Utente
Salve, chiedo un consulto per mia madre, una donna di più di sessant'anni.

L'altro giorno ha avuto una perdita ematica nonostante sia in menopausa ormai da molti anni.

Ha preso appuntamento dal suo medico per una visita ginecologica, ma la visita le è stata fissata quasi a metà marzo.
Volevo chiederVi se un'attesa di due settimane potrebbe causare un aggravamento del problema eventualmente presente e quindi se è opportuno cercare un altro specialista che possa visitarla prima.

Grazie per il vostro aiuto

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Qualsiasi tipo di sanguinamento genitale in MENOPAUSA va approfondito , prima di tutto con una ISTEROSCOPIA DIAGNOSTICA ( con eventuale biopsia mirata dell'endometrio ) per la valutazione della situazione dell'endometrio.
Escludere la provenienza del sanguinamento da una lesione vulvare (lesione ulcerata) o da una formazione polipoide benigna.
Mi aggiorni!
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Buonasera, La ringrazio molto per la Sua risposta.
Abbiamo preso subito appuntamento con il nostro ginecologo (anche perchè, oltre alla perdita di sangue, mia madre ha anche avvertito, nel giorno seguente, un leggero fastidio che ha descritto come "simile al dolore mestruale"). Al momento della prenotazione però la data più vicina per la visita è risultata essere fra due settimane, a quasi metà marzo. Secondo Lei sarebbe opportuno ricercare un altro specialista che possa eseguire prima queste indagini?