Utente 285XXX
Ho iniziato ad avere un'infiammazione vaginale ad Agosto che ho un po' trascurato e poi curato con un probabile eccesso di ovuli e pasticche fino a quando tornando dal mio ginecologo di fiducia, ho fatto il tampone il 07/10 con i seguenti risultati:

Cellule di sfaldamento, batteri, lieviti. PH 4. Bacilli Gram Positivi. Lattobacilli presenti. Ricerca lieviti (esame colutrale): positivo. Organismo identificato: CANDIDA ALBICANS. Tutto il resto negativo.

In data 17/10 ho eseguito l'esame batteriologico del secreto vaginale con i seguenti risultati: es. colturale negativo - es. colturale Gardnerella negativo - es. colturale miceti negativo - ricerca Trichomonas negativa - lattobacilli: lactobacillus spp (carica batterica+--) - esame microscopico: leuocociti --- cellule epiteliali.

Ho iniziato quindi un ciclo di ovuli e pasticche che mi hanno si curato la candida ma mi hanno provocato un'infiammazione in quanto ho tutt'ora a distanza di oltre due mesi, continuo bruciore sull'interno delle labbra vaginali. Sono quindi ritornata dal ginecologo il quale mi ha curato con MECLON esternamente e con Ovuli vaginali (DAFNE BEN) e fermenti lattici per bocca.

Ho effettuato nuove analisi la settimana scorsa con i seguenti risultati:

1) Tampone rettale per ricerca "Streptococcus Agalactiae da cui risulta es. colturale con esito POSITIVO

2) Esame Batteriologico del secreto vaginale con esito NEGATIVO su "Streptococcus Agalactiae (gruppo B); esito NEGATIVO su "Gardnerella"; esito NEGATIVO su "Miceti"; esito NEGATIVO su " Trichomonas".

3) Esame Microscopico "Lattobacilli presenti ++-" e "Leucociti presenti +--"

In funzione del tampone rettale dovrei quindi assumere degli antibiotici?

Potrebbe trattarsi di VULVODINIA o VULVOVAGINITE?

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La diagnosi di vulvodinia si fa non con i tamponi vaginali, ma con una esame vulvoscopico e uno swab test.
Bisgogna escludere una VULVITE allergica da contatto da reazione a vari tipi di sostanze( coloranti, profumi ,ammorbidenti) di vario tipo.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI