Utente 347XXX
Salve è da alcuni mesi che ho perdite una decina di giorni prima del ciclo mesturale,perdite acquose e maleodoranti.delle volte giallastre e con macchie di sangue.poi mi capita , anche se non sempre,di avere dolori forti al basso ventre dopo un rapporto sessuale.sono stata da una ginecologa,in cui ho fatto pure un paptest in cui mi hanno diagnosticato una candida.dopo aver fatto una cura con delle lavande interne,crema vaginali e delle compresse che non ricordo il nome. (Anche il mio fidanzato ha assunto le pillole)sono stata bene un mese poi si è ripresentato.potrei rifare la stessa terapia che mi è stata data in passato?grazie

[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

44% attività
4% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., non è consigliabile fare trattamenti senza prima una adeguata diagnosi. L'ambiente vaginale è un microsistema abitato, in condizioni di normalità, da una miriade di germi, la cosiddetta flora microbica saprofitica, di cui fa parte anche la Candida. Tale flora, se aggredita e indebolita da farmaci usati a sproposito, diminuisce, favorendo la colonizzazione vaginale da parte dei patogeni. Ecco perché è bene sconsigliare terapie affrettate, soprattutto prescritte a caso, senza il sostegno di una analisi accurata della paziente. Le perdite vaginali in fase premestruale aumentano entro certi limiti in maniera del tutto fisiologica, favorite dal clima ormonale di questa fase del ciclo. Esse sono una specie di meccanismo di lavaggio naturale della vagina, in quanto allontanano detriti cellulari, germi in eccesso, trasudato vaginale e fungono anche da lubrificante per i rapporti. In menopausa, quando vengono fisiologicamente a mancare, è necessario ripristinarle con adeguate terapie, per evitare i fastidiosi disturbi causati dalla secchezza vaginale. Consulti pertanto di nuovo la ginecologa, prima di ripetere una cura che, se non indicata, può rivelarsi inutile e addirittura dannosa. Cordialmente.
Dr. Lucia Vecoli

[#2] dopo  
Utente 347XXX

Grazie dottoressa e diciamo c'è qualche rimedio che potrei usare tipo lavande o detergente intimo per togliere quel fastidioso odore intimo?

[#3] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

44% attività
4% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gent. sig., come dicevo è bene consultare di nuovo la ginecologa. Se non indicate, le lavande possono addirittura peggiorare la situazione, alterando il pH vaginale. L'odore sgradevole non è tipico della Candida, che prolifera a Ph acido, bensì della Gardnerella, germe che si sviluppa a Ph alcalino. L' uso sconsiderato di lavande vaginali è considerato fattore di rischio per la vaginosi batterica, dismicrobismo vaginale causato da vari agenti microbici, tra cui prevale la Gardnerella. Come vede l'argomento è delicato e la diagnosi richiede la visita ginecologica. Distinti saluti.
Dr. Lucia Vecoli