Ghiandola del bartolini

Salve dott.re, vorrei parlarle del mio problema legato alla ghiandola di Bartolini.
È un mese che la situazione va a avanti, la prima volta mi si è presentata subito dopo il ciclo, prima ci fu un'irritazione e poi si formò inizialmente una ciste sul grande labbro sinistro, in alto vicino al clitoride, poi il giorno dopo si gonfiò la ghiandola di Bartolini, non mi dava nessun dolore e nessun fastidio, era grossa come una falange. Il mio medico di base mi prescrisse un detergente intimo antimicrobico, lavande interne della tantum rosa e lavande esterne con amuchina, ed entrambe le cisti sparirono nel giro di due giorni. Dopo circa due settimane, stessi sintomi e di nuovo uscirono le due cisti, con la stessa cura sparirono. Poi passò ancora una settimana e stavolta senza nessuna irritazione si riformò la ciste di Bartolini, ma molto più piccola delle altre volte, di nuovo la stessa cura e passò subito. Due giorni fa, dopo neanche una settimana si è riformata, non potevo fare le lavande perché avevo il ciclo, che tra l'altro era stranamente leggerissimo e si è fermato dopo neanche 2 giorni e mezzo, chiamando la ginecologa mi ha detto
di utilizzare la crema Dermomycin per fare uscire un eventuale pus, la sto mettendo ma la ciste regredisce sempre meno. È li, non da dolore e non mi crea fastidio, a parte che psicologico per il corpo estraneo che mi sento lavandomi e tutti i fastidi inerenti anche per quanto riguarda i rapporti. Adesso io domani andrei all'ospedale per una visita ben approfondita, però vorrei avere anche un suo parere a riguardo e sapere a cosa può essere dovuta. Grazie mille in anticipo.
[#1]
Dr. Silvia Lovergine Ginecologo 1,7k 37
Questa ghiandola è utile alla lubrificazione dell introito vaginale e dal momento che è situata in una zona non sterile può succedere che il dotto escretore si ottusi e i batteri all'interno proliferino generando infezioni spesso anche recidivanti. Le terapie sono locali o sistemiche con antibiotici. Quando ciò non è sufficiente è possibile drenarla ed infine se non è più recuperabile si può optare per l asportazione chirurgica

Dr. Silvia Lovergine

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la tempestiva risposta. Secondo lei il fatto che non sia dolente è positivo? C'è un modo per curarla facendo in modo che non ritorni? Oltre all'asportazione intendo.
[#3]
Dr. Silvia Lovergine Ginecologo 1,7k 37
Significa che non c'è Suppurazione ma solo un po di infiammazione per cui non serve terapia antibiotica. L'unico modo per non farla tornare è asportarla chirurgicamente altrimenti tutto il resto sono cure Sintomatiche e non delle cause che non possono invece essere rimosse. Purtroppo quando si ha il primo episodio solitamente tende a recidivare
[#4]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio. Spero di risolvere qualcosa domani all'ospedale. Le auguro una buona serata.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno, le volevo chiedere ancora un'informazione. Non c'è nessuna possibilità di curarla visto che va e viene? Oggi dopo una lavanda è sparita di nuovo. La ringrazio.
[#6]
Dr. Silvia Lovergine Ginecologo 1,7k 37
Le terapie locali come pomate o lavande possono rappresentare un rimedio utile nei casi di lieve infiammazione

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test