Utente
Buongiorno, ho 35 anni ed ho alle spalle 3 aborti spontanei attorno alla 6/7 settimana.
Attualmente sono incinta ad 8+2 e mi sono sottoposta ad un’ecografia di controllo.
L’embrione era delle dimensioni giuste ed il battito è stato visualizzato.
Al termine dell’esame il ginecologo, senza avvisarmi, ha attivato il doppler per farmi sentire il battito forse pensando di farmi contenta.
In realtà mi sono spaventata e ho sentito una sensazione di calore interno: gli ho detto subito di interrompere perché ho letto che potrebbe essere dannoso, ma ormai era troppo tardi e, nonostante le rassicurazioni del ginecologo, sono uscita preoccupata di aver causato dei danni all’embrione.
Vista la mia esperienza di numerosi aborti e tentativi pma falliti, sono molto spaventata e vorrei evitare qualunque rischio.
Vorrei sapere se è possibile aver arrecato danni all’embrione e chiedere come mai alcuni ginecologi procedano in questo modo nonostante le linee guida sconsiglino tale procedura fino alla decima settimana.

[#1]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la sua informazione è corretta: le linee guida SIEOG indicano che il Doppler pulsato può essere usato a partire da 10 settimane compiute, anche se il danno sull'embrione non è dimostrato, per cui le direi di stare tranquilla.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi