Utente 472XXX
Buongiorno, ho 34 anni anni e da molti anni soffro di dolori articolari diffusi, mal di testa praticamente cronico e da 10 anche di acufeni bilaterali. Ho sempre convissuto con queste cose, nei momenti in cui erano più forti ho fatto esami del sangue sia per valutare la tiroide (i risultati erano sempre nei valori di riferimento), la proteina c reattiva era sempre nei limiti, il fattore reumatoide è presente, ma sempre dentro il limite, gli agenti ANA ed ENA assenti, i marcatori tumorali fatti nel 2012 anche se presenti erano sempre sotto la soglia.
In questo anno passato, i miei dolori articolari, a cui si sono aggiunti stanchezza e debolezza muscolare, sopratutto alle gambe, sono peggiorati, ma non ci davo tanto peso perchè a dicembre 2016 ho subito 2 interventi addominali (cesareo al 6 mese di gravidanza per rottura d'utero post induzione - avendo avuto 2 figli, precedentemente, con cesareo - e dopo una settimana ulteriore intervento per emoraggia addominale) e in seguito a questi interventi ho avuto spesso dolori addominali e alla schiena soffrendo di subocclusioni intestinali ricorrenti - probabilmente a causa delle aderenze.
Invece in questi ultimi due mesi il tutto è peggiorato e le espongo quanto successo: il 24 dicembre sera ho iniziato ad avere mal di schiena, pensavo fosse un banale mal di schiena, poi invece è peggiorato ogni giorno di più, non passava ne con antidolorifici, antinfiammatori, pomate, nemmeno con il bolo fatto in PS, a cui mi sono rivolta per ben 3 volte in 10 giorni, perchè sono perfino rimasta bloccata dal dolore... l'ultimo medico che mi aveva vista, oltre a dirmi di aspettare di fare la risonanza magnetica che avevo prenotato per il 30 gennaio, mi ha detto che probabilmente avevo un'ernia (in ps lìultima volta mi fecero rx, con cui si evidenziò solo "ridotto spazio intersomatico L5-S1 con iniziali appuntimenti osteofitosici somatomarginali.)
Nel giro di 25 giorni, quindi il 20 di gennaio circa di punto in bianco, alzandomi dal divano riuscii a mettermi dritta senza piangere..qualcuno mi ha detto che probabilmente nella posizione in cui ero, ho "aperto" la schiena e se era un ernia può essere che sia rientrata; altri a questa spiegazione storgono il naso.

Comunque, finalmente il 30 gennaio riesco a fare la RM sia all'addome inferiore/pelvi che al tratto lombro sacrale: quest'ultima ha evidenziato la presenza di piccole cisti aracnoidee a livello di S2. Non è specificato nient'altro...
ora, ho il brutto vizio di fare ricerche in internet (anche perchè il mio medico di base non mi è molto d'aiuto) e mi è venuto un dubbio: possono essere queste cisti aracnoidee la causa dei miei annosi dolori articolari, mal di testa, acufeni e debolezza muscolare? dovrei indagare e vedere se ce ne sono da altre parti? O queste cisti non danno questi sintomi e dovrei indagare in altre direzioni? e in caso, sapreste consigliarmi in quale???

Grazie infinite,

Marina

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,

provi a trascrivere tutto il referto della RM. Non è come vedere le immagini, ma almeno si può forse valutare qualcosa che Lei ha ritenuto non importante.

Le cisti a quel livello (S2) solitamente sono asintomatiche e comunque una diagnosi definitiva può essere posta solo attraverso la visita medica.

In attesa, invio cordiali saluti
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente 472XXX

Buongiorno dott.re grazie molte per la risposta.

RM addome inferiore e pelvi con Mdc
Indicazione clinica: episodi recidivanti di dolore addominale e lombare in esiti di plurimi interventi chirurgici ed emorragia intraperitoneale.

Indagine eseguita con seguenze pesate in T1, T2 con saturazione del segnale adiposo, anche dopo somministrazione di Mdc

In relazione al quesito clinico presenza di versamento peritoneale, che nel douglas raggiunge spessore di 3 cm circa.

La cervice uterina appare deformata sul profilo sn in esito di cesareo. A ridosso profilo destro e da esso non dissociabile, si apprezza area di tipo ipointensità di segnale di circa 10mm, con aspetto spiculato, possibile espressione di fibrosi;in tale sede si riconosce piccolo spot di iperintensità di segnale nelle sequenze t1 pesate a saturazione del segnale adiposo, verosimile espressione di millimetrico impianto endometriosico. Non ulteriori aree di impianto.
Non apprezzabile distensione anse intestinali, che limitatamente alla tecnica non dedicata, non sembrano presentare grossolane alterazioni parietali. Presenza di follicoli annessiali bilaterali, non tumefazioni abnormi a tale libello.

RM rachide lombosacrale:
Conservato l'allineamento posteriore dei metameri che non presentano lesioni ossee a focolaio.
Regolare lo spessore e intensità di segnale de dischi vertebrali, a cui carico non si riconoscono formazioni erniarie, nè bulging. Regolare ampiezza del canale midollare, non alterazione dell'intensità di segnale a livello di cono ne caude. Presenza di piccole cisti aracnoidee a livello di S2.

il 10 gennaio, quindi 20 gg prima avevo fatto in PS rx rachide lombosacrale:
rachide LS in asse con conservazione della fisiologica lordosi. Conservato l'allineamento del muro posteriore e l'altezza dei corpi vertebrali del tratto esaminato. Processi trasversi no valutabili per sovrapposto contenuto intestinale.
Ridotto lo spazio intersomatico L5-S1 con iniziali appuntimenti osteofitosici somatomarginali.

Ora, questi esami mi erano stati prescritti prendendo in considerazione gli interventi di dicembre 2016, perchè a causa di quelli soffro di subocclusioni intestinali ricorrenti.

Ma il fatto è che io da anni soffro di questi dolori articolari diffusi. Andare a dormire o stare ferma nella stessa posizione (che sia seduta, sdraiata, in piedi poco importa) mi porta poi ad irrigidirmi e faccio molta fatica a riprendere i movimenti.
Verso inizio dicembre ha iniziato a peggiorare tutto, le mie sudorazioni notturne sono diventate fisse e molto abbondanti, i miei mal di testa più forti e sempre presenti, non passano con antidolorifici, si sono alzati anche gli acufeni (ho un fischio fisso alle orecchie, e ho sentito proprio lo "scatto" di tonalità, e così sono rimasti...) per non parlare dei miei dolori articolari, a cui si sono aggiunti stanchezza e debolezza muscolare, sopratutto alle gambe e alle braccia. A tratti sento rigidità muscolare al lato sx del collo, ma questo negli ultimi giorni, e mi da fastidio deglutire. Inoltre ho sempre i piedi e mani freddi anche se in alcuni momenti, in questi giorni capita che per qualche secondo io senta il tallone quasi "scottare", poi il piede torna freddo. Spesso la vista è disturbata da alcune macchie gialle, ma non so se è la conseguenza del mal di testa...

Dove potrei indagare? Che altri esami fare?

Grazie mille per la disponibilità

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Gentile signorta trasferisco la Sua richiesta in Ginecologia
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#4] dopo  
Utente 472XXX

Grazie mille. Mi interessa effettivamente un altro parere ginecologico, il mio ginecologo mi ha detto comunque che sono "reperti collaterali" in seguito agli interventi avuti, le cose viste dalla RM pelvi.

Il mio dubbio inerente i miei dolori diffusi, stanchezza esagerata e mal di testa cronico e debolezza muscolare (faccio una cosa anche banale e mi pare di aver scalato una montagna), acufeni, estremità fredde ecc.. È sul fatto che possa dipendere o meno da un fattore neurologico e se magari il fatto della presenza di cisti aracnoidee a livello di s2 può far sospettare la presenza di queste cisti anche da altre parti e quindi a portare questo tipo di disturbi.. Lei che ne pensa?

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
In qualunque parte del corpo si dovessero trovare altre cisti, in genere non sono responsabili dei sintomi da Lei riferiti.
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#6] dopo  
Utente 472XXX

Buongiorno,
dopo un pò di tempo torno a scrivere sempre riguardo ai miei dolori e rigidità diffusi, mal di testa, acufeni, formicolii, sudorazioni notturne...
La mia dott.ssa mi ha fatto fare altri esami come antiborrelia, clamidia, streptococco per vedere se magari in passato ho contratto qualche virus poi non curato. Tutti negativi... anche l'anticitrullina è negativa... il calcio va bene, ho solo un pò di insufficienza di vitamina d.
Mi ha consigliato di fare ginnastica posturale, ho l'appuntamento per iniziare questo percorso a fine aprile.
Nel frattempo però, io sto perennemente male.. dolori e rigidità fissi, sopratutto la mattina...stanchezza pesante anche dopo aver fatto minime cose.. mal di testa forte e acufeni che invece di passare (la mia attuale dott.ssa mi ha prescritto Gin ke tze idromele) peggiorano. le sudorazioni di notte continuano...e nononstante le sudorazioni le mie mani e piedi sono sempre freddi...e spesso informicolati..mi stanco subito e non so se a causa degli acufeni ma non riesco a concentarmi in nulla.
L'altra sera nella disperazione visto che gli antidolorifici non mi fanno nulla ho cercato nel mobiletto delle medicine qualcosa e ho trovato del nicetile 500 che la dott.ssa mi aveva dato per il nervo sciatico l'anno scorso durante la sostituzione del mio vecchio medico. Nella mia testa mi son detta che se non era nulla di reumatico e non erano dolori articolari potevo provare a vedere se era qualcos'altro.. in questi due giorni ho assunto 2 volte al giorno nicetile 500 compresse e mi sembra di stare leggermente meglio.. ho sempre la sensazione di essere incriccata,il collo le braccia spalle polsi sempre doloranti...ma..nel complesso almeno riesco a mantenermi in piedi mi sento "meglio".. La cosa è irrilevante o visto che il nicetile mi da sollievo dovrei indagare da qualche altra direzione?

Intanto Buona Pasqua e grazie

Marina