Il fatto di avere sempre rapporti completi potrebbe scatenare in me la cistite

Buongiorno Dottori, oggi scrivo qui perché sono disperata! Da due anni ho una relazione con un nuovo ragazzo con cui ho rapporti molto frequenti. Dopo 6/7 mesi di relazione ho cominciato ad avere cistiti emorragiche con dolori atroci alla vescica che risolvevo (e risolvo tutt’ora) con punture e flebo di toradol, buscopan e orudis dopodiché mi prescrivono infiniti antibiotici come cistalgan, ciproxin e altri ma dopo uno/due mesi il tutto torna. Quello che risulta dai controlli in pronto soccorso è solo presenza di leucociti e sangue, ma in preda alla disperazione lo scorso dicembre ho fatto una visita dall’urologo ma con scarsi risultati poiché sosteneva andasse tutto bene! Anche il mio ginecologo non vede alcun problema dalle visite e non capisco da dove arrivi questo male e come risolverlo! Ormai col mio ragazzo non abbiamo quasi più rapporti per paura di peggiorare le cose...prendo inoltre Cerazette da un anno e non ho alcuni problemi con la pillola perciò non penso derivino da quella! Il fatto di avere sempre rapporti completi potrebbe scatenare in me la cistite? Il mio ragazzo sostiene di non esserne colpevole poiché non avverte alcun dolore nella minizione e non ha mai avuto infezioni da quando stiamo insieme. Cosa posso fare? Sono così giovane che sono stanca di soffrire per questi problemi! Ringrazio in anticipo chi si offrirà di aiutarmi.
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,6k 1,3k 252
Accade spesso che un'infezione vaginale possa coinvolgere l'ultima parte dell'uretra e le ghiandole parauretrali causando una sintomatologia simile a quella della CISTITE.
Una delle più significative condizioni cliniche che dimostrano il legame tra apparato genitale ed urinario nella donna è la CISTITE POST-COITALE.
Si tratta di un'infiammazione vescicale molto dolorosa che compare 24-72 ore dopo un rapporto sessuale e costituisce il 4% delle cistiti nella donna e il 60% delle forme recidivanti.
Viene definita "cistite senza cistite" (per le urinocolture negative) e le cause più frequenti sono la stipsi , la scarsa lubrificazione vulvo-vaginale .
In questi casi si ricorre ad antibiotici rispettosi della flora saprofitica vaginale come i fluorchinolonici.
Salutoni

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta! Purtroppo le mie cistiti persistono e ho fatto un’altra visita dall’urologo: mi ha prescritto una cistografia. Spero di risolvere il mio problema con quella...cosa mi può dire a proposito? Grazie.
[#3]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,6k 1,3k 252
Mi scuso, non ho capito la domanda.

La cistite è un'infiammazione della vescica che si avverte con frequente bisogno di urinare, con bruciore o dolore. Si può curare con farmaci o rimedi naturali.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test