Utente 194XXX
Buonasera!

Sono una ragazza di 23 anni, ho una relazione stabile da due anni e da un anno prendo yaz per ovaio micropolicistico.

Da quando ho cominciato a prendere la pillola ho avvertito un calo del desiderio e da tre mesi circa i rapporti hanno cominciato ad essere sempre più dolorosi, da due mesi ho dovuto sospenderli del tutto.

Circa un mese fa l'infiammazione è leggermente peggiorata a seguito di una cura antibiotica per sinusite e il mio medico di base mi ha prescritto falvin come cura per la candida ( non accertata da tampone) ed in seguito lavande.
Terminati i due ovuli di falvin ho effettuato due lavaggi con ginetantum che però mi hanno provocato parecchio bruciore e gonfiore, quindi ho chiamato la ginecologa ed effettuato un tampone vaginale, risultato poi perfetto. Da questo momento ho cominciato a sentire bruciore anche senza stimolazione.

Ora da qualche giorno sto applicando gentalyn beta e olio vea su consiglio della mia ginecologa ( che è in ferie e non mi potrà visitare prima di venti giorni) ma continuo a sentire un forte bruciore all'ingresso della vagina soprattutto se cammino molto, la sera, quando faccio pipì e quando tocco la zona per mettere la crema o lavarmi.

Di cosa potrebbe trattarsi? Comincio a sentirmi frustrata, cosa dovrei fare?

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
a). quando durante l'assunzione della pillola si osserva un calo della libido (desiderio sessuale) si deve cambiare tipo di pillola (il progestinico)
b) la secchezza vaginale potrebbe essere causata dalla eccessiva attività progestinica della pillola e quindi una ulteriore conferma che deve cambiare tipo di pillola , senza sospenderla.
c) il fastidio che avverte esternamente sulla vulva potrebbe essere legato ad una VULVITE allergica da contatto acuta , reazione a sostanze che vengono a contatto cute o mucosa con conseguente risposta infiammatoria, quindi inutile l'applicazione di pomate antibiotiche .
Tutto ciò va confermato con una visita
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI