Utente 169XXX
Salve, dottori
da qualche anno convivo con un problema alla mandibola. Ogni volta che apro la bocca, avverto un leggero schiocco a livello dell’articolazione al lato destro. Questo problema si evidenzia sopratutto con la notte perché la mattina spesso mi ritrovo con qualche problema in più all’articolazione forse per la posizione assunta nel sonno. Tali schiocchi sono spesso presenti durante la masticazione e nel parlare. Dopo qualche schiocco la mandibola e come se si assestasse e schiocca molto meno o niente completamente.
Il dentista dopo visita e rx alla mandibola mi ha detto che tale schiocco e dovuto alle mole del giudizio e che sarebbe opportuno estrarle per eliminare il problema. E’ davvero questa la soluzione per eliminare il problema definitivamente o esiste qualche altra soluzione?
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
difficile dipenda dal dente del giudizio che solo se estruso o eccessivamente erotto ( comparso in arcata ) potrebbe sì creare dei pre-contatti
probabile che lei abbia un serramento notturno che solleciti l'articolazione
senta un parere da un collega esperto in gnatologia e per ora lasci perdere l'estrazaione del dente del giudizio che se complicata potrebbe aumentare i disturbi all'articolazione
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Dr. Maurizio Buganza

20% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
lo scroscio o "schiocco" mandibolare dipende molto spesso dall'avanzamento del menisco articolare situato fra il condilo mandibolare e la cavità glenoidea. La mandibola si trova quindi un vero e proprio ostacolo meccanico (meniscale) da scavalcare e, quando lo fa, si avverte il tipico click da ricattura.
Io per il momento eviterei pratiche invasive, tipo l'estrazione del dente del giudizio, prima di aver fatto una corretta diagnosi anamnestica, clinica e strumentale che preveda ad esempio una risonanza magnetica delle ATM e dei test specifici quali quello elettromiografico ed elettrokinesiografico.
Eventualmente prenderei in considerazione una terapia gnatologica con un bite appropriato al suo caso, per sottrarre carico su una articolazione a quanto pare in sofferenza.
Saluti
Dr. maurizio buganza

[#3] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=81910 leggendolo forse comprende meglio quello che Le capita. Aggiunga che probabilmente ha anche un bruxismo che può essere "silenzioso" (serramento) o "rumoroso" (digrignamento).
Per caso Lei assume anche farmaci?
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum