Utente 288XXX
Buongiorno sono un ragazzo di 21!! da 4 5 anni ho un problema!! una volta all'anno sono soggetto ad episodi di vertigini!! la prima volta avevo 16 anni e la mattina al risveglio ho notato che ero soggetto a queste vertigini!! avevo dato la colpa al ventilatore siccome la notte, di estate, avevo i capelli bagnati e appunto il ventilatore soffiava dritto alla testa!! queste vertigini il giorno dopo sono scomparse!! dopo due anni di nuovo lo stesso problema!! solo che queste vertigini mi sono arrivate dopo aver preso un acquazzone!! quindi capelli bagnati, ed io letteralmente inzuppato!! per stare bene dovevo stare solo sdraiato!! e il giorno dopo di nuovo ritornavo a stare bene come sempre!! l'anno scorso ho avuto un'altra volta vertigini però leggere in questo caso! sempre al risveglio!! sono andato a visitarmi dall'otorino e l'esito e tutto negativo!! mi ha rassicurato che il mio orecchio e udito è perfetto!! mi ha spiegato che le mie vertigini non sono oggettive ma soggettive ovvero non mi gira il mondo attorno ma sono io che ho difficoltà a reggermi in piedi!!
Da la visita lui ha notato che quando apro e chiudo la mandibola fa uno strano rumore e nella chiusura ha un leggero spostamento!! e mi ha detto che ho un pò di progenismo!! secondo voi dottore è dovuto a questo?? Premetto che da piccolo da visita di un dentesta mi ero stato detto che dovevo portare l'apparecchio però io non l'ho messo!! chiedo un vostro consulto!! grazie e buona giornata

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, poiché il suo disturbo permane nonostante le indagini e le cure del caso le suggerirei di non trascurare una possibile causa di vertigine spesso trascurata: la disfunzione dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) . Del resto anche la letteratura scientifica riferisce che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria non sono sostenuti da problemi otologici , è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio che bisogna rivolgere qualche attenzione.
La vertigine, di questi sintomi è forse il più tipico.
E' significativo che, nel suo caso, lo strsso Collega ORL abbia pensato a questa ipotesi
Pertanto le consiglierei di farsi visitare anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare.
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema. Cordiali saluti ed auguri.

http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-vertigine-pertinenza-odontoiatrica.html
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 288XXX

Grazie dottore provvederò subito alla visita di un dentista gnatologo!! comunque ho dimenticato un particolare!! ho un lieve ma persistente fischio alle orecchie però senza darmi fastidio!! anche questo è dovuto da problemi riguardanti mandibola?? grazie ancora dottore per il consulto

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
[#5] dopo  
Dr. Alessandro Fedi

24% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Il suo racconto è molto suggestivo per uno squlibrio osteomuscolotendineo del collo, che si esacerba quando , come racconta, le sue componenti sono sottoposte a ulteriore stress come una perfrigerazione.
L'episodicità delle vertigini indica che abitualmente lei riesce a compensare piuttosto bene, ma potrebbe essere che visitandola si possa cogliere qualche altro segno di disfunzione che lei non mette in relazione.
Il rumore articolare e lo spostamento che avverte in prossimità del contatto dentale in chiusura possono indicare sia una determinante occlusale del suo disturbo sia una componente adattativa di uno squlibrio posturale più generale.E' opportuno considerare oltre alla diagnosi gnatologica uno studio globale sulla postura.
Dr.Alessandro Fedi Spec.Odontostomatologia Spec.Ortognatodonzia Gnatologo Psicoterapeuta Ipnosi www.guardachesorriso.com www.ipnosiodontoiatrica.it

[#6] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Lo studio posturale globale darebbe senza dubbio una visione più esauriente dei suoi problemi http://www.danieletonlorenzi.it/?s=cervicalgia%2C+gonalgia+postura&x=0&y=0 nei quali l'articolazione temporomandibolare può essere sia "colpevole" dei disturbi generalizzati che "vittima". Nel secondo caso clinico è riportato un esempio di bite che non funziona perché il problema è altrove.
Grazie al dr. Fedi per il contributo.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum