Translucenza nucale alterata

Salve dottori... Vi scrivo per ricevere un vostro parere in merito ad una situazione che sto attraversando che è alquanto particolare.
Ho 32 anni e sono già mamma di un bimbo di 9 mesi.
Il 22 Giugno 2020, 6 mesi dopo il parto, ho avuto il capo parto.
A Luglio non ho avuto ciclo ma pensavo fosse un PROBLEMA dovuto magari al fatto che ancora allattatavo seppure non in maniera costante.
Ho fatto il test di Gravidanza a fine Agosto il quale mi ha dato un esito positivo.
Nulla di strano fino a qui.
Prenoto di corsa una visita dal ginecologo per appurare che la gravidanza stesse procedendo bene... E soprattutto per capire a questo punto a quale settimana di gestazione mi trovassi.
Alla prima visita mi viene ridatata la gravidanza con ultima mestruazione 15.07.
2020 (mestruazione ripeto mai arrivata a Luglio).
Eseguo il bi test e comunico al primo esame ovvero.
Il prelievo al sangue questa data... La dottoressa che però ha eseguito la parte ecografia del bi test mi ridata al 04.07.
2020 in quanto rispetto la data detta in precedenza a suo dire non corrispondeva il riscontro ecografico.
Risultato del bi test un fattore di rischio di 1:410 come rischio corretto partendo da un rischio base di 1:450.
Chiedo delucidazioni alla dottoressa sul perché mi è venuto fuori questo risultato e lei mi dice di stare serena... Che si tratta comunque di un rischio basso e che secondo lei è venuto fuori questo risultato perché al prelievo avevo comunicato la data della mia ultima mestruazione a questo punto errata ma che ecograficamente e a livello di translucenza risultava comunque tutto nella norma ovvero uno spessore di tN pari a 1.88 mm.
Spiego tutto al ginecologo che fino a questo momento mi ha seguita, il quale non ci vede chiaro rispetto la spiegazione che mi è stata data dalla dott.
Ssa e mi fa ripetere l'ecografia da una dottoressa di sua fiducia la quale nota una translucenza di 2.7 mm con edema a mantella consigliandomi pertanto per evitare qualsiasi dubbio di eseguire una villocentesi.
Detto questo io mi sento talmente confusa a tal punto da richiedere domani 1 altro parere alla dott ssa che segui la mia prima gravidanza.
Sono molto preoccupata...perché del mio primo figlio non ho avuto nessun tipo di problema... Possibile che ognuno mi dice una cosa diversa?
Due dati totalmente opposti ripetuti a distanza di una settimana.
Chiedo un vostro parere in merito se è possibile... Sperando che domani avrò chiariti i miei dubbi da chi mi rifarà l ennesima visita
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,6k 1,3k 252
Lo spessore della plica nucale (tranlucenza nucale ) aumentato potrebbe essere un marker di un alterazione genetica (aneuploidia ) come la sindrome di DOWN , quindi una valutazione corretta della plica nucale associata ad una valutazione ematica materna della FREE BETA e PAPP-A fa una corretta valutazione dell' indice di rischio di una TRISOMIA 21 , 18 e 13 .
E' chiaro che impossibile esprimere un mio parere non potendo essere certo della corretta valutazione di questi parametri.

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

Gravidanza: test, esami, calcolo delle settimane, disturbi, rischi, alimentazione, cambiamenti del corpo. Tutto quello che bisogna sapere sui mesi di gestazione.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test