Utente
Buonasera, a maggio faccio una visita ginecologica con pap test esito negativo e anche eco transvaginale tutto ok. A luglio vado da un Altra ginecologa dato che volevo iniziare una cura di ormoni causa amenorrea e dice che dall eco le sembra di vedere dentro ovaio sx un dermoide di 2 cm che però non si vede bene perché intestino globoso. Dopo due giorni mi reco da un terzo ginecologo che mi conferma la presenza del dermoide e dice che contiene capelli, ma che siccome è piccolo di non toglierlo. E fin qui tutto ok. Settimana scorsa vado a fare una eco addominale dato che in passato ho sofferto di calcolo renale e l ecografa dice di sentire un altro parere perché secondo lei va tolta questa ciste. Mercoledì 30 ottobre ho appuntamento con un primario di ginecologia per sentire un altro parere, ma nel frattempo mi reco dal mio solito ginecologo, quello che non si era accorto mai di nulla e facendo eco dice che si vede male, che sembra addirittura più piccolo di un cm ma che comunque l immagine non era ben chiara a causa dell'instestino che copre, e che addirittura potrebbe non esserci nulla. Io davvero non so più cosa pensare.. .

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se si tratta di una CISTI DERMOIDE (diagnosi certa!!) va asportata chirurgicamente perchè non esistono alternative terapeutiche e quindi se aumenta di volume , potrebbe inglobare il restante tessuto ovarico con perdita dell'intero ovaio.
In alcuni casi (dubbi) si ricorre alla RMN pelvica per preservare la fertilità di una donna di 33 anni che non deve rischiare di perdere un ovaio !!
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Ma va tolta anche se è di soli 2 cm o bisogna aspettare che aumenta?

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il rischio è proprio l'aumento di volume , che va a scapito del tessuto ovarico buono.
Va monitorata la crescita , e prima di tutto confermata la DIAGNOSI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI