Utente
Dentile Dottore,
ho 37 anni, fumatrice, nessuna gravidanza. Da qualche mese le mie mestruazione si sono fatte scarse, con fuoriuscita di grumi di sangue e dolorose. Da un'ecografia pelvica è emersa la presenza, nel mio ovaio dx, di una cisti di cm. 2.3x2.2.
Al 23 giorno dalle mestruaz. i valori delle analisi erano i seguenti:
CEA 11.17 ng/ml
CA 125 12.41 U/ml
CA 19.9 2.10 u/ML
Prolattina 32.26 ng/ml
Progesterone 7.28 ng/ml
17 betaestradiolo 104 pg/ml
LH 3.04 mUl/ml
FSH 1.95 mUl/ml
Dopo 2 cicli di Ananase 100 e un ciclo di Dostinex,per la prolattina, in 2 mesi, la cisti risulta ancora presente.
La ginecologa mi ha prescritto un anticoncez., Yasminelle, da assumere x 3 mesi.
Mi interrogo sulla natura della cisti..sarà endometriosica?
Vi chiedo se le cisti ovariche di altra natura possano causare dolori e se ho possibilità di sapere la vera natura di questa cisti.
Una TAC potrebbe essere utile? O cos'altro.
E' possibile dalla conformazione della cisti e dal suo aspetto determinare, sulla base della ecog., la natura?
Soffro di colon irritabile.Mi chiedo inoltre se l'assunzione della pillola anticoncezionale potrà determinarmi dei problemi (ingrassero'?)
Vi prego aiutatemi. Desidererei un figlio.
O forse è troppo tardi.
Vi ringrazio per la attenzione.
Cordiali saluti









[#1]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Una formazione a contenuto liquido (transonica all'ecografia) in sede annessiale NON è per forza una cisti ovarica.
I criteri per determinarne la PROBABILE origine sono numerosi:
a) volume (una vera cisti non ha le dimensioni da Lei riferite, che sono quelle più frequentemente di un follicolo ovarico, ma si parte almeno da 25 mm di diametro medio con somma dei due diametri ortogonali divisa per 2)
b) appartenenza al parenchima ovarico che si trova, in genere, almeno ad un lato della formazione (potrebbe infatti trattarsi di una cisti paraovarica, se, ad esempio il parenchima ovarico si trova in sede vicina ma non "connesso" alla formazione cistica)
c) la presenza o meno di sepimenti interni (di cui è bene annotare numero, diametro massimo e vascolarizzazione sia al Color-Doppler sia al Power Doppler per la valutazione dei flussi lenti)
d) la presenza o meno di "spots" iperecoici (bianchi) al suo interno, sia aderenti alle pareti periferiche sia aderenti ai setti se presenti
e) la contemporanea presenza di fasi a contrasto differente all'interno della massa (aree ipoecoiche o iperecoiche associate o intervallate ad aree anecoiche) o di formazioni "a reticolo" o a ragnatela all'interno della formazione medesima
f) la vascolarizzazione periferica (Color e Power Doppler)
g) la comprimibilità con sonda vaginale


Se l'ecografia da Lei eseguita risponde a queste caratteristiche sarà stata una ecografia correttamente eseguita dalla quale apprendere le necessarie informazioni per intraprendere una terapia adeguata al caso.
Altrimenti dovrebbe ripeterla.

Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dott.Santoro,

La ringrazio per la sua risposta.
Cambierò medico penso.
Dalla Sua risposta chiaramente emerge la superficiliatà del mio medico.
Ringrazio ancora

Cordiali saluti



[#3] dopo  
Utente
Gentile Dottor Xxxxx,
La ringrazio per le Sue risposte. Il pensiero, forse affrettato, di cambiare medico deriva probabilmente dalla mia ansia, dal timore che quella cisti sia di natura endometriosica.
Ritornerò dal mio ginecologo ma secondo Lei non sarebbe opportuno fare qualche altro esame?
Intanto comincerò all'inizio delle mestruazioni ad assumere Yasminelle esattamente come prescrive il mio ginecologo.
Approfitto della Sua gentilezza e ringrazio ancora per l'interesse al mio quesito.
Grazie ancora.
Cordiali saluti.