Utente 312XXX
Sono una ragazza di appena 19 anni che ha rapporti sessuali con il proprio fidanzato da un anno (anche se non frequentemente perché la nostra è una storia a distanza). Come metodo contraccettivo utilizziamo il preservativo in quanto di assumere ormoni, e quindi prendere la pillola, lo trovo eccessivo visto che i rapporti che ho sono più occasionali che altro. Ora, io e il mio ragazzo stiamo sempre MORBOSAMENTE attenti: lui non se ne viene mai, nonostante il condom, dentro di me e alla fine controlliamo che il lattice non si sia rotto (e infatti non è mai successo). Utilizziamo dei preservativi della Durex addirittura che sono in pratica impossibili da rompere perché sono più spessi di quelli normali. Insomma, ci mettiamo tutta l'attenzione di questo mondo, ma nonostante questo incombe in me la fobia atroce di restare incinta. Quando l'anno scorso ho avuto il mio primo rapporto sono entrata in crisi con attacchi di panico spaventosi. L'ansia mi distruggeva tant'è vero che sono arrivata anche a somatizzare tutto quello che provavo a livello mentale creandomi anche i sintomi da sola. Ho fatto anche una visita ginecologica ma niente, neanche questa mi ha tranquillizzata. Non c'è stato verso e non c'è verso. Anche adesso che sto scrivendo sono logorata dalla tremenda paura di essere incinta nonostante la precauzione massima infatti provo i sintomi più assurdi: dai dolori alle ovaie e al basso ventre, sensazione frequente di diuresi ed ho l'impressione anche di avere più fame. Sto impazzendo! Sto perdendo il controllo e non capisco a cosa sia dovuta tutta questa fobia. Molti miei amici mi hanno consigliato di parlare con uno psicologo per quanto mi riduco male, infatti per questo sto chiedendo questo consulto. Cosa posso fare per riuscire a vivere meglio la mia sessualità? Ringrazio in anticipo chi mi risponderà.

[#1] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Ritengo che sarebbe opportuno ricorrere ad una contraccezione ormonale, anche se i rapporti sono sporadici, inoltre sarebbe utile un supporto psicologico, ne parli con il suo medico
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#2] dopo  
Utente 312XXX

Carissimo dottore, grazie per l'attenzione e la sua celere risposta!
Riguardo il contraccettivo ormonale, ho già parlato con il mio medico ma appunto me lo sconsiglia non avendo rapporti frequenti ma più che altro occasionali. Sono convinta anche io che prendere la pillola (perché immagino è di questa che stiamo parlando) risolverei il problema ma sono anche d'accordo con quanto afferma il mio medico. Quest'ultimo inoltre afferma, come ha anche detto lei, che il mio è soltanto un problema psicologico ed è li che si deve lavorare. Vedrò di recarmi a breve in un consultorio dunque e chiedere una consulenza psicologica!
In ogni caso, perdoni la domanda, posso stare tranquilla? Ho avuto rapporti la settimana scorsa e questo lunedì due di seguito, tutti protetti e con eiaculazione esterna. Abbiamo controllato i condom alla fine e sono risultati SEMPRE integri. Non corro assolutamente rischi dati questi accorgimenti? Aspetto le mestruazioni per il 22 circa.

[#3] dopo  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Ritengo che possa stare tranquilla
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#4] dopo  
Utente 312XXX

Carissimo dottore,
non potendo inoltrare un nuovo consulto in quanto ve ne sono tanti in attesa di risposta, le riscrivo qui.
Le scrivo per avere opinioni in merito a quello che mi sta capitando in questi giorni, sperando che magari un'ulteriore parere di un medico mi possa aiutare a tranquillizzarmi: prendo la pillola contraccettiva Zoely da maggio. Mi sono sempre trovata bene! Il "ciclo" è sempre arrivato, non ho avuto problemi di alcun tipo fino ad ora. Questo mese, invece, è accaduta una cosa molto strana: la mestruazione è arrivata venerdì, così come doveva essere, ma ancora oggi non si è fermata. Ora, non mi riferisco a spotting, ma a sangue rosso vivo! Inoltre, non le definirei nemmeno "piccole perdite". Non è un flusso esagerato, questo no (chiedo venia per la franchezza, ma non mi si riempie più di tanto l''assorbente), ma non è nemmeno scarso. Ho chiamato il ginecologo del consultorio (gestisco tutto lì, in quanto i miei genitori non sono a conoscenza della pillola) ieri mattina per spiegargli la situazione, il quale mi ha detto che potrebbe essere dovuto ad un mio "errore" di assunzione. Le spiego: le ultime 4 pillole, quelle placebo, non le prendo sempre tutte. Non appena mi accorgo del ciclo, inizio subito con il nuovo blister saltandone una/due in base a quando compare. Diciamo che ho fatto un po'' di testa mia, credendo che non creasse problemi, ma mi rendo conto di aver sbagliato. Ho sentito anche il mio medico: mi ha detto di prendere il Tranex se dovessi averne bisogno. Ieri l''ho preso a ora di pranzo e dopo cena, ma non è stato di grande aiuto. In più, lui mi ha specificato che, se non si tratta di flusso copioso, non ho bisogno di prenderlo. Copioso non direi proprio che sia, ma non è nemmeno normale che al 6 giorno, considerando che prendo la pillola, sia così (specifico che in questo momento mi trovo alla settima pillola attiva di Zoely). Stamattina, notando che il flusso è ancora presente (anche se non in maniera particolarmente intensa), verso le 11.00 ho preso un''altra fiala.
Questo è più o meno il quadro generale. Inutile che le dica quanto il tutto mi faccia stare decisamente poco tranquilla. A suo dire, da cosa potrebbe dipendere questo sanguinamento? Può capitare, o c''è effettivamente qualcosa che non va? Inoltre, prendere il Tranex per qualche giorno, potrebbe causarmi qualche problematica?
La ringrazio nuovamente e attendo una risposta.