Utente 320XXX
Buongiorno, chiedo gentilmente un consulto per una problematica che si protrae da quasi 2 anni.
2 anni fa ho iniziato ad assumere la pillola anticoncezionale (ginoden) perché mi era stata diagnosticata la sindrome dell'ovaio micropolicistico che provocava irregolarità del ciclo mestruale e cisti sul viso.Ho assunto la pillola per circa un anno e il mio fisico ne ha risentito in quanto ho preso chili e ho iniziato ad accusare una secchezza vaginale così importante da rendere quasi impossibile rapporti sessuali. Interrotta la pillola un anno fa, la situazione è leggermente migliorata.. Speravo che con il tempo potessi ritornare ad avere rapporti sessuali senza dolore in quanto prima dell'assunzione della pillola non mi era mai capitato di avere queste problematiche. Ad oggi ahimè avverto ancora dolore durante i rapporti, non come quando assumevo la pillola di sicuro ma riconosco che non mi sento ancora completamente "me stessa".
Solo pochi giorni fa ne ho parlato con la dottoressa di famiglia, non riuscendo ad entrare nei dettagli e lei mi ha consigliato di usare sulle parti esterne Vea olio.. Credo che non sia la soluzione migliore visto che il mio problema riguarda le parti interne e la difficoltà di lubrificazione durante i rapporti intimi. Aggiungo che attualmente il ciclo è abbastanza regolare e che assumo Sinopol 2 volte al giorno.
Ringrazio anticipatamente per la attenzione riposta alla mia domanda

[#1] dopo  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

le cause che possono stare alla base della secchezza vaginale in una giovane donna oltre alla pillola, che però ormai lei ha sospeso da un anno, sono diverse.

Legga questo mio articolo e veda intanto se, individua tra le varie cause elencate uno o più fattori che potrebbero essere alla base del suo disturbo:

https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/1504-secchezza-vaginale-domande-risposte.html

Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 320XXX

Gent.ma dott.ssa De Falco, La ringrazio per la solerte risposta.
Avevo già letto il Suo articolo e mio malgrado non sono riuscita a trovare una causa compatibile con la mia.. Non faccio lavande vaginali, acquisto in farmacia e utilizzo un sapone detergente dal ph 3,5 indicato per le donne in età fertile oltre che eseguire una corretta igiene intima, senza essere "maniacale". Non so se la causa sia psicologica, so solo che prima di un rapporto sessuale ho timore di avere dolore e inizialmente questo accade anche se sono coinvolta dal mio ragazzo ( con cui sto insieme da anni); tra l'altro a volte sono costretta anche a interrompere il rapporto a causa dell'accessivo fastidio. Potrei fare uso di qualche crema o gel per ripristinare la lubrificazione?

[#3] dopo  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Indubbiamente l'utilizzo di un adeguato lubrificante può agevolare i rapporti, ma è necessario individuare la causa esatta di questo problema.

In questi casi è opportuno consultare un ginecologo per:

1) escludere eventuali processi infiammatori
2) valutare il ph vaginale
3) verificare che non ci sia una situazione di ipoestrogenismo vaginale
4) escludere un eventuale ipertono della muscolatura del pavimento pelvico

Il timore di avvertire dolore, purtroppo, può scatenare una contrazione di difesa dei muscoli che circondano la vagina, e se lei prima di avere un rapporto pensa alla possibilità che si verifichi questo dolore, anche se è coinvolta dal suo ragazzo, magari inconsciamente, non agevola una lubrificazione ottimale durante i rapporti...

Anche i preliminari sono importanti, per riuscire ad avere una buona lubrificazione.


Un caro saluto.

Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.altervista.org