Gravidanza ed ovaie microfollicolari

buonasera, scrivo perchè sono molto demoralizzata,il 13/06/07 sono andata a fare una visita ginecologica, perchè io e mio marito stiamo cercando un bambino da tre mesi e non arriva...so perfettamente che è presto per preoccuparsi ma il ginecologo dall'ecografia mi ha riscontrato le ovaie microfollicolari, utero in sede regolare, endomatrio di 7-8 mm, assenza di follicoli in ovulazione e assenza di falde liquide.Premetto...ho preso la pillola per 5 anni la triminulet e per 3 anni la yasmine.ora sono due anni che l'ho interrotta in previsione di cercare un bimbo.le mestruazioni non mi sn mai state regolari a parte gli anni che adoperavo la pillola...e a parte l'ultima che si è verificata a 29 giorni.Quello che mi lascia un po perplessa è che il ginecologo durante la visita mi aveva detto che sicuramente le mestruazioni non mi sarebbero venute questo mese....e che per regolarizzare il tutto...dovevo eliminare completamente gli zuccheri e i carboidrati dalla mia dieta quotidiana perchè il ciclo degli zuccheri si va ad intersificare con il ciclo dell'ovulazione.Tenendo conto che pochi giorni prima della visita sn andata a fare gli esami del sangue ed i valori sono a regola d'arte.La mia domanda ora è...con le ovaie microfollicolari realmente si hanno problemi nel rimanere incinta?il fatto che ho preso per cosi tanto tempo la pillola può aver influito sulla mia fecondità?la misura del mio endometrio è nella norma? ed infine può essere che il ciclo degli zuccheri vada ad influire sul ciclo dell'ovulazione?....Grazie infinite per le risposte anticipatamente!
[#1]
Dr. Ivanoe Santoro Ginecologo 8,5k 280 7
Le riporto stralci del mio commento ad un consulto molto simile al suo in terminid i problematiche esposte.

"Gentile amica
il suo mi sembra un caso "emblematico" per molti versi.

La sua storia clinica è caratteristica per l'ovaio policistico, situazione INCURABILE sotto il profilo anatomico e funzionale, se s'intende per CURA l'insieme di rimedi farmacologici o meno capaci di eradicare la causa di una patologia e di riportare lo stato anatomico dell'organo o degli organi colpiti alla completa normalità, con ripristino completo della loro funzione normale.

L'ovaio che diviene policistico, resta tale a vita e se si associa ad anomalie funzionali, queste non possono assolutamente essere (come del resto le anomalie anatomiche associate) riportate alla normalità.

Ecco perchè tanto si batte (o si dovrebbe farlo) sull'opportunità di effettuare un'ecografia pelvica in TUTTE le adolescenti entro i primi tre - cinque anni dal menarca, per evidenziare non tanto la presenza dell'oavio multifollicolare (NORMALE per quell'età), ma per effettuare misurazioni ecobiometriche delle gonadi e per avere informazioni sull'ecogenicità dell'ilo ovarico, rapportando i risultati ottenuti all'eventuale presenza di obesità (ASSOLUTAMENTE da evitare) e di anomalie dell'equilibrio glicidico, anche latenti.
Ciò permetterebbe di individuare soggetti "a rischio policistico" da trattare secondo protocolli diversi a Scuola a Scuola, associati TUTTI, indistintamente, a programmi dietologici per il calo ponderale controllato.

La pillola anticoncezionale, quindi, come capirà, non è che un "sintomatico": un farmaco, cioè, che si oppone alla sintomatologia (costituita da tutti o da singoli sintomi che ora Le elencherò) legata a questo stato patologico (acne, crescita più veloce e fitta dei peli, anomalie mestruali, seborrea, alopecia, tendenza a mettere peso), senza minimamente influire su di esso in senso CURATIVO, intendendo per cura ciò che Le ho prima esposto.

In altre parole: avendo l'ovaio policistico, la pillola ottiene solo ed esclusivamente un effetto "cosmetico" e null'altro, intendendo per effetto cosmetico:
a) la regolarizzazione del flusso
b) la riduzione di acne seborrea, crescita più veloce e fitta di peli scuri ed ispidi (ipertricosi) in sedi normali per il sesso femminile o addirittura in sedi tipiche per il sesso maschile (irsutismo).
Null'altro.
_____________________________________________________________________

In considerazione, però, della sua giovane età e del fatto che la diagnosi dell'ovaio policistico è spessissimo abusata, Le consiglierei:
a) di effettuare un'ecografia pelvica da un Collega che sia accreditato di eccellenza dalla Società Italiana di Ecografia in Ostetricia e Ginecologia..... (omiss.)
b) di eseguire un monitoraggio ecografico transvaginale (se possibile) della crescita follicolare spontanea per un periodo non minore di 4 - 6 cicli consecutivi, per ottenere risposte certe in termini ovulazione spontanea (presente in oltre l'85% delle pazienti con ovaio micropolicistico).... (omiss.)
d) eseguire un monitoraggio ormonale (dosaggio dinamico) del ciclo, con prelievi seriati, secondo le indicazioni dello Specialista curante...(omiss.)
Se dovesse essere in sovrappeso o francamente in stato di obesità, farà bene, anzi benissimo, a riportare il suo peso nella normalità più assoluta...(omiss.)"

Aggiungo: lo spessore l'endometrio è normale.

Mi comunichi quant'altro sarà in suo possesso, per poterle consigliare i passi successivi.
Cordialmente.

Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
già Direttore f.f. UO OST/GIN Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2]
dopo
Utente
Utente
buongiorno,grazie per aver risposto ma francamente non riesco a capire se le ovaie microfollicolari sono identiche alle policistiche.
E poi mi chiedo....non è stata la prima eco fatta quella del 13/06/07 ma ne avevo fatte altre, possibile che non se ne siano mai accorti?....e poi non riporto problemi di acne,di peli eccessivi etc...
[#3]
Dr. Ivanoe Santoro Ginecologo 8,5k 280 7
Le ovaia microfollicolari (o multifollicolari) sono un reperto ecografico che ha un periodo ben preciso di collocazione: l'epoca adolescenziale. Dopo tale periodo non si può più parlare di ovaia microfollicolari (o multifollicolari) ma di ovaia micropolicistiche.
Di questa forma patologica esistono molte varianti sia anatomiche (Givens, per es. ne annoverò 4 tipi) sia cliniche, con diversi spettri di manifestazioni sintomatologiche.
Non si meravigli dell'assenza di una diagnosi ecografica precisa; il riconoscimento ecografico di questa patologia è, spesso, "avvolto nella nebbia" per quanto attiene ai criteri che il singolo Specialista utilizza.
Vi sono, però, elementi ben precisi e codificati dalle Società Scientifiche di settore per la diagnosi di questo stato morboso.
Se questi criteri sono soddisfatti, si può parlare di ovaio micropolicistico; altrimenti no.
Resto della mia idea, una volta eseguita un'ecografia presso un Collega accreditato dalla Società Italiana di Ecografia in Ostetricia e Ginecologia, di eseguire un monitoraggio ecografico dell'evento ovulatorio; questo potrebbe venirLe in aiuto nella ricerca della gravidanza che sta cercando.
Cordialmente.
[#4]
dopo
Utente
Utente
grazie per la risposta....ho le idee una attimo più chiare ora...

Gravidanza: test, esami, calcolo delle settimane, disturbi, rischi, alimentazione, cambiamenti del corpo. Tutto quello che bisogna sapere sui mesi di gestazione.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test