Utente 176XXX
Buongiorno sono una signora di 35 anni. E' da luglio che soffro di bruciore nelle zone intime con perdite leggere gialle,il tampone vaginale eseguito evidenzia la presenza del batterio escherichia coli. Ho fatto una cura antibiotica per 12 gg con ciprixin,lavande vaginai e compresse di Normogin ma niente.Ho eseguito il secondo tampone che evidenziava ancora la preseza del batterio che nel frattempo è diventato sensibile a ciproxin.Faccio la seconda cura per 6 gg con fosfomicina ma ancora niente....ultimo tentativo 6gg di punture di amixacina teva,oggi ho fatto l'ultima ma il bruciore e le perdite continuano.Ora aspetterò 7 gg,rifarò il tampone e con il risultato andrò da un ginecologo. Cosa stà succedendo? Perchè non si riesce a distruggere il batterio? Sono stanca e mi brucia veramente tanto. Ma più dell'antibiotico cosa si può fare? Sono molto preoccupata e la visita specialistica è ancora lontana....vorrei gentilmente un vostro parere! Ringrazio gentimente in anticipo Ma per caso posso fare la visita senza i risultati del nuovo tampone?

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Lei non riuscirà ad eliminare questo batterio (E.COLI) perché fa parte della flora vaginale saprofitica ,in quanto la vagina comunica con l'ambiente esterno.
Solo quando si ha una carica massiva determinata dal numero di colonie allora si potrà prendere in considerazione una terapia antibiotica locale (vaginale) e non sistemica.
Tutta la sintomatologia potrebbe dipendere da alterazioni del pH e dai danni procurati dagli antibiotici.
Utile un esame a fresco del secreto vaginale
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 176XXX

Ah....sono molto sorpresa....tutto questo vuol dire che ho fatto antibiotici per via orale per niente? L'esame a fresco del secreto vaginale è il tampone vaginale?

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sono due cose diverse : l'esame batteriologico a fresco si esegue in "real time" prelevando secrezioni ,con lo speculum,come per un PAP test e immergendole in una goccia di soluzione fisiologica ,viene letto al microscopio ,si tratta di un esame ambulatoriale.
Nello stesso tempo provvedo a valutare con una striscia adatta il pH vaginale.
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 176XXX

Allora.....sono disperata non sò più che fare! Ho fatto la visita ginecologica dove mi hanno detto che non c'è in atto nessuna infezione perchè i tessuti sono soffici , rosei e non lacerati e questo secondo lo specialista è sufficente per dire che l'escherichia coli non è più presente...questo è il risultato della visita con ecografia. Mi prescrive ovuli(softigyn) e crema(meclon) dicendomi che probabilmente bisogna ricostruire la flora batterica vaginale.Ho fatto la cura ed un pochino il bruciore è passato ma senza scomparire dal tutto.Dopo 5 gg ho la visita presso pma per iniziare una procedura di fecondazione assistita,riporto il tutto al ginecologo il quale dopo avermi visitato si dice d'accordo con la cura datami dal suo collega verificando con la visita e l'eco che non c'è nessuna infezione. Cique gg fa faccio una cura sio io che mio marito con zitromax in relazione alle cura pma...il bruciore si allevia i primi gg e poi torna tutto come prima. Sempre per la cura pma faccio sonoisterografia e anche questo ginecologo mi dice le stesse cose...non vede nessuna infezione in atto. Ora le descrivo i sintomi che mi ritrovo:bruciore all'imboccatura della vagina e a tutto l'esterno,non brucia ad urinare e le pareti all'occhio appaiono appena appena arrossate.... Non sò più che pensare e achi rivolgermi,quando dico che mi brucia sembra che non ci credano.Pensavo che mi avrebbero prescritto l'esame del secreto vaginale cosi come mi aveva detto lei ma nessuno ci ha pensato e non mi hanno nemmeno consigliato un altro tampone.Mi aiuti...ora che faccio? Io volevo rimandare la cura pma ma loro mi hanno risposto che non ce ne è motivo. Cos'ho? Ringrazio in anticipo per l'ascolto Saluti

[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Provi a contattare un Collega dell'Ospedale più vicino.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente 176XXX

Sono stata visitata in totale da 4 ginecologi diversi e tutti mi dicono la stessa cosa:l'ambiente vaginale all'eco e alla palpazione appare sano e quindi non ritengono il batterio responsabile del mio bruciore e l'ultima cura è a base di ovuli(anticand) e crema esterna (pevaril). Con questa cura stò appena appena meglio e la zona esterna appare più rosea almeno per il momento ma manca 1gg e l'ho finita ed il bruciore se pur più sopportabile continua. Oggi sono andata a ritirare l'ennesimo tampone che evidenzia ancora la presenza del batterio. Ora la mia domanda è:il bruciore che ho all'estero della vagina ed alla sua imboccatura può essere causato dal batterio o no? Sto eseguendo una cura pma e fra poco farò il pik-up (ecco perchè mi hanno visitato in tanti ginecologi)...l'escherichia coli in vagina puo compromettere l'instaurarsi di una gravidanza? Chiedo a lei in attesa della prossima visita ginecologica che avrò martedi,i ginecologi erano convinti che il batterio non ci fosse piu... mi dica qualcosa comincio ad essere stanca di questa cosa e molto preoccupata. Grazie

[#7] dopo  
Utente 176XXX

Intanto che ci sono le chiedo gentilmente se possibile di fornirmi il nome di un medico specializzato nella problematica descritta sopra perchè tutti i medici che ho visto fino ad ora mi sembra che sottovalutino il mio problema che mi procura enorme disagio,le faccio presente che abito nella provincia di BS in Lombardia. Cordiali saluti e grazie

[#8] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Provi a contattare il dr LIVERANI di MILANO
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#9] dopo  
Utente 176XXX

Buongiorno,scrivo oramai a distanza di un bel po' di tempo,dopo visite ginecologiche e dermatologiche con la prescrizione di cure di ogni tipo.... con la stessa risposta da ogni medico "Signora lei non ha niente,non si vede nemmeno un po' di arrossamento" e con la mia replica "...ma mi scusi ma a mè brucia veramente tanto e sono condizionata nella vita normale perché non posso fare sport,non posso indossare jeans o slip perché la mutandina mi fa sentire ancora di più il bruciore...ecc.." siamo arrivati finalmente ad una diagnosi che è arrivata si ma con molto ritardo e questo ha fatto si che questa malattia si è cronocizzata:vulvodinia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ora purtroppo mi hanno dato un primo tentativo di cura ma devo aspettare a farla perché mi stò sottoponendo a una procedura di procreazione assistita....se avessi avuto modo di diagnosticarla prima avrei aspettato matutti mi hanno detto che non avevo nulla!!!!!!!!! Ci tenevo solo ad informarvi visto che è una patologia che come ho potuto sperimentare sulla mia pelle non tutti conoscono...

[#10] dopo  
Utente 176XXX

Per ora posso solo applicare in loco una pomata al 2% di amitriptilina che dovrebbe avere lo scopo di cominciare a rilassare i muscoli vaginali visto che sono in continua tensione e oramai ricchi di acido lattico....poi in base al risultato del pma si vedrà il da farsi. Ci tengo a farvelo sapere perché mi sembra assurdo che in visite reali(....e quindi non mi riferisco a questi consulti via internet) nessuno sia stato in grado di curarmi,tutti mi hanno guardato come se fossi una malata immaginaria e per mè è stato un vero calvario. Lo scrivo cosi che anche in questo spazio si possa diffondere la conoscenza di questa patologia e visto che più volte sono stata contattata(tramite questo spazio) da donne che avevano più o meno una storia simile alla mia possano trovare una possibile soluzione facendo una visita da uno specialista esperto in questa patologia. Vi ringrazio per tutte le risposte che mi avete mandato in precedenza,non è assolutamente una critica rivolta a voi perché è logico che per via telemetica sia veramente difficile poter fare una diagnosi,non si hanno sicuramente tutti gli elementi ma sono nera con tutti quei medici che mi hanno visitato quasi per obbligo senza credere alle mie parole ed ora che la malattia è cronica sarà più difficile combatterla senza tener presente che ho passato un anno terribile perché il bruciore intenso in quelle zone debilita!!!!!!!!!!!! Scusatemi lo sfogo. Spero in questo modo di poter essere stata utile a qualcuno. Saluti

[#11] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sono contento per lei che sia giunta una diagnosi.
LA VISITA E' INSOSTITUIBILE son d'accordo.
La pomata all'amitriptillina(?) o al cortisone!
Mi faccia sapere e in bocca al lupo!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#12] dopo  
Utente 176XXX

La terapia assegnatami consiste in:
-pomata al 2% di amitriptilina (si tratta di una pomata fatta appositamente in farmacia,fatta cioè su misura)
-liricia 25 mg (1 compressa la sera)
-elazor 200 mg ((1 compressa una volta a settimana)
....per ora applico solo la pomata in attesa del risultato della procedura pma.
Per la pomata mi ha detto che il principio(l'amitriptilina) è un antidepressivo che applicato in loco (...e quindi non preso in gocce o pastiglie) dovrebbe aiutare a rilassare i nervi o la muscolatura della pelle alleviando il dolore che arriva da questa patologia....più o meno questo è quello che ho capito dopo voi siete medici e sicuramente capite meglio l'utilizzo di tale pomata. Per quanto riguarda le compresse di liricia è solo un accorgimento in più per essere sicuri nel caso di una candida recidivante di sconfiggerla definitivamente.... Ora cerco di stare rilassata per la procedura pma e poi vedremo il da farsi.Saluti