Utente
Buongiorno,
È da luglio che ho una candida perenne.
Ho fatto un tampone ed è risultato candida Glabrata.

Ho usato tanti di quegli ovuli, creme e pastiglie per bocca... Ma non sono serviti a nulla.

Nel frattempo ho avuto spesso, episodi di mal di pancia, bruciore di stomaco, voglia di vomitare, stipsi e diarrea...veramente insopportabili.
Diventavo bianca in viso dal dolore.

Ancora adesso questi episodi si presentano.

Come se non bastasse, spesso compaiono stimoli di dover urinare anche dopo essere andata.
Mi hanno diagnosticato la cistite ma io non presentavo bruciori di nessun tipo neanche durante la minzione.

Mi hanno dato antibiotici: monuril 2 bustine... Che non sono servite perché lo stimolo non è passato... E 6 pastiglie di ciproxin... Senza nessun effetto...
Mi è passato da solo dopo 15 gg.

Ora si è ripresentato ed è molto fastidioso.

(preciso che sono negativa alle Malattie sessualmente trasmissibili)
Per curare la candida nel frattempo, mi hanno detto di fare una dieta togliendo lieviti, zuccheri, grassi, pasta ecc... E insieme mi hanno dato dei fermenti da prendere per riequilibrare la flora intestinale.

Ma non sembro migliorare... Anzi quei famosi episodi sono più frequenti di prima.

Sono stanca di sentirmi dire "è cistite! Prenda questo" "è candida prenda questi ovuli, prenda queste creme, prenda probiotici"...
Potete dirmi il motivo del mio stimolo e dei miei problemi intestinali?
E una cura?

Grazie

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'errore di fondo sta nel classificare una candidosi vaginale ricorrente senza eseguire un tampone specifico o un esame batteriologico a fresco delle secrezioni vaginali , che mettano in evidenza un numero elevate di colonie fungine .
Ricordo che un tampone aspecifico rileverà sempre la presenza di Candida essendo presente nella flora saprofitica vaginale , ma questo non significa VAGINITE !
Inoltre se resistente a varie terapie va eseguito un ANTIMICOGRAMMA per stabilire qual'è l'ANTIMICOTICO più sensibile.
Molto spesso questa sintomatologia è riferibile ad una VULVITE , che non ha nulla a che vedere con la CANDIDA.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Diagnosticano la vulvite con qualche tampone o basta una visita ginecologica?
Perché ho fatto più visite ginecologiche (tutto nei parametri) e nessuno mi aveva mai parlato di vulvite. Anzi mi avevano solo azzardato delle cure per questa candida.

E l'antimicogramma può prescriverlo anche il medico di base?
Grazie per la sua disponibilità!

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
CERTO , può prescriverlo anche il medico di base.
Un esame obiettivo ginecologico evidenzia una eventuale "vulvite" spesso mi aiuto con una vulvoscopia ( utilizzando il colposcopio) .
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Grazie per il suo aiuto!
Cordiali saluti