Utente 349XXX
Salve, innanzitutto vi ringrazio per la vostra disponibilità, vi racconto in breve i miei sintomi: tutto è iniziato a luglio dell'anno scorso, ho cominciato ad avvertire un forte dolore ai lati della mandibola, sotto l'orecchio, dolore che è sempre stato bilaterale, ci sono stati giorni in cui era più o meno forte, ma comunque costante; lo posso descrivere come bruciore, stiramento, quasi scosse... Solo durante la settimana di vacanza al mare questo dolore è scomparso, ma al ritorno è riapparso e fino a metà novembre è stato continuo. Da qui non ho più avvertito disturbi fino a 20 giorni fa circa. Nel frattempo mi sono sottoposta a diverse visite e diciamo che ciò è stato attribuito ad artrite temporo mandibolare dovuta a malocclusione e mi è stato consigliato un bite, anche se sul termine artrite non tutti i medici sono stati d'accordo. Ho fatto anche degli esami del sangue ed è risultato alterato il valore degli anticorpi antinucleo (ANA), la mia domanda è: le due cose possono essere collegate? Potrebbe cioè trattarsi di una malattia autoimmunitaria? E se no, il bite può risolvere questa situazione? Vi ringrazio, Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Gizdulich

24% attività
0% attualità
12% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
la prwesenza di artrite dell'articolazione, come ogni altra infiammazione deve portare con se i segni clinici della malattia oltre ai sintomi. Esistoni infatti dolori delle articolazioni di origine muscolare che possono facilmente essere confusi e che richiedono iniziali trattamenti molto diversi. La malattia nel quadro generale dovrebbe però essere sempre approfondita e valutate per capire quale dovrebbe essere l'obietto di un eventuale bite. Il dolore non è sufficiente per una diagnosi ne tantomeno per giustificare una terapia. Consiglio una visita da un esperto gnatologo per completare la diagnosi.
Dr Andrea Gizdulich
Prof. a.c. Disordini Cranio Mandibolari
Dip. di Odontostomatologia - Università degli Studi di Firenze.
www.dccm.it

[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Talvolta si può associare la presenza di artrosi dell'articolazione temporo-mandibolare e quella di artrite. La terapia dell'artrosi temporomandibolare è di stretta pertinenza gnatologica (dentista). La terapia dell'artrite è invece di competenza reumatologica. Tra le indagini da fare c'è sicuramente nel Suo caso una valutazione reumatologica con gli esami del sangue e una radiografia ortopantomografica. Questa è la cosa più importante da fare. Contemporaneamente si deve valutare l'eventuale malocclusione ed intervenire con adeguato bite (da come descrive i sintomi mi pare ce ne sia bisogno). La valutazione reumatologica è assolutamente importante da fare. Se lo gnatologo ed il reumatologo lavoreranno insieme i risultati saranno migliori. A proposito ha già fatto visita reumatologica?

http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum