Utente 141XXX
Sono una donna di 43 anni e, a seguito di una diagnosi di un'importante sofferenza condilare con dolore diffuso temporo-mandibolare dx, e dopo aver inutilmente portato per 2 anni uno splint notturno e fatto un ciclo di fisioterapia, ho deciso di intraprendere la strada dell’ortodonzia fissa. I 2 premolari inferiori sono stati estratti per bilanciare la mancanza del canino dx (originariamente in posizione vestibolare) e il molare sinistro (originariamente in posizione palatale) nell’arcata superiore. Ho portato per circa 30 mesi l’ortodonzia fissa su entrambe le arcate e un impianto endo-mandibolare al fine di ottenere spazio nell’arcata superiore e di riallineare le arcate e raggiungere l’allineamento della linea mediana. Le arcate hanno raggiunto l’equilibrio, il dolore è scomparso e la masticazione è ottima. Residua tuttavia un fastidioso clic mandibolare da entrambi i lati, cha anzi sembra essere peggiorato. Mi era stato detto che il disco articolare sarebbe rientrato nella sede solo a condizione che i legamenti fossero in buono stato, ma considerata l’età non mi era stato garantito.
Vi chiedo come mai pur avendo con successo allineato le arcate, creato lo spazio mancante e tolto il dolore temporo-mandibolare, residua ancora questo fastidioso ed accentuato clic in apertura e se si può fare qualcosa.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Perche' la terapia ortodontica e' stata idonea a correggere la malocclusione ma non a trattare gnatologicamente la paziente ed anzi ritengo che partire con l'ortodonzia in situazione di patologia articolare come nel suo caso e' successo debba essere assolutamente soddisfatta di aver risolto la sintomatologia. Importante sapere anche che qualsiasi terapia gnatologica puo' portare a risoluzione clinica dei sintomi ma non a scomparsa dei rumori di fronte a modifiche strutturali od artrosi che dei condili
Cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Utente 141XXX

La ringrazio per la risposta celere. Se ho ben inteso dunque non ci sarebbe alcun rimedio per il clic mandibolare e la sensazione di scatto dell'articolazione. Inoltre quando si avverte il clic è come se il disco articolare fosse uscito dalla sua sede, perciò mi chiedo se esista un metodo per farlo rientrare nella sua sede, magari modificando il piano occlusale ed i relativi contatti...

[#3] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Mi sono evidentemente spiegato in modo incompleto. Il significato di quanto detto e' il seguente:
Solitamente si ritrova un adeguato equilibrio articolare si da recuperare un benessere clinico con scomparsa dei disturbi e poi si inizia la terapia ortodontica avendo individuato quale sara' l'occlusione ideale con bite, placche od altre metodiche che lo gnatologo utilizza. Nel suo caso si e' iniziata la terapia ortodontica in uno stato di sofferenza articolare e si e' dovuto quindi " navigare a vista" in quanto si e' cercato correttamente di trovare l'occusione corretta senza purtroppo sapere se questa corrispondesse alla posizione articolare ideale corrispondente all'assenza di disturbi, che, comunque non e' detto esista nel suo caso.
A questo punto andrebbe valutata la situazione gnatologica se presenta margini di miglioramento che poi potrebbe richiedere nuove correzioni ortodontiche
Cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
[#5] dopo  
Utente 141XXX

Ringrazio il dr. Tonlorenzi, il sito è davvero interessante per comprendere come avviene il click mandibolare.
Vorrei precisare al dr. Finotti che nel mio caso di specie, non si poteva arrivare ad un adeguato equilibrio articolare ed alla remissione dei sintomi in quanto il disallineamento delle arcate era tale da compromettere la chiusura, inoltre né la fisioterapia nè il bite erano riusciti a raggiungere lo scopo.
L'ortognatodonzia applicata al mio caso ha portato alla scomparsa del dolore, pertanto ha raggiunto lo scopo.
Ciò che chiedo non riguarda quello che poteva essere fatto in precedenza, ma se allo stato attuale della fisioterapia e/o altri presidi possono essere di aiuto a ridurre il click, che di per sé non è una patologia, ma è molto fastidioso.
Grazie.

[#6] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Esercizi di ginnastica mandibolare possono essere d'aiuto http://www.danieletonlorenzi.it/atm/stretching-mandibolare-contro-il-dolore-e-wellness-benessere-in-odontoiatria/
Riguardo il bite devo dire che non sempre quello utilizzato è adeguato, https://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/news/821/Tanti-tipi-di-bite-ai-denti-come-sceglierlo
spesso succede di osservare bite che non raggiungono lo scopo. Non è però che tutti i bite non funzionano.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum