Utente 213XXX
Egregi Dottori,
vi riporto le misurazioni dell'ecografia di accrescimento di mio figlio, eseguita due giorni fa a 28+2.
BPD 7.45 (85.2 percentile)
OFD 9.19
HC 26.13 (22.7)
AC 22.48 (9.3)
FL 5.62 (71.7)
HL 4.99 (70.8)
Cereb 3.29 (42.4)
Il commento della ginecologa è stato che il bimbo fosse stretto di vita, ha detto che va bene, meglio che non siano troppo grassi, ma che dovremo sorvegliare che continui a crescere bene. Alla mia domanda se fosse da sorvegliare a causa di questa misurazione o perché è giusto farlo comunque, mi ha risposto che è giusto farlo comunque e che "Se ci sarà da preoccuparsi, lo faremo a tempo debito e non adesso", ma questa risposta non mi ha convinta, anche perché, una volta tornata a casa, guardando su internet (lo so, è sbagliato), ho visto che un addome ridotto può anche essere indice di un ritardo di crescita. Mi ha dato appuntamento tra un mese, mentre ho letto che altre mamme nella stessa situazione sono state viste dopo meno tempo e, soprattutto, sono stati prescritti loro esami quali doppler delle arterie uterine, ecografie di secondo livello e altri. Io mi fido della mia ginecologa, perché mi ha sempre fatto una buona impressione, ma, essendo io laureata in tutt'altra disciplina, non ho le competenze per dire davvero se sia brava o meno, quindi da un lato mi fido, dall'altro non sono poi così sicura.
Vi allego altri dati per rendere meglio la situazione.
Referto ecografico: Feto singolo in presentazione cefalica, BCF e MAF presenti, crescita fetale nella normal, anatomia fetale ecograficamente indagabile nella norma, placenta anteriore, liquido amniotico regolare, flussi arterie ombelicali nella norma.
Altezza mia: 1,60,
Altezza mio marito: 1,83
Scusate le paranoie di questa mamma ansiosa, ma quel dato al nono percentile mi convince davvero poco.
Grazie e cordiali saluti.

[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Lei ha ragione. Vi è una netta discrepanza fra crescita dell'estremo cefalico e crescita dell'estremo addominale del feto. Il divario propende nettamente per un deficit di crescita asimmetrico.
Il Doppler delle uterine non si esegue a 28 settimane, ma prima frala 19ma e 22ma con eventuale ricontrollo alla 24ma.
Ora è possibile eseguire solo un Doppler ombelicale ed a livello della cerebrale media fetale nel tratto M2.
Il ritardo asimmetrico è imputabile ad un deficit placentare. Tende ad evidenziarsi dopo la 30ma settimana. Nel su caso saremmo di fronte ad un deficit più precoce, per cui è da sorvegliare con esami più ravvicinati, come Lei ha giustamente inteso.

Saluti ed auguri.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente 213XXX

Dottor Santoro, La ringrazio molto, cosa mi consiglierebbe di fare, adesso? Capisce anche Lei come sia difficile andare dalla mia ginecologa a dirle "Guardi, dato che non mi sono fidata del tutto di quello che mi ha detto, ho guardato su internet e cercato altri pareri e forse Lei ha sottovalutato la cosa"...mi consiglia di fare così o di chiedere un parere a un altro professionista?
Grazie ancora per la sua cortese disponibilità.

[#3] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Valuterei la possibilità di una second opinion.

Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli