Utente 140XXX
salve, sono una ragazza di 23 anni e da un paio di mesi soffro di un dolore alla mandibola che anche sotto farmaci antidolorifici non accenna a diminuire.
le spiego: come dicevo, un paio di mesi fa ho cominciato a sentire un leggero dolore in coincidenza dell'orecchio sx, convinto si trattasse di una semplice otite il mio dottore (x due volte in un mese) mi ha prescritto una terapia antibiotica. fortunatamente tempo dopo al pronto soccorso mi è stato detto che il mio orecchio stava benissimo e che il problema era incentrato sulla mandibola.
ho fatto una visita stomatologica e dall'ortopantomografia a bocca chiusa è stato evidenziato un dente del giudizio (cresciuto gia del tutto) che non riesce a venir fuori perchè stortissimo; questo mi avrebbe provocato una contrattura dell atm.
sollecitata ad andare da un dentista specializzato, il quale presume si tratti dinun sospetto di locking dovuto forse allo spostamento del condilo o una suo deterioramento. mi è stata prescritta una risonanza (di cui sto aspettando ancora i risultati) ma il problema è che in questi giorni i dolori sono aumentati: non riesco ad aprire del tutto la bocca, specialmente la sera in quanto mi sento come se mi avessero riempito di pugni in faccia da quanto è dolorante, i click mandibolari sono più frequenti (quasi ogni qualvolta che cerco di aprire la bocca al max) non riesco a mangiare bene e a sbadigliare (mangio solo cose morbide altrimenti non riesco), sono soggetta a dolori cervicali che talvolta mi bloccano proprio, lo zigomo sx è sempre dolorante come d'altronde tutta la fascia sx della faccia.
non so più come fare anche perchè mi è stato sconsigliato vivamente di farmi togliere ora questo dente in quanto non posso stare con la bocca aperta rischiando un blocco ancor più grave.
cosa devo fare? questo dolore mi entra in testa, soffro di emicranie tutti i giorni ormai, rovinandomi giornate intere.
confido in un vostro consiglio.
cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Gentile utente il locking consiste nella dislocazione anteriore del disco articolare che non contrae più i giusti rapporti tra i capi ossei dell'ATM, detto questo veniamo ad analizzare la sua situazione:
il fatto che non riesca ad aprire completamente la bocca farebbe pensare in effetti ad un locking, in questa situazione tuttavia il click è assente (mentre lei dice << i click mandibolari sono più frequenti >>) in quanto tale rumore è dovuto alla ricattura del disco da parte del condilo, ricattura che nel locking non avviene più.
I suoi sintomi fanno comunque pensare ad una problematica relativa all'ATM.
Si faccia visitare da uno gnatologo per una diagnosi ed un adeguato trattamento.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#2] dopo  
Utente 140XXX

la ringrazio vivamente per il suo parere e prenderò sicuramente in considerazione il suo consiglio.
vorrei però ora mostrarle il referto della risonanza magnetica che cita:
i condili mandibolari risultano regolarmente delineati e i dischi articolari appaiono lievemente lussati anteriormente medialmente il D e anteriormente e lateralmente il S.
Durante l'apertura della bocca in massima protrusione il condilo ricattura il disco sia a D che a S ma non supera bilateralmente il tubercolo articolare anteriore.
Conclusione: sublussazione discale bilaterale, parziale "lock".
Ora, siccome ho gia realizzato che ci vorranno molti giorni per vedere il mio odontostomatologo e settimane per riuscire ad avere un appuntamento con lo gnatologo, volevo gentilmente chiederle se può spiegarmi a grandi linee cosa sta succedendo nella mia bocca ed eventuali consigli per poter diminuire il mio dolore.
mi scuso per la mia insistenza ma sto passando dei momenti molto brutti a causa di questo dolore.
la ringrazio ancora una volta.
cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Gentile utente, se il condilo ricattura il disco articolare non si ha il locking, inoltre in questo referto c'è qualcosa che non mi quadra, in massima apertura il condilo non deve superare l'eminenza articolare (che qui il radiologo chiama tubercolo)ma porsi al suo vertice (come credo che si verifichi nel suo caso).Da questa rmn a me non sembra che ci siano grossi problemi,il dolore potrebbe anche derivare da una compressione dei tessuti retrodiscali.Di più non riesco davvero a dirle.
Ne parli direttamente con il suo gnatologo.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Provi a leggere https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=81910 probabilmente avrà qualche informazione in più.
prima di pensare ad estrarre il dente aspetti che il dolore sia ridotto. Qualche informazione sulla terapia può trovarlo su https://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/699-bruxismo-riconoscerlo-affrontarlo.html la terapia (bite) è la stessa.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#5] dopo  
Utente 140XXX

vi ringrazio per le vostre informazioni.
sono andata dal mio odontostomatologo circa 2 settimane fa e per il momento mi ha prescritto un esercizio da fare con la bocca almeno 3 volte al giorno (consiste nell'aprire una volta la bocca al massimo e poi x dieci volte chiudere e aprire) purtroppo questo mi provoca ancora più dolore e per far fronte a questo mi sono stati prescritti diversi antidolorifici che però sono forti e mi provocano mal di stomaco.
per i primi di aprile se il dolore è ancora così persistente dovrò tornare x prendere in considerazione l'utilizzo di un bite anche se mi è stato detto che ormai i menischi sono talemente spostati verso il basso che non li recupererò più, quindi il bite servirebbe solo x alleviare il dolore.
io vorrei chiedervi se ne vale la pena quindi spedere tempo e soldi x questo "apparecchio".
un ulteriore quesito mi è nato navigando x diversi siti dove ho letto che certi distrurbi possono essere correlati anche a problemi di altra natura (es:piedi piatti, schiena ecc..) essendo che io ho appunto sia i piedi piatti che un'ernia al disco vorrei sapere se c'è qualche correlazione tra le 2 cose.
vi ringrazio in anticipo.

[#6] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Rilegga il file, se il bite è sufficientemente alto il disco articolare dovrebbe rientrare.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum