visita con la mia ginecologa tra una settimana, ma facendo due calcoli è molto probabile che abbia le mestruazioni quel giorno, ha senso lo stesso fare la visita o tale stato non permetterebbe alla ginecologa di valutare i miei disturbi? Ultima domanda: dopo un travagliatissimo percorso personale sono riuscita ad avere i primi rapporti sessuali completi solo 4 mesi fa, è possibile che l'insorgere di questo fastidio sia stato causato dall'inizio dell'attività sessuale( anche se attualmente non ho rapporti da un mese e mezzo)? Grazie mille e buona giornata.

[#8] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Se i rapporti sono protetti già dai preliminari, no.
Con le mestruazioni non e' possibile fare una visita e pap-test. Se si tratta di candida, non credo che l'attività sessuale di per se' abbia potuto influire, se non per trasmissione dal partner (spesso nell'uomo e' asintomatica)
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#9] dopo  
Utente 128XXX

Gentile dottore, mi perdoni se la disturbo ancora, ma a me queste tre settimane sembrano le più lunghe della mia vita. Sono molto preoccupata riguardo alle possibili cause di questa candida (perché da tutte le cose che ho letto mi sembra proprio che si tratti di candida)perché ho sentito dire che può essere sintomo di malattie anche gravi come il diabete, intolleranze alimentari,che può dipendere da problemi intestinali e da mille altre cose e che può rendere sterili!E io ho 24 anni e tutte queste cose mi spaventano MOLTO...Potrebbe avere a che vedere con il lupus anche se è in quiete? Mi creda dottore ho così tanta paura che non ci dormo la notte da quanto sono angosciata, non è neanche una settimana che sto così ma mi sembra di starci da tutta la vita! Quante possibilità ho che si risolva tutto con qualche semplice medicina? Anche se tutti dicono che una volta che ti è venuta la candida non ti lascia mai più...grazie mille dottore, spero comprenderà la mia ansia.

[#10] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Nulla di tutto cio'. Puo' essere una banalissima infezione che puo' facilmente essere curata con ovuli e lavande ( e' molto frequente).
saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#11] dopo  
Utente 128XXX

Gentile dottore,
le tre settimane sono finalmente passate e ieri sono andata dalla ginecologa, pertanto la aggiorno e le porgo alcune domande. Dopo avermi visitata la dottoressa mi ha detto che sarebbe stato inutile farmi fare un altro tampone (ne ho fatto uno a settembre perché avevo dolore ai rapporti che aveva dato come esito la presenza di eschirichia coli che avevo curato con meclon 1000 senza nessun risultato) e pertanto mi ha detto che vista la mia situazione (forti dolori durante i rapporti, bruciore, evidente rossore, secchezza, perdite biancastre) devo fare una vulvoscopia "per controllare che sia tutto a posto". Ho appuntamento tra una settimana. Mi spaventa moltissimo l'idea di avere una vestibolite vulvare o una vulvodinia, ma anche solo una grave infezione (tutte cose che ha nominato la dottoressa) perché cercando su Internet ho visto che sono vere e proprie patologie molto complesse e difficilmente curabili...e io non ne posso più, ho iniziato ad avere rapporti 5 mesi fa e da allora non ho avuto altro che problemi (in realtà ne avevo anche prima perché ci ho messo 2 ANNI per riuscire ad avere rapporti per il troppo dolore). Secondo lei perché la mia ginecologa mi ha prescritto questo esame? Che cosa potrei avere? Grazie mille.

[#12] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Concordo con la collega per l'esame. Serve ad escludere fenomeni infiammatori o infettivi che possono essere causa dei suoi problemi. Non sarà certo nulla di grave.
Mi riporti l'esito quando ne sarà in possesso.
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#13] dopo  
Utente 128XXX

Grazie mille per la sua rapida risposta e mi scusi se la disturbo ancora. Quindi serve a vedere se ho delle infezioni e a capire come curarle. Ma se la vulvoscopia fosse negativa? Che cosa potrei avere? A quali altri esami potrei sottopormi? La mia ginecologa mi ha fatto capire che devo quasi sperare di avere un'infezione, perché se non risultasse niente sarebbe molto probabile che io abbia una vulvodinia o una vestibolite vulvare e a quel punto "Speriamo di no perché sono cose complicate e difficili da curare" (testuali parole della ginecologa). Grazie mille in anticipo.

[#14] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Aspetti di avere l'esito dell'esame poi si faranno altre ipotesi, per il momento e' prematuro
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#15] dopo  
Utente 128XXX

Gentile dottore, ho finalmente fatto la vulvoscopia e la colposcopia, oltre che visita, tamponi e pap-test dalla specialista da cui mi ha mandato la mia ginecologa, per quanto riguarda tamponi e pap-test avrò il risultato tra 8 giorni, intanto è emerso quanto segue (copio dal referto della visita):
1)colpite e vulvite di origine micotica con alcune necropapille sul piccolo labbro dex. La dottoressa ha detto che si nota un'evidente infiammazione, secondo lei dai tamponi al 99% verrà fuori che ho la candida.
Intanto mi ha prescritto:
- Triasporin 2 cp al gg per 4 gg
- Lorenil 600 ovulo vaginale (solo un ovulo)
- Elicryso gel fluido 2 volte al gg fino a fine confezione
- Micoschiuma detergente intimo per lavaggi esterni una volta al giorno per almeno 3 mesi
2)introito vaginale ristretto a causa di importante ponte vaginale fibroso sulla forchetta vulvare. La ginecologa ritiene che parte del mio dolore ai rapporti possa derivare da questo "ponte fibroso" che impedisce che la mia vagina si dilati più di un tot (a suo parere veramente troppo poco);La dottoressa mi ha consigliato di inciderlo chirurgicamente al più presto.
3)scarsa elasticità delle pareti vaginali e secchezza, probabilmente dovute alla mia malattia di base, seppur del tutto latente. Per questo problema mi è stato prescritto di fare la seguente terapia dopo che avrò finito la precedente:
- Vea Lipogel 2 applic. al gg per due mesi
- Rigentex 400 1 cp al gg per due mesi
4)La dottoressa mi ha inoltre consigliato di ELIMINARE dalla mia dieta TUTTI questi alimenti (che costituiscono almeno il 50% della mia dieta!!!!):
- latticini e formaggi freschi
- pane e pizza
- zucchero e dolci
- verdure in foglia larga
- piselli, carote, patate, zucche
- frutta zuccherina (uva, banane, cachi)
Inutile dire quanto io sia disperata e quanto abbia bisogno di chiarimenti.
1)Innanzitutto, che cosa sono la colpite e vaginite micotiche?Possono essere causate dalla candida? a che cosa servono e che cosa sono i farmaci che mi sono stati prescritti a questo proposito?Quante probabilità ho di guarire e non ritrovarmi ad avere questo problema CRONICAMENTE? (cosa che temo moltissimo);
2)Che cos'è un ponte fibroso e perché non mi era mai stato diagnosticato prima(avrò fatto almeno altre 4-5 visite)? Da che cosa può essere causato? Si può ricreare una volta operato?Può essere davvero la causa almeno in parte dei miei dolori ai rapporti? Lei ritiene opportuno che mi sottoponga a questo piccolo intervento?
3)La scarsa elasticità può davvero dipendere dal lupus anche se è sempre stato in quiete e non mi dà nessun problema? La dottoressa ha detto che la mia vagina sembra quella di una 50enne...che cosa posso fare?
4)IO NON RIUSCIRò MAI AD ELIMINARE TUTTI QUEGLI ALIMENTI DALLA MIA DIETA PERCHé AVREI DEI SERI PROBLEMI DI NUTRIZIONE E CREDO CIò MI PORTEREBBE AD AVERE ALTRI PROBLEMI...A parte il fatto che vivendo con i miei genitori non potrei mai mangiare in questo modo.Secondo è così importante che lo faccia? Per me è impossibile.
5) Lei come valuta complessivamente la mia situazione?crede sia grave? Che cosa mi consiglia di fare? Grazie mille di cuore, sono veramente disperata.

[#16] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
1-si tratta di infiammazioni dovute alla Candida e la terapia serve a curarla
2-il ponte fibroso e' come un anello che restringe la vagina (se e' stato diagnosticato e puo' essere causa dei suoi disturbi e' opportuno toglierlo chirurgicamente, ma una valutazione clinica sarebbe utile, impossibile via web)
3-potrebbe, anche qui e' importante la valutazione clinica
4-gli alimenti sconsigliati servirebbero a ridurre il rischio di candida (puo' farlo per un periodo per vedere se la situazione migliora, quindi reintrodurli gradualmente
5-non credo che la sua situazione sia grave (non vi e' nulla di "incurabile"), ma piuttosto complessa e fastidiosa da affrontare. Con calma credo che riuscirà a migliorare di molto
Cordiali saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#17] dopo  
Utente 128XXX

Gentile dottore,
è passato più di un mese e ho fatto la cura prescrittami dalla ginecologa(che trova nel mio vecchio post), ora sto facendo solo Vea Lipogel, Rigentex e Micoschiuma,risultato: zero su tutti i livelli e sono disperata. I rapporti sessuali permangono dolorosi e la candida non solo non mi è passata, ma mi sembra addirittura peggiorata: ho sempre perdite bianche, anche se raramente ho prurito e mi passa lavandomi con Micoschiuma. Io ho fatto tutto quel che mi ha detto di fare la ginecologa, l'unica cosa che non ho fatto è stato stravolgere la mia alimentazione, anche se ho comunque cercato di fare un po' di attenzione. Sono molto preoccupata perché le mie previsioni di avere la candida cronica sembra si stiano avverando...A questo punto vorrei chiederLe:
1)Lei che cosa mi consiglia di fare?
2)Che conseguenze può provocare l' avere la candida per molto tempo ?(io ce l'ho da ottobre).Su internet ho letto di tutto e sono spaventatissima: intolleranze alimentari, gonfiore perenne, sterilità, alopecia, problemi diffusi a tutto l'organismo, dermatiti...Sono terrorizzata, questa storia sta diventando un incubo!
3) Da che cosa può dpendere una candida così resistente?Ho letto che può dipendere anche da malattie molto gravi e ho molta paura.
4) Ripensandoci mi è venuto in mente che una settimana -dieci giorni prima che mi venisse la candida ho fatto l'aerosol per la tonsillite, potrebbe essere stata la causa scatenante?
Grazie mille di cuore, aspetto con ansia la sua risposta.

[#18] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
1-dovrebbe ripetere la terapia antimicotica sia lei che il partner eventualmente ciclicamente (ossia i primi gg del ciclo per almeno 3-4 mesi)- ne parli con la sua ginecologa
2-nessuna se non i disturbi riferiti
3-dipende da svariati fattori (consulti il mio articolo), ma non da malattie gravi (e' un fungo che alberga nel ns organismo)
4-se conteneva cortisone o antibiotici potrebbe esserne la causa
saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#19] dopo  
Utente 128XXX

Grazie mille dottore per la sua risposta come sempre rapidissima.
Quindi la candida va curata "solo" per far sparire i sintomi (bruciore, leucorrea, ecc.)e anche se protratta nel tempo non rappresenta un pericolo per la salute? Vivo nel terrore che, come ho letto in un articolo su internet, la candida possa entrare in circolo nel sangue e infettarmi tutto l'organismo oppure appiattire i villi intestinali e darmi problemi alimentari, oppure rendermi sterile. Conosco personalmente una ragazza che non riusciva a rimanere incinta perché aveva la candida e un'altra che è diventata celiaca a causa della candida. Ho molta paura. Lei crede davvero che possa stare tranquilla e che la mia salute non sia in pericolo anche se, per esempio, questo episodio d candida dovesse durare un anno?Grazie mille.

[#20] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non conosco cosa ha letto su internet, ma nel suo caso non credo ci sia da drammatizzare, deve solamente curare l'infezione ed evitare le recidive nel modo che le ho descritto
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#21] dopo  
Utente 128XXX

Gentile dottore,
mi perdoni se La disturbo ancora e per di più a distanza di oltre due mesi, ma sono veramente disperata. Ormai è da ottobre (e domani è aprile!)che convivo con quest'incubo della candida e mi sembra di essere destinata a conviverci per sempre, mi sembra davvero che la mia paura che potesse diventare cronica stia diventando realtà. Dopo la cura che ho fatto a dicembre, e che non è stata risolutiva, tutto quel che ho è ogni tanto un po' di prurito del tutto sopportabile e quasi tutti i giorni qualche perdita bianca molto scarsa. Inutile dire che i rapporti sono, come sempre e da sempre, dolorosissimi. Mi lavo tutte le sere con Micoschiuma perché vedo che mi aiuta molto, se per qualche motivo salto per due sere consecutive va subito peggio, il prurito e le perdite aumentano. Solo che temo la candida stia peggiorando ed inizio a temere sempre di più le drammatiche conseguenze che le ho scritto nei post precedenti(allergie alimentari, alopecia, malnutrizione, dermatiti,ecc.): da una settimana sono diventata molto stitica (sono andata di corpo 2 volte in 7 giorni), ho dolori forti a tutta la pancia e in prticolare al fianco sinistro e temo possa essere una conseguenza della candida e ciò mi spaventa tantissimo. Sottolineo che gli ultimi mesi sono stati di gran lunga il periodo più brutto e stressante della mia vita e soffro di crisi d'ansia. E' da dicembre che nonostante la mia situazione non vado dalla ginecologa e non solo per motivi economici, ma ancor più per la paura che ho di sentirmi dire cose che potrebbero spaventarmi a morte e portarmi ad uno stato d'ansia incontrollabile. Lei che cosa consiglierebbe di fare ad una paziente in questa situazione da 6 mesi? Io mi sento disperata, ho un'ansia terribile di sviluppare malattia collegate alla candida ed ho talmente tanta paura di questa malattia da non riuscire ad andare dal medico. Che cosa può succedermi in questa situazione? Ho molta paura per la mia salute. Grazie mille di cuore.

[#22] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Con la Candida non puo' succedere nulla di grave. Dovrebbe accertarsi tramite paptest che si tratti di Candida e fare l'opportuna terapia ciclica oltre ai consigli che trova sul mio articolo su Candida, riguardo a terapie, cibi, trattamento del partner...Lo stress contribuisce ad indebolire le sue difese
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#23] dopo  
Utente 128XXX

Salve dottore,
Le scrivo perché sono terribilmente ansiosa e chiederLe se secondo lei posso davvero avere la candida, perché a questo punto mi sta venendo il dubbio di avere qualcos'altro o di non avercela affatto, spero non si tratti di una vana speranza. Le descrivo i miei sintomi:
1)lievissimo prurito/bruciore quasi tutti i giorni, del tutto sopportabile e che passa semplicemente lavandomi anche solo con acqua
2)perdite di colore bianco più o meno intenso (a volte è bianco bianco, altre più trasparente)ma sempre molto scarse, per vederle devo guardarmi con lo specchio, altrimenti non mi accorgerei di nulla
3)dolore ai rapporti
Secondo lei è candida? Che cosa potrebbe essere altrimenti?Leggendo il suo articolo"vulvovaginiti da candida", consultando internet e amiche mi sembra che la candida generalmente dia sintomi molto più evidenti(prurito fortissimo che induce a grattarsi e sempre presente, perdite bianche abbondanti...). Inoltre oggi ho ritirato il risultato delle analisi che faccio ogni 6 mesi per il LES(esame ematocitrometico, piastrine, formula leucocitaria, ves, creatinina, ast, alt, gamma gt, proteina c reattiva, proteine totali, elettroforesi sieroproteine, complemento c3, complemento c4, beta2 microglobulina, alfa1-fetoproteina, ana, anticorpi anti dna, esame urine) e sono perfette, neanche mezzo asterisco. Lei che cosa ne pensa?Grazie mille, sono ansiosissima.

[#24] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
I suoi disturbi molto lievi, con perdite talora trasparenti e non dense, non sono specifici di infezione da Candida, ma per togliere qualsiasi dubbio e ansia basterebbe eseguire un paptest o un tampone vaginale. Il fatto che le analisi siano nella norma e' sicuramente un fatto positivo
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#25] dopo  
Utente 128XXX

Gentile dottore,
Le scrivo perché sono veramente molto preoccupata. Ormai è da ottobre, dopo aver avuto un episodio di candida, che non sono più tornata normale, o almeno così mi sembra:ho perennemente perdite biancastre-bianche poco abbondanti e prive di odore, lieve prurito che passa lavandomi, dolori forti ai rapporti (come sempre del resto,anche quando i tamponi erano totalmente negativi prima del famoso episodio di candida di ottobre).
Per questo volevo chiederLe:
1)è possibile che sia sempre la candida?
2)che conseguenze può comportare l'avere la candida per così tanto tempo?
3)è possibile che una forte caduta di capelli sia causata dalla candida?
Come se ciò non bastasse, negli ultimi giorni le perdite sono aumentate come quantità, ho più prurito, bruciore, dolore al tatto e forti dolori alla pancia e alla schiena. Che cosa può essere? E'possibile che sia la candida o qualcos'altro? Che cosa mi consiglia di fare?
Un ultimo parere: ho notato che il dolore ai rapporti è fortissimo al momento della penetrazione, poi tende a diminuire e a tratti a sparire per poi magari tornare. Ci sono però dei punti interni ed esterni in cui ho sempre male e mi fa male alungo anche dopo il rapporto. Lei che cosa crede possa essere?
Grazie mille, sono davvero disperata, vorrei poter eliminare il sesso dalla mia vita perché per me è ed è sempre stato sinonimo di problemi. Grazie.

[#26] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
1- si, vi possono essere delle recidive
2- le recidive non rappresentano un pericolo ma sono molto fastidiose e difficili da debellare
3- puo' trattarsi di fattori ormonali o stress e riduzione delle difese immunitarie (responsabili anche di recidiva della Candida)
Dovrebbe eseguire un paptest con dei tamponi vaginali con antimicogramma
Riguardo ai dolori durante il rapporto sono dovuti alla probabile infezione.
Il consiglio e' quello di eseguire paptest e tamponi (come da replica 24)
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#27] dopo  
Utente 128XXX

Grazie mille di cuore dottore per la Sua risposta come sempre rapidissima.
Avrei ancora alcune domande da farLe:
1) Quindi se ho ben capito la candida non è pericolosa ma solo molto fastidiosa?Io ho molta paura che possa portarmi ad avere altri problemi;
2)Come faccio a sapere se ce l'ha anche il mio ragazzo?Abbiamo sempre rapporti protetti, ma non vorrei averlo contagiato...esistono test, esami da fare? In ogni caso lui per ora non ha alcun sintomo.
3)E'vero che il trattamento con antimicotici può ridurre l'effetto della pillola?
4)I dolori alla pancia e alla schiena possono essere causati dalla candida?
5)E' possibile che io abbia contratto l'infezione usando bagni pubblici (per motivi di lavoro ho dovuto usarli per 3-4 giorni di seguito) e lavandomi solo la sera dopo aver indossato tutto il giorno pantaloni stretti? O che mi sia venuta dopo una cura di aerosol con cortisonici?
Sono infatti queste le uniche cose diverse dal solito che ho fatto prima del primo episodio ad ottobre. Da allora non mi è mai andata via del tutto secondo me, perché qualche perdita bianca e un lieve prurito li ho quasi sempre avuti. Negli ultimi giorni però sono molto peggiorata, per questo volevo chiederLe:
6)è possibile che l'avere rapporti faccia peggiorare la candida?
7)è possibile che andare all mare e in piscina faccia peggiorare?
Le faccio queste domande perché sono le uniche cose un po' particolari che ho fatto negli scorsi giorni.
Grazie mille di cuore, il Suo parere è molto importante per me.

[#28] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
1- e' fastidiosa non pericolosa
2- e' opportuno curare anche il partner anche se non ha sintomi
3- alcuni antimicotici, da verificare con il foglio illustrativo
4- non credo, ma bisogna valutare clinicamente
5- e' possibile
6- no, se viene curato il partner ed entrambi non avete piu' l'infezione
7- si, specie la piscina
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"